search

Il blog di Laura Pirovano: appunti di viaggio, segnalazioni di giardini, proposte di plant design

Un nuovo giardino a Milano inaugurato con il primo tratto della M4.

Una immagine del giardino lineare. Crediti Luca Pagano

A fine novembre a Milano è stato inaugurato il primo tratto della M4, la nuova linea blu che alla conclusione dei lavori attraverserà la città da est a Ovest collegando San Cristoforo sui Navigli all’aeroporto di Linate.
“Dalla prossima primavera (2023), entreranno in funzione anche le stazioni di Tricolore e San Babila, col collegamento centro città-aeroporto in 14 minuti. Infine, nel 2024, ci sarà il completamento della tratta ovest tra San Babila-San Cristoforo. Ventuno, in totale, le fermate per trasportare, senza conducente, 86 milioni di passeggeri l’anno su un flotta di 40 treni (più 7 di scorta). La frequenza negli orari di punta della “blu” sarà di 90 secondi. Con la quarta linea a regime, Milano conterà su 118 chilometri di linee e 136 stazioni e diventerà in questo modo la sesta rete underground in Europa per estensione.”
Ho trovato interessante, per la sua grande attenzione alla fruibilità di diversi segmenti della popolazione, i nuovi giardini di viale Argonne che accolgono spazi per i giochi  suddivisi per fasce di età, aree per lo sport (campo di calcetto, campo da basket/pallavolo), piste ciclabili e percorsi pedonali, campi da bocce, tavoli da ping pong e molte aree cani. Pavimentazione ecologica drenante e filari di alberi, prevalentemente aceri e prunus, molti dei quali purtroppo hanno risentito della siccità della scorsa estate.
Ecco alcune immagini

La planimetri dei giardini di viale Argonne

Giardini di viale Argonne : pista cicclabile

Sedute vicino ad uno dei campi sportivi

Una delle aree gioco

Percorsi pedonali

Piccole sedute sotto una pergola

Ingresso della stazione Susa

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

  • Avatar

    Lidia

    |

    sempre molto interessante. grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

Giardini in viaggio Laura Pirovano