nov 10 2016

Giappone: giardini di passeggio antichi e moderni

Pubblicato da alle 9:20 pm nella Giardini e luoghi

ohkouchi sansou garden: un quadro sul paesaggio

Kyoto è soprattutto una città di templi e di giardini: se ne contano migliaia sia shintoisti che prevalentemente buddhisti. Ogni tempio buddhista è come un mondo a sè stante costellato da una successione di sotto templi ciascuno con i suoi giardini. Ma oltre ai templi ci sono i giardini imperiali e tra questi uno dei luoghi culto della città è Katsura Imperial Villa, che prende il nome dal fiume omonimo e che fu edificata nella prima parte del 1600 dal principe Toshihito e dal figlio Noritada come un insieme di piccole architetture (padiglioni del tè e la villa imperiale) che si affacciano su un laghetto centrale. Le architetture della villa sono state studiate, amate e fonte di ispirazione per l’architettura occidentale del novecento. Il giardino, stupendo e armonioso, è un tipico esempio di giardino di passeggio, una sorta di partitura di scene che, a diverse velocità ritmano lo spazio intervallato da lente pause. Italo Calvino ne parla come un giardino “in cui l’armonia interiore si raggiunge seguendo passo a passo il sentiero e passando in rassegna le immagini che si presentano alla vista. Qui è il percorso la ragione essenziale del giardino” (da “Collezioni di sabbia”, 1984).

Katsura Imperial Villa

Katsura Imperial Villa

katsura imperial villa

katsura imperialvilla: vista di uno dei padiglioni del tè

katsura imperial villa: viste del giardino dall’interno di uno dei padiglioni. Uno stretto legame fra dentro e fuori che dona al visitatore sempre differenti viste.

La semplicità dell’edificio che ospita la villa imperiale.

Un altro esempio molto interessante di giardino paesaggistico, da godere camminando, è Kenrokuen garden a Kanazawa, considerato uno dei più belli del paese, il cui nome significa letteralmente “Giardino delle 7 sublimità”. Costruito durante due secoli dalla metà del 1600 al 1800 venne aperto al pubblico nel 1872 e contiene tutti gli elementi tipici dei giardini di passeggio giapponesi, acqua, ponticelli, lanterne, pietre, vedute, alberi e arbusti fioriti.

Kenrokuen garden Kanazawa

Kenrokuen garden Kanazawa

Kenrokuen garden Kanazawa

Kenrokuen garden Kanazawa: una delle tante giardiniere all’opera per estirpare a mano delle erbe infestanti dal tappeto di muschio.

Una deliziosa sala da tè affacciata su uno dei laghetti del giardino di Kanazawa

Spesso i templi ospitano, oltre ai giardini secchi (karesansui) piccoli giardini ombrosi da percorrere su piccoli sentieri con ciottoli: sono luoghi molto suggestivi dove il prato è sostituito dal muschio che con le sue ondulazioni rende dinamica la superficie del giardino.

Un esempio è quello di uno dei templi del complesso di Daitokuji sempre a Kyoto.

L’ingresso al tempio Koto in del complesso di Daitokuji

Giardino di Koto in Temple

Koto in Temple

Ancora a Kyoto una meta fuori dai soliti percorsi turistici è il piccolo museo dei netsuke, piccole sculture spesso di avorio, legno o di ambra che raffigurano divinità, animali e personaggi curiosi: l’emblema della raffinatezza e della preziosa artigianalità giapponese. Il museo è ospitato in un bellissimo edificio antico e all’esterno ha un piccolo giardino molto suggestivo.

Uno scorcio del giardino del Netzuke Museum a Kyoto.

Un altro esempio, moderno questa volta, di giardino paesaggistico è quello della villa Ohkouchi Sansou, la residenza di un attore progettata negli anni cinquanta del Novecento.

Ohkouchi sansou garden, Kyoto

Ohkouchi sansou garden

Ohkouchi sansou garden

Nessun commento

Commenti RSS

Lascia un commento