ago 17 2017

A Maestri di paesaggio prima edizione di Green Book

Pubblicato da nella News

Il giorno 22 settembre alle 18.30 Silvia Ghirelli presenterà il mio libro ‘Disegnare il giardino con le piante’, Biblion edizioni all’interno di Green Book, prima edizione a cura dell’Associazione culturale Parolario che si terrà a Bergamo nell’ambito degli eventi di Maestri di paesaggio.

Molti gli autori presenti alla manifestazione tra cui Mancuso, Giubbini, Bruni e Venturi Ferriolo.

Ecco il programma

Stefano Mancuso

GREENBOOK

nell’ambito de “I Maestri del Paesaggio” Bergamo – Porta Sant’Agostino

9/10 – 22/23/24 settembre ore 11.30 e ore 17.30

A cura dell’Associazione Culturale Parolario

Prima volta di GreenBook e Parolario a I Maestri del Paesaggio (imaestridelpaesaggio.it), la manifestazione che da sette anni porta a Bergamo i migliori progettisti del paesaggio e le espressioni più interessanti del landscaping internazionale.  Dal 7 al 24 settembre, Bergamo sarà al centro della cultura del paesaggio, e la bellissima piazza-gioiello di Bergamo Alta diverrà ancora una volta emblema di una riflessione attraverso un esercizio e un allestimento temporaneo.
Quest’anno il tema proposto dal paesaggista olandese Lodeewijk Baljon è “COOL LANDSCAPE“  .
La manifestazione è organizzata dall’Associazione Arketipos insieme al Comune di Bergamo con il sostegno di Regione Lombardia, Camera di Commercio, Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Università degli Studi di Bergamo, Parco dei Colli di Bergamo e quest’anno del Consolato Paesi Bassi in Italia.

Obiettivo di GreenBook è quello di porre l’accento sui temi del verde, del giardino, della sostenibilità, del paesaggio dando voce ai libri e ai suoi autori. Quindi, focus sulle novità dell’editoria italiana di settore e avvicinamento alla lettura attraverso gli incontri con gli scrittori come è nella mission dell’Associazione Parolario che da diciassette anni organizza con grande attenzione di pubblico l’omonimo festival letterario a Como.

Gli incontri organizzati sono dodici e tra gli ospiti ci saranno il neurobiologo Stefano Mancuso, il professor Renato Bruni dell’università di Parma, il filosofo Massimo Venturi Feriolo, Simonetta Chiarugi e Camilla Zanarotti, Giordano Giannini, autore di numerosi libri sul tema cinema e arte, il fotografo Dario Fusaro, il giornalista Maurizio Dematteis, Laura Sabrina Pelissetti, presidente ReGiS – Rete dei Giardini Storici e Lionella Scazzosi del Politecnico di Milano, Guido Giubbini, storico dei giardini, Francesco Ferrini professore di Scienze Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente dell’Università di Firenze, Laura Pirovano, filosofa, paesaggista e autrice del blog Giardini in Viaggio .

In collaborazione con la Libreria della Natura (Milano).

Programma

9 settembre ore 11.30

Laura Sabrina Pelissetti con Lionella Scazzosi     Il GIOCO nel GIARDINO e nel PAESAGGIO (edizioni Regis, 2017)

La pubblicazione, curata da Laura Sabrina Pelissetti, presidente ReGiS – Rete dei Giardini Storici – e da Lionella Scazzosi, Politecnico di Milano, Dip. ABC, Laboratorio PaRID tratta sia l’evoluzione storica dell’intrattenimento e del loisir nei giardini delle ville nobiliari sia le aree-gioco in siti storici, o contemporanei, con riflessioni e analisi delle problematiche di gestione e conservazione.

9 settembre ore 17.30

Renato Bruni Le piante son brutte bestie. La scienza in giardino (Codice Edizioni, 2017)

Dopo aver ereditato un giardino di città, un botanico da laboratorio inizia a osservare aiuole, prati e vasi con lo sguardo della biologia, della chimica, dell’ecologia e della ­fisica e imparando sul campo che le piante non sono le creature semplici e angelicate che crediamo.

Renato Bruni è professore associato in Botanica/Biologia farmaceutica al dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università di Parma.

10 settembre ore 11.30

Massimo Venturi Ferriolo dialoga con Alfredo TomasettaPaesaggi in movimento. Per un’estetica della trasformazione (Derive&Approdi, 2017)

Una domanda ritorna con regolarità: cos’è il paesaggio? Il nome e la cosa appartengono a una realtà in movimento: i luoghi perdono man mano la loro leggibilità e noi non governiamo più i nostri paesaggi, omologati dal mercato e dalla globalizzazione. La speculazione edilizia li degrada. Il paesaggio sarebbe dunque perduto?

Venturi Feriolo, filosofo, è membro del comitato scientifico della Fondazione Benetton Studi Ricerche.

10 settembre ore 17.30

Simonetta Chiarugi e Camilla Zanarotti Più orto che giardino. Come coltivare verdure felici e fiori gentili (Mondadori Electa, 2016)

Basta essere curiosi, dotati di un po’ di manualità e seguire buoni consigli e istruzioni precise. Ecco come coltivare un orto bello, utile ed ecologico in sintonia con la natura, dove fiori, insetti e altri animali utili collaborano a far crescere sane le piante.

Simonetta Chiarugi e Camilla Zanarotti si occupano di garden design.

10 settembre ore 18.15

Francesco Ferrini Amico Albero. Ruoli e benefici del verde nelle nostre città (e non solo) (Edizioni ETS, 2017)

Negli ultimi anni è cresciuta notevolmente la percezione degli spazi verdi come mezzo per sostenere una vita sana nelle aree urbane. Il libro presenta i dati più recenti sugli effetti benefici del verde urbano, come il miglioramento della salute mentale, la ridotta morbilità e mortalità cardiovascolare, e gli effetti positivi riguardo all’inquinamento atmosferico, a cambiamenti climatici, al rumore e al calore in eccesso.

Francesco Ferrini è Professore ordinario del Dipartimento di Scienze Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente dell’Università di Firenze.

22 settembre ore 11.30

Giordano Giannini Cinema e Giardini (Angelo Pontecorboli Editore, 2017)

Avvicinarsi al cinema attraverso il percorso alternativo dell’Arte, della Letteratura e del Mito e focalizzandosi su tre pellicole corrispondenti ad altrettante epoche e concezioni del giardino: “Addio, fratello crudele” (1971) di Giuseppe Patroni Griffi, “Angeli e insetti” (1995) di Philip Haas e l’incantevole “La maschera” (1988) di Fiorella Infascelli.

Giordano Giannini collabora a progetti cinematografici ed è autore di numerosi libri sul tema cinema ed arte.

22 settembre ore 17.30

Dario Fusaro (fotografia) dialoga con Camilla Zanarotti (testi) Pietro Porcinai e il paesaggio (edizioni Libreria della Natura 2017)

“La nostra sopravvivenza” sosteneva Pietro Porcinai “è legata al paesaggio. Dobbiamo fare in modo che i nuovi paesaggi tornino a essere formati come furono quelli di Firenze antica, di Siena antica, di Venezia antica. Il paesaggio riflette sempre, infatti, la qualità di un ordinamento sociale e la società che non ha rispetto per la Natura terrestre non ha rispetto nemmeno per la natura umana.”

22 settembre ore 18.30

Laura Pirovano dialoga con Silvia Ghirelli Disegnare il giardino con le piante (Biblion edizioni – collana Dendron 2017)

 Il volume è un agile strumento per affrontare la progettazione del giardino utilizzando al meglio le piante attraverso i criteri di base del plant design, passando in rassegna in primo luogo le caratteristiche e le modalità di utilizzo di diverse tipologie di piante: piccoli alberi, arbusti, rampicanti, tappezzanti, erbacee perenni ed erbe ornamentali. Inoltre 4 tavole botaniche (arbusti, rampicanti, tappezzanti ed erbacee perenni) dove per ogni pianta vengono individuate: esposizione, persistenza delle foglie, portamento, utilizzo, colore e stagione di fiori, frutti, foglie e rami. Per i fiori viene segnalato il profumo e la capacità di attrarre le farfalle.

23 settembre ore 11.30

Guido Giubbini dialoga con Alfredo Tomasetta Il giardino degli equivoci. Per una controstoria del giardino da Babilonia alla Land Art. (Derive&Approdi, 2017)

Da Versailles all’Isola Bella sul Lago Maggiore, da Villa d’Este ai paesaggi di Piemonte e Liguria, dall’Uzbekistan all’Inghilterra, questo libro è un viaggio sulle forme storiche e architettoniche di quello spazio fatto di verde, acqua, luce, inserito in un ambiente e chiamato «giardino». Guido Giubbini è ispettore della Direzione Belle Arti del Comune di Genova e fondatore del Museo d’Arte Contemporanea di Genova.

23 settembre ore 17.30

Stefano Mancuso dialoga con Alfredo Tomasetta Plant Revolution. Le piante hanno già inventato il nostro futuro (Giunti Editore, 2017)

Vere e proprie reti viventi, capaci di sopravvivere a eventi catastrofici senza perdere di funzionalità, le piante sono organismi molto più resistenti e moderni degli animali. Se vogliamo migliorare la nostra vita non possiamo fare a meno di ispirarci al mondo vegetale.

Stefano Mancuso, Scienziato e professore all’Università di Firenze, dirige il Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV).

24 settembre ore 11.30

Maurizio Dematteis Via dalla città. La rivincita della montagna. (Derive & Approdi, 2017)

Il libro affronta e tratta il fenomeno del «ritorno alla montagna» dove sono nati progetti di vita innovativi, basati su modelli alternativi di sviluppo nel campo della green economy e progetti che seguono i concetti della soft economy basata sulla conoscenza e sull’innovazione, ma anche sull’identità, la storia, la creatività, la qualità.

Maurizio Dematteis, giornalista, dirige l’Associazione Dislivelli ed è direttore responsabile della rivista web mensile Dilsivelli.eu.
Per informazioni

Paola Carlotti/Chiara Lupano

Associazione Culturale Parolario

Tel +39.031301037 – +39.3357059871 – +39.3357835403

www.parolario.it

Nessun commento

ago 17 2017

Agosto nel giardino

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Hibiscus moscheutus

Nel mio giardino quest’anno ci sono molte fioriture: un profluvio di anemoni giapponesi, le ortensie, le lantane, gli ibiscus, le fucsie magellanica e altro ancora.

Anemoni hupehensis e fuchsia magellanica rossa e rosa pallido

Un’altra aiuola di varietà di anemoni giapponesi

Grande soddisfazione da Anemone ‘Prinz heinrich’ di colore rosa acceso a fiore doppio più tardivo degli hupehensis, di altezza sui 70 cm: si è allegramente propagato nel giardino

Mi ha dato molta soddisfazione Hibiscus moscheutus che mi ha regalato una serie di spettacolari fiori bianchi.
Poi i piccoli fiori di Euphorbia marginata, le stelline violette di Barchicoma multifida, una perenne australiana, il violetto di Trachelium coeruleum, le foglie così eleganti e luminose di Trichostema variegata. Molti sono doni delle mie care amiche appassionate giardiniere.

Euphorbia marginata

Trachelium coeruleum

In primo piano le margheritine di Brachicoma multifida che si mescolano ai fiori di Lantana montevidensis

Le belle foglie della perenne da ombra Trichostema variegata

Il giardino di Maria Grazia Campagnani regala sempre quadri di grande bellezza anche in questo periodo.

L’angolo delle erbe ornamentali nel giardino Campagnani

Uno dei laghetti nel giardino Campagnani


In una delle aiuole su treppiedi un’allegra scenografia dei fagioli fioriti di rosso e di bianco

 

Nessun commento

ago 17 2017

A proposito di High Line

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Sky garden Seoul

Ho trovato davvero molto interessanti due servizi apparsi su The Guardian che discutono del modello High Line, del progetto fallito del parco lineare sul ponte a Londra e ci raccontano del successo di un recente progetto di parco lineare sospeso a Seoul.
Grazie all’amica Barbara Fenati che segue regolarmente l’ottimo quotidiano britannico.

Sarebbe davvero utile che la stampa italiana ospitasse finestre sulle grandi città del mondo come fa, con la grande professionalità del giornalismo d’inchiesta inglese, il Guardian.

Ho molto amato e apprezzato High Line di New York ma mi ha interessato leggere anche delle ombre di questo peraltro prezioso progetto.

Il confronto critico è un grande alimento che nutre i nostri spiriti un pò assopiti.

Ecco i links ai due articoli

https://www.theguardian.com/cities/2017/may/19/seoul-skygarden-south-korea-london-garden-bridge

https://www.theguardian.com/cities/2017/aug/15/new-york-high-line-crowd-london-garden-bridge-urban-design

Nessun commento

ago 17 2017

Cartoline dai giardini di Buenos Aires di Marisa Aresi

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Erythrina christa galli

L’amica Marisa Aresi mi manda alcune parole ed immagini da Buenos Aires dove è ritornata a luglio.

Buenos Aires Rosedal del parco Palermo

Buenos Aires è una città molto verde e fiorita anche in inverno, dato che in questa stagione la temperatura oscilla tra +5° e +20; fiori come la stella di Natale sono alberi lungo le strade (vedi foto), come pure Erythrina crista galli (vedi foto).

Stella di natale – Euphorbia pulcherrima

Il più grande parco della città è il Parque bosques de Palermo, 370 ettari con 4 laghi, prati, piste ciclabili, costituito a metà 800, ospita quindi alberi centenari; ospita anche un museo, l’orto botanico, il planetario, il giardino giapponese, il giardino zoologico ed un grande roseto, Rosedal, che in 3 ettari propone circa 18.000 piante di rose.

In inverno le rose sono ancora tutte in fiore. Mentre le fotografavo i giardinieri le stavano tagliando per la potatura di fine inverno, sacrificando cosi bellissime fioriture.

Su questi alberi centenari nidifica l’hornero (Furnario Rufus Rufus) (vedi foto), un uccello che fa un nido che assomiglia ad un forno, da qui il nome. E’ stato scelto a suo tempo, con una votazione dei bambini di tutte le scuole elementari, come uccello nazionale proprio per questa sua curiosa caratteristica, sbaragliando condor ed altri animali molto comuni dell’Argentina.

Furnario Rufus Rufus

Nessun commento

ago 17 2017

Fioriture di fiori di loto sul lago di Comabbio

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Lago di Comabbio: i fiori di loto

Inizi di agosto: le ultime fioriture dei loti sul lago di Comabbio vicino a Ternate.

Nessun commento

lug 11 2017

Un giardino all’insegna di piante particolari

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Sono tornata, in una gita organizzata dall’Associazione Piante guerriere, al giardino dei coniugi Bettin a Somma Lombardo.
Un giardino pieno di suggestioni, all’insegna di piante assai ben curate e utilizzate in maniera insolita, come ad esempio le pareti di ortensie, o la Choysia utilizzata a spalliera. certo il motivo è ottimizzare lo spazio non enorme del piccolo giardino, ma la perizia giardinistica del proprietario e la sua creatività sono veramente notevoli.

Moltissime ortensie insolite e anche tante altre specie particolari.
Sono venuta via carca di preziose talee!

choysia-ternata-parete-giardino-bettin

citrus-ichangensis-: un agrume rustico

fatsia-japonica-variegata-giardino-bettin

Tante ortensie ben collocate lungo sentieri ombreggiati

Una bella scenografia con sullo sfondo una grande Gunnera

heliotropium-e-papavero-california-giardino-bettin

hybiscus-siriacus-fiore-doppio-giardino-bettin-

hydrangea-ayesha-giardino-bettin

hydrangea-domotoi-giardino-bettin-

hydrangea-magical-giardino-bettin

hydrangea-mirage-giardino-bettin

hydrangea-nigra-giardino-bettin

Una bellissima parete di ortensie

hydrangea-quercifolia-harmony-giardino-bettin

hydrangea-quercifolia-snow-flake-giardino-bettin

Hydrangea Tovelit, ottima come tappezzante

Schisandra chinensis, giardino Bettin

 

 

 

 

Un commento presente

lug 11 2017

News in tema di seminari, fiere, libri e altro ancora. Luglio 2017

Pubblicato da nella News

Chatsworth Flower show : installazione di B. Negretti, E. Tomat, J. Artico

Corsi convegni seminari

  • 22 luglio a Firenze Botanica tra arte e scienza: Deproducers, Stefano Mancuso e Aboca, insieme; miscelando le loro diverse esperienze e sensibilità, raccontano in musica lo straordinario mondo vegetale. Per le altre date e sedi http://www.labuonapianta.it/eventi/botanica/
  • 23-24 settembre “Disegnare al Labirinto della Masone”  con il maestro Lorenzo Dotti, che si terrà  a Fontanellato (Parma).nel Labirinto più grande del mondo realizzato da Franco Maria Ricci. Programma
  • Serate verdi dell’associazione Giardino&Paesaggio
    martedì 24 ottobre in cascina Cuccagna alle h20.30  Laura Pirovano, ‘Uno sguardo sui giardini del Giappone’.
    Martedì 14 novembre una serata tutta milanese sugli “Alberi di Milano” con Giorgio Ceffali, già relatore al Museo di Storia Naturale di Milano, coautore con Felice Raposso del libro “Gli alberi di Milano”.
    Per un programma completo anche delle visite

Concorsi

Chatsworth: installazione di B.Negretti, E. Tomat e J. Artico

  • Chatsworth Flower Show giugno 2017: Due grandi mani di fieno intrecciato nell’atto di piantare una quercia: è con questa installazione (vedi cs http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2017/07/Negretti-CS_17giugno2017.docx , all’apparenza semplice ma densa di significato, che il trio formato da Barbara Negretti, Elisa Tomat e Julia Artico ha sorpreso i visitatori del Chatsworth Flower Show, appena conclusosi in Inghilterra. Il loro progetto è stato l’unico a essere selezionato dall’estero per la prima edizione della manifestazione organizzata dalla Royal Horticultural Society nell’immenso parco di Chatsworth, 400 ettari di colline verdeggianti punteggiate di pecore nella regione del Derbyshire.  Per vedere un filmato della manifestazione https://www.rhs.org.uk/shows-events/rhs-chatsworth-flower-show
    FOTO
  • 18 edizione del premio del Verde editoriale la Città per il verde. Per scaricare il bando https://www.ilverdeeditoriale.com/citta_verde.aspx

Fiere e vivai

  • 2-3 settembre Rural festival a Rivalta di Lesignano De’ Bagni (Parma): l’appuntamento dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. Anche quest’anno si terrà la tappa in Toscana, a Gaiole in Chianti (Siena), sabato 16 e domenica 17 settembre. Per info  http://www.rural.it/
  • 29 settembre – 1 ottobre 2017, Manualmente, il Salone della Creatività a Cesena. Protagonista il “fai da te” a 360 gradi: green, cucina, ricami, presepe, moda e tanto altro. Per info http://www.manualmente.it/
  • 1- 3 settembre Murabilia sulle mura di Lucca. Per info http://www.murabilia.com/
  • 29 settembre – 1 ottobre Orticolario a villa Erba Como. Per una anticipazione della prossima edizione vedi post http://www.giardininviaggio.it/orticolario-2017-anteprima-nona-edizione-dal-29-settembre-all1-ottobre
  • 6-8 ottobre Autunno alla Landriana. Per info www.aldobrandini.it
  • 8-9 ottobre I colori dell’autunno al vivaio Priola di Treviso. Per info www.vivaipriola.it
  • 13-15 ottobre Journees des plantes de Courson a Chantilly. Per info http://www.domainedechantilly.com/fr/journees-plantes/
  • 20-22 ottobre, Due giorni per l’autunno al Castello di Masino. Per info www.fondoambiente.it

Libri

Viaggi

  • 6-13 agosto la Manchester language school con la guida di Michaeljon Ashworth organizza il viaggio di studio THE ENGLISH LANDSCAPE GARDEN. ‘CAPABILITY’ BROWN’S POSTERITY. Per info https://manchesterlanguageschool.co.uk/english-study-holidays/english-garden-tours/english-for-garden-lovers-egt4/
  • 5-19 novembre viaggio in Brasile alla scoperta di Burle Marx. Per info www.gardentours.it

Nessun commento

lug 11 2017

Dal mondo delle riviste. Luglio 2017

Pubblicato da nella News

Piante di giugno, disegno di Claudio Longo

Arcipelago Milano

Coda di gallo di Claudio Longo, giugno 2017

Gardenia luglio 2017

  • Chelsea Flower Show 2017
  • Lythrum salicaria, di A. Perazzi
  • Il cortile di Antonia Jannone
  • Lavande
  • Le ortensie a Masone
  • Buddleie
  • Giardino di Palazzo Cocozza
  • Allegato Piscine e giardini

Mela cotogna estate 2017

 

 

Nessun commento

lug 11 2017

Islanda: il giardino botanico di Reykjavik

Pubblicato da nella plant design

orto-botanico-reykjavic-islanda

Pensavo fosse un piccolo giardino botanico e mi interessava conoscere meglio la flora islandese. Invece, con  mia grande sorpresa, ho trovato un giardino botanico ben articolato in differenti habitat con una ricca gamma di specie non solo islandesi. Tutto assai ben curato e perfettamente etichettato. Quante scoperte ho fatto soprattutto nella zona molto ricca delle erbacee perenni: tantissime Ligularia, Thalictrum, primule candelabro, campanule. Poi un bel percorso nel bosco e aiuole ben disgenate ricche in questa stagione di macchie dorate di ranuncoli.

Ecco alcune immagini di esemplari della flora che si trova in Islanda

alchemilla-semidivisa-orto-botanico-reykjavik-

cystopteris-fragilis-orto-botanico-reykjavik

gymnocarpium-dryopteris-orto-botanico-reykjavik

polystichum-lonchitis-orto-botanico-reykjavik

veronica-chamaedrys-orto-botanico-reykjavik

Ecco altre piante interessanti

actaea-pachypoda-orto-botanico-reykjavik

arisaema-ciliatum-orto-botanico-reykjavik

hugueninia-tanacetifolia-orto-botanico-reykjavik

iris-crhysographes-black-forma-orto-botanico-reykjavik

lupinus-e-mecnopsis-orto-botanico-reykjavik

Pulsatilla pratensis

ranunculus-acunitifolius-orto-botanico-reykjavik

sedum-lydium-orto-botanico-reykjavik

orto-botanico-reykjavik il piccolo caffè nella serra

orto-botanico-reykjavik

orto-botanico-reykjavic: l’angolo delle perenni

orto-botanico-reykjavik

orto-botanico-reykjavik

 

 

 

Nessun commento

lug 11 2017

Islanda: Reykjavik

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Un murale su una casa nel centro di Reykjavik

La capitale dell’Ilsanda è una città molto interessante, vivace, con alcune architetture sia contemporanee che  del XX secolo piuttosto interessanti. Suggestiva la posizione e molto estese le aree verdi, un grande parco e un notevole giardino botanico che vi presento in un altro post.

Harpa la nuova concert hall affacciata sul porto, progettata dallo studio daneseHenning Larsen Architects in collaborazione con l’artista danese-islandese Olafur Eliasson e ianugurata nel 2011

Harpa

Interni della concert hall

Hallgrimskirkja, la gigantesca chiesa luterana commissionata nel 1937 all’architetto di stato Guðjón Samúelsson. Tuttavia, si diede inizio alla costruzione dell’edificio soltanto nel 1945, al termine della seconda guerra mondiale, e la struttura fu completata dopo 38 anni di lavoro, nel 1983.

hallgrimskirkja

Un piccolo percorso alberato con Alchemilla mollis al piede degli alberi e sullo sfondo la grande chiesa

Reykjavik

Ci sono tanti piccoli giardini ben curati annessi alle case del centro

Una tipica costruzione del centro storico

reykjavik-museo-darte-amsmundur-sveinsson coo annesso un giardino di sculture. L’architettura firmata dallo scultore si richiama esplicitamente alle case greche e in parte all’Egitto

reykjavik-interni del museo-darte-amsmundur-sveinsson-

reykjavik-museo-darte-amsmundur-sveinsson: il giardino di sculture

reykjavik-museo-darte-amsmundur-sveinsson

Un gruppo di giovani volontari cura la manutenzione del giardino, come in altri luoghi islandesi

 

 

Nessun commento

Next »