mag 23 2016

News in tema di seminari, fiere di piante, libri e altro ancora

Pubblicato da nella News

Uno straordinario davanzale fiorito con campanule e nasturzi in una casa in via Mameli a Milano. Cosa non si può fare in un piccolo spazio se si è un vero pollice verde!

Concorsi

  • Nasce Mura creative: paesaggi emergenti tra tradizione e modernità; il tema scelto per Mura Creative 2016 è Il giardino murato: variazioni sul giardino di margine come espansione del concetto dell’hortus conclusus, in omaggio alla città di Lucca e alla natura del suo landmark urbano, le mura. I sei “giardini effimeri” in concorso avranno una dimensione fra i 24 e 48 metri quadrati e saranno dislocati sugli spalti fra i baluardi San Regolo e La Libertà. Il bando di concorso è pubblicato ed è scaricabile, insieme ai moduli di partecipazione, sul sito www.murabilia.com Scadenza delle domande il 5 giugno. Comunicato stampa

Corsi e convegni

  • 27 maggio 2016, ore 17 Geografie del rischio e della vulnerabilità tra conflitti ambientali e buone pratiche. Treviso, Fondazione Benetton Studi Ricerche, spazi Bomben. Su questi temi si svilupperà un confronto fra studiosi di diverse discipline, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Interverranno: Gianluca Ligi, antropologo, Per una antropologia dei disastri; Francesco Vallerani, geografo, Estetica dei flussi come terapia urbanistica: oltre i conflitti ambientali; Simonetta Zanon, paesaggista, Paesaggi, orti, giardini: qualità ambientale e benessere esistenziale. Coordina Stefano Soriani, Università Ca’ Foscari di Venezia. Ingresso libero. Maggiori informazioni sono disponibili nel sito www.fbsr.it. 
  • 27 maggio ore 15 nell’ambito del Chelsea fringe (dal 21 maggio al 6 giugno) il Verde editoriale inaugura un orto didattico presso la scuola Luigi Cadorna.
    Info https://www.facebook.com/events/730234017116602/ 
  • 26-28 maggio 2016 – Asti, presso ASTISS Area Fabrizio deAndrè Convegno nazionale SIEP-IALE 2016 Challenges of Anthropocene and the role of Landscape Ecology- Le sfide dell’antropocene: Il ruolo dell’ecologia del paesaggio. Programma http://www.siep2016.eu/_media/programma-draft-8-aprile-2016.pdf. Per info http://www.siep2016.eu
  • GIARDINI DELLA LANDRIANA: NEI MESI DI MAGGIO E GIUGNO AL VIA I CORSI TUTORIAL DEDICATI ALL’ARTE DEL GIARDINAGGIO: dalle potature ai prati fioriti al giardinaggio biologico…Per i programmi dei corsi vedi www.landriana.com Per info e iscrizioni info@landriana.com e ilgiardinointornoate@hotmail.com
  • 12 giugno dalle 10 alle 17 corso di Riproduzione delle Rose, tenuta dal Vivaio di Maurizio Feletig ad Arignano. Il corso avrà inizio con la parte teorica alla quale seguirà la parte pratica, dopo uno spuntino estivo. Ogni partecipante si porterà a casa, o meglio nel terrazzo o in giardino, il frutto del proprio lavoro. Per informazioni o per iscriversi numeri di telefono: 011 9462377 – 349 5630513 o e-mail info@rosebacche.it. Indirizzo Via Garibaldi, 38 – Cascina della Rocca – 10020 ARIGNANO TO
  • 29 giugno 2016 – Genova, Piazza G. Matteotti 9 presso Palazzo Ducale, sala del Minor Consiglio, Convegno sulla gestione del rischio derivante dagli alberi in città. Mark Duntemann, esperto statunitense, svilupperà il tema, portando le esperienze maturate negli Stati Uniti e divulgando il metodo americano, che vuole rendere sempre più oggettiva la valutazione del rischio connesso agli alberi nelle diverse realtà esistenti. Per tutte le informazioni relative al convegno ed approfondimenti, si rimanda al seguente link: http://www.astergenova.it/convegno-alberi-nelle-citta/
  • Dal 7 al 25 settembre torna a Bergamo per la sesta edizione Maestri del paesaggio. Il tema del convegno 2016, che si terrà dal 23 al 24 settembre al teatro Sociale sarà WILD con intervento di James ed helen Basson (FR), Andrea Cochran (USA), Lisa Delplace dello studio Oeheme Van Sweden (Usa), Laura Gatti (IT), Jenny B. Osuldsen (NO), e il Gold Medal Winner del Chelsea Flower Show.
    Mercoledì 21 e giovedì 22 settembre si terrà il Seminario sulle perenni a cura del vivaio Valfredda. Una giornata in compagnia di Fergus Garret, Annie Guilfoyle e Mauro Crescini.
  • Arcometa organizza:
    9-11 settembre 2016 un workshop sul disegno dal vero Sketch in Basel: workshop itinerante di disegno dal vero con Stefan Davidovici, fondatore del gruppo Sketch mob e docente di NABA, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Milano. Un vero e proprio corso di 3 giorni, per lavorare intensamente sul disegno dal vero, che ha come soggetto un percorso fra le molte eccellenze progettuali della città svizzera.Per il workshop sono stati riconosciuti 9 c.f.p. dal CNAPPC, validi per l’aggiornamento professionale obbligatorio per Architetti. Le iscrizioni sono aperte fino al 5 luglio 2016.
    6-9 ottobre Disegnando Carlo Scarpa, un corso itinerante che avrà lo stesso tema e le stesse modalità, tematizzato su un itinerario che toccherà i principali capolavori del maestro in Veneto, da Castelvecchio al Monumento Funebre Brion, passando per la Gipsoteca Canoviana a Possagno per arrivare a Venezia, e concludersi con un giorno dedicato alla Biennale di Architettura 2016.Le iscrizioni avvengono attraverso il sito www.arcometa.com, secondo le modalità indicate, con la compilazione del modulo on-line. Per ulteriori informazioni: info@arcometa.com

Fiere e vivai

  • Sabato 28 maggio dalle 18 alle 20 – VISITA al Vivaio di Cascina Bollate. Ora e sempre annuali. Troverete zinnie e cosmee “in saldo”, oltre che annuali un po’ più stranette come Nicandra physaloides, Nigella damascena etc etc. E, come da ovvia tradizione per il mese di maggio, le rose: ibridi di moschata ancora in fiore (meteo permettendo), qualche bella rosa botanica e le cinesi, rifiorentissime. Adesione tassativa entro e non oltre giovedì 26, inviando una mail con i dati richiesti a vivaio@cascinabollate.org
  • 28-29 maggio Flowers and food ad Acqui Terme sul tema “La campagna va in città”. Comunicato stampa

    ROSE DI MAGGIO, Villa Della Porta Bozzolo VA, Foto © Paolo Barcucci

  • 28-29 maggio Rose di maggio a Villa della Porta Bozzolo, organizzata dal FAI. Comunicato stampa 
  • 20 maggio – 3 luglio a Biella nel mese di maggio torna SELVATICA 5^ EDIZIONE, un festival tra natura e arte. Mostre, cinema, eventi, laboratori. Biella, Palazzo Gromo Losa, corso del Piazzo 24 www.fondazionecrbiella.it


    Florete Flores Santuario Vicoforte

  • 4-5 giugno Florete Flores l’arte dei fiori e delle piante Vicoforte (Cuneo) 4-5 giugno 2016 Vie e sagrato, chiostro, sala conferenze del santuario I edizione Tema dell’anno: Alberi. CS 
  • 11-12 giugno Orti ad Arte a Villa Panza, Varese, organizzata dal FAI. Per info www.fondoambiente.it
  • Maggio-giugno Appuntamenti estivi alla Floricoltura Coccetti di Lisanza (Sesto Calende). Leggi la locandina
  • Estate 2016 Novità dal Festival di Chaumont sur Loire 25 edizione. Il tema della prossima edizione 2016 “Les jardins du siècle à venir”, giardini cioè aperti alle grandi questioni come i cambiamenti climatici,l’acqua, il legame fra habitat e giardino e le nuove tecniche colturali. Per quanto concerne l’arte nel parco, manifestazione giunta all’ottava edizione sono previsti : Andy Goldsworthy, Giuseppe Penone, con una nuova scultura di bronzo, El Anatsui, con un’opera ispirata al fiume che scorre ai pieni del Domaine de Chaumont, Marc Couturier, Lee Bae con le sue monumentali sculture di legno, Wang Keping, Pauline Bazignan, e l’artista marocchino Yamou..E poi fotografia e video con le immagini di Andy Goldsworthy e di Jean-Baptiste Huynh, i “jardins” di Luzia Simons, les paysages évolutifs Davide Quayola e le “nuages” di Han Sungpil.

Libri e pubblicazioni

  • Guido Giubbini, Il giardino degli equivoci. Controstoria del giardino da Babilonia alla Land Art, Derive e Approdi collana Habitus, 2016, 127 pp., 14 euro
    Dove stanno gli equivoci? Nella ricostruzione storica, nel modo in cui si raccontano i giardini importanti contrapposti ad altri irrilevanti, nelle presunte origini, nel datare rivoluzioni formali o botaniche che non sono tali… Un racconto ironico e colto che attingendo a fonti storiche, letterarie, artistiche riesce nell’intento di ridisegnare ai nostri occhi la sorpresa, l’emozione e l’originalità dei giardini indagati, suggerendo un irriverente sguardo critico con cui osservarli.
  • Marco Martella, Tornare al giardino, Ponte alle Grazie, 2016, 62 pp. 7.65 euro
    Nel corso di questa breve meditazione, Marco Martella racconta il giardino con il linguaggio della poesia e del mito, per mettere in luce la sua essenza molteplice e metamorfica, originaria, vitale, primaria se non primitiva. Per guidarci tra il frusciare delle foglie, l’odore di muschio, la semplice, immediata fragranza di una rosa. E tentare di imparare di nuovo la lingua antica della Natura.
  • G. Rallo, M. Cunico, M. Azzi Visentini, Paesaggi di villa. Architettura e giardini nel Veneto, Marsilio, 300 pp., 70 euro
    Recensione apparsa sul Domenicale del 22 maggio 2016
  • È disponibile in formato digitale Paesaggio Annual, la rivista del Premio “La Città per il Verde”.La pubblicazione raccoglie 15 interventi premiati nel corso delle edizioni 2012, 2013 e 2014. Per saperne di più cliccate qui: http://www.ilverdeeditoriale.com/FlipBook/EstrattoPaesaggioAnnual2015/EstrattoPaesaggioAnnual2015.html

    Champollion e Rosellini, Monumenti dell’Egitto e della Nubia disegnati dalla spedizione scientifico-letteraria toscana in Egitto distribuiti in ordine di materie (Oxford Digital Liubraries).

  • Alla ricerca delle radici della botanica occidentale nell’antico Egitto. Il saggio della professoressa Betrò dell’Università di Pisa fa risalire al II millennio a.C. i primi testi di descrizione botanica. La botanica occidentale affonda le sue radici nell’antico Egitto, ben prima cioè dell’epoca greca o romana. E’ questa la tesi del saggio “Gli erbari dell’antico Egitto” che la professoressa Marilina Betrò dell’Università di Pisa ha scritto per il volume “Naturalia e Artificialia: Le piante e i fiori d’Egitto nell’esperienza museografica degli scavi e degli erbari” appena pubblicato in Spagna. Il saggio riscostruisce l’approccio “scientifico” (con gli ovvi limiti che il termine può rivestire in rapporto al nostro concetto moderno di scienza) degli antichi Egiziani verso il mondo vegetale e mette in luce alcuni dati che permettono di dedurre l’esistenza di una letteratura botanica precedente ai ben più tardi erbari demotici, greci e copti. Nello specifico, l’ipotesi è che già almeno intorno alla metà del II millennio a.C. esistessero testi botanici di riferimento come dimostrano le glosse o le interpolazioni descrittive di piante rinvenute già nel celebre papiro medico Ebers (ca. 1550 a.C.) e poi in alcuni papiri successivi. Queste descrizioni hanno infatti una struttura sostanzialmente omogenea che segue uno schema prefissato evidentemente consolidato da una lunga tradizione scientifica e che comprende il nome della pianta, la descrizione dell’habitat e quella botanica, il tempo e il modo di raccolta e gli effetti collaterali o nocivi. “Malgrado l’esiguità delle fonti, i problemi relativi al lessico tecnico e la mancanza di studi specifici – spiega Marilina Betrò – è comunque possibile ipotizzare una vitalità e continuità della cultura erboristica-botanica dell’antico Egitto, che dagli erbari d’età romana e dal filone ermetico sarà poi destinata a confluire nella grande tradizione medievale”.

Mostre

Giardino di Villa Ottolenghi (Acqui terme)

Villa l’Apparita (Siena)


  • 12 giugno – 30 ottobre 2016, Pietro Porcinai. Giardino e paesaggio, Castello di Miradolo. CS
  • Fino al 10 luglio A Casa Zegna, archivio storico e polo di aggregazione culturale di Trivero, Biella dedica a Pietro Porcinai (Firenze 1910 – 1986) un’inedita mostra all’interno dello spazio da lui stesso disegnato come giardino d’inverno sul tetto del Lanificio Zegna, ora adibito a spazio per mostre temporanee. “Pietro Porcinai a Trivero: Giardini e paesaggio tra pubblico e privato”, una mostra a cura cura di Maria Luisa Frisa e Luigi Latini. Aperta la domenica dalle 14 alle 18 oppure in altro giorno per gruppi con prenotazione.
    Per info http://www.oasizegna.com/it/eventi/pietroporcinaiatriverogiardiniepaesaggiotrapubblicoeprivato
  • Fino all’8 ottobre Mostra di Mimmo Pallavicino alla Galleria Christian Stein di corso Monforte 23 a Milano

Nessun commento

mag 23 2016

Vegetazione del Kerala: qualche suggestione

Pubblicato da nella plant design

Caesalpina pulcherrima (Rajamalli) , splendida fioritura, delicata non sopporta temperature sotto i -2°

Ecco qui di seguito alcune piante fiorite e alcuni alberi da frutto che ho incontrato in Kerala; molte delle piante nel giardino del mio resort ayurvedico oltre che caratteristiche ornamentali hanno proprietàà mediche e vengono utilizzate nelle cure ayurverdiche

Allamanda cathartica (Golden trumpet vine). Estratti delle foglie, dei fiori  e delle radici sembra abbiano proprietà antitumorali

Clerodendrum paniculatum chiamato Pagoda flower per la sua infiorescenza piramidale

Ixora coccinea (Jungle geranium), abrusto con piccole foglie e fiori rossi, proprietà sedative, toniche e antisettiche

Mussaenda sp, grande arbusto sempreverde della famiglia delle Rubiaceae con vistosi sepali florali di colore rosa acceso o bianco o giallo e piccoli fiori a stella. Purtroppo quando seccano i sepali non sono molto belli da vedere

Mussaenda con sepali bianchi

Un ibrido di Mussaenda “Calcutta sunset” dai sepali gialli, molto grazioso

Per avere informazioni più precise su Mussaenda vedere il link http://gardendrum.com/2013/05/31/growing-mussaenda/

Francipane (Plumeria sp)

Tabeamaemontana diverticata crepe jasmin pianta sacra

Cassia fistula; i semi hanno proprietà lassative, aperitive e carminative

Justicia beddomei (Malabar Nut), tulle le parti della pianta si usano come espettoranti, diuretiche e toniche

Gli straordinari frutti di Artocarpus heterophyllus chiamato “Jack fruit” o “Bread fruit”: molto gustoso da mangiare

Un albero di mango (Mangifera indica)

Papaya

Fiore di Zingiber officinale (Zenzero)

I fusti delle palme da cocco sono spesso avvolti dai filodendri

Un bellissimo uccello canterino (?)

Le partei dei cottage rivestite da Ficus repens

L’espositore di spezie nel centro ayurvedico

Cissus quadrangularis usato nella medicina ayurvedica

Nel giardino del resort sono esposte nei vasi molte delle piante usate nella medicina ayurvedica

 

 

Nessun commento

mag 23 2016

Immagini dal Kerala

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Una passerella di grandi sacchi riempiti di sabbia assicura l’accesso alla spiaggia per attraversare degli acquitrini salmastri.

Sono reduce da un viaggio nel Kerala, nel sud dell’India: questa volta stanziale all’insegna del benessere, della pace e del relax in un centro ayurvedico molto bello, immerso in un giardino rigoglioso con una straordinaria vista dell’oceano. La località a sud di Kovalan ad una trentina di chilometri dalla capitale Trivandrum, presso il resort Somatheeram (www.somatheeram.in), ritenuto uno dei più qualificati centri di medicina ayurverdica del Kerala.  Ho trovato molto interessante la scoperta della medicina ayurvedica, dei trattamenti stupendi e della serietà con cui lo staff medico e dei terapeuti ti accolgono e seguono. Le giornate erano scandide da momenti molto piacevoli dalla meditazione allo yoga ai tanti trattamenti a base di olii e di erbe curative. Lo spirito e il corpo vengono accolti insieme enon più separati e ricette antiche vengono applicate con cura amorevole e con tempi che non assomigliano per nulla alla nostra abituale e superficiale frenesia.

Il mio cottage

Scorci del giardino

Il centro ayurvedico

Uno dei vialetti fiancheggiati da bellissime Mussaenda

La piscina vista oceano

La vista dell’oceano sconfinato, il rumore costante delle sue onde fortissime che disegnano forme cangianti sulla sabbia compatta color biscotto mi hanno affascinato e rapito e così mi sono trovata a godere anche dei momenti di inattività e di pura contemplazione.

kerala spiaggia sull’oceano

Sullo sfondo imbarcazioni dei pescatori

Ho scoperto molte piante che non conoscevo e che sono riuscita in parte a identificare anche con l’aiuto di un giardiniere un pò pressante ma abbastanza competente. (ne parlerò in un altro post LINK)

Ho fatto un piccolo giro in barca attraverso le back water, che  sono una rete di canali (artificiali e naturali, fiumi, laghi) che corrono paralleli al mar Arabico per quasi metà della superficie del Kerala. Rappresentano un particolare ecosistema dove l’acqua dolce dei fiumi si incontra con quella salata del mare e accolgono molte specie di fauna (uccelli come cormorani, aironi, martin pescatore, piccoli falchi, rondini di mare, tartarughe, granchi, rane, lontre) e una vegetazione tropicale prevalentemente di palme e mangrovie).

Back waters pescatori lungo i canali

I canali sono molto animati

Intorno distese di palme

Foreste di mangrovie

Foreste di mangrovie che si affacciano sull’acqua

Il giro termina sull’oceano: bancarelle animate sulla spiaggia

..e anche un cavallo!

Una piccola visita della capitale: un tempio induista e un palazzo settecentesco con interni molto affascinanti.

Puthe Maliga Palace Trivandrum e sullo sfondo il tempio

Padmanabhaswamy Temple Trivandrum

Puthe maliga Palace: una fila di cavalli scolpiti nel legno ornano il tetto del palazzo

Particolare di un soffitto ligneo riccamente intersiato

Puthe Maliga Palace uno dei corridoi che danno sul giardino

Un altro edificio all’interno del complesso

E qui in un recinto ho incontrato un esemplare della mucca Vechur, la più piccola al mondo, una razza che stanno cercando di preservare dall’estinzione che dà un ottimo latte ed è molto produttiva tenendo conto che consuma poco cibo

3 commenti presenti

mag 23 2016

Cartoline dal festival del verde e del paesaggio di Roma

Pubblicato da nella News,plant design

“Il balconcino” titolo irridente e molto spiritoso di uno dei balconi presentati per il concorso rivolto agli under 30. Progettisti Leonardo Marzotti e Gianna Galgani (menzione speciale della giuria del Festival

Finalmente quest’anno sono riuscita a visitare il Festival del verde e del paesaggio che si tiene nella bella cornice del giardino pensile dell’Auditorium firmato da Renzo Piano.
Interessanti alcune delle proposte di giardini creativi e di piccoli balconi firmati da under 30. Ho trovato molto interessante la proposta del giardino “Eureka” che invita a scopriere, custodite in piccole scatole di legno, l’origine “verde” di alcune invenzioni utili, come ad esempio il cemento armato che trae spunto dalla tessitura della struttura del fico d’India (la disciplina che indaga questi fenomeni si chiama Biomimetica; vedere libro di R. Bruni, Erba volant: imparare l’innovazione delle piante, Codice Edizioni 2015). Acune proposte vegetali interessanti soprattutto quelle del vivaio di rose S’orrosa, del vivaio di ortensie Tara e di quello di perenni Nardi. Nulla a che vedere con Orticola sia dal punto di vista della quantità di espositori che anche delle scenografie proposte dai vivaisti. Ma comunque una manifestazione interessante e piacevole.

Ecco alcune suggestioni dai piccoli giardini creativi

Balcon sharing di Semilla Lab (M.G. Rubeca, C. Pesca e N. Masiello: premiato

I Giardini “Take away” proposti da Blu Mambor

Il giardino Eureka”, giardino temporaneo di G. Vallone e altri

Giardino Eureka

Giardino temporaneo Eureka

Giardino temporaneo Eureka

Follow me di A. Aquilante et al: ispirato ad Alice nel paese delle meraviglie

Hula (p) oop di P. Cannatae L.G. Roncagli

Hula (p) oop di P. Cannatae L.G. Roncagli

Ruselle (il nome napoletano per roselline) di Carlo Contesso un giardino dedicato alle rose

Secret Garden di M.S. Cambiaghi e D. Pratesi

Una installazione artistica: Amor fati Laura Cionci

Una invenzione interessante per gli spazi urbani

Vertical farm di M. Benvenuti: la fattoria che oltre a produrre frutta e verdura ospita un piccolo allevamento di pesci d’acqua dolce: un mondo autosufficiente in cui le piante sono nutrite dai minerali prodotti dai pesci che a loro volta ricevono nutrimento e acqua purificata dall’attività vitale delle piante.

Ecco alcune piante

Angelica Archangelica Vivaio Nardi

Campanula Appel

Euphorbia amygdaloides Purpurea Vivaio Nardi

Le belle rose antiche e botaniche del vivaio S’Orrosa di Ardea

Rosa White Surprise del vivaio S’Orrosa

Rosa Capitan Cristy

Rosa Mont Vernon rifiorente ibrido noisette

Gomphrena del Cairo

Hydrangea Aspera Hot Chocolate del vivaio Tara con un’ottima collezione di ortensie

Hydrangea macrophylla EVITA del vivaio Tara

Limonium Perezii

Syringa Princ. Sturdza

.. e alcuni oggetti

Casette per piccola fauna

di Valabrega piccole sculture in ferro riciclato

 

Nessun commento

mag 23 2016

La grandiosa installazione di William Kentridge lungo il Tevere

Pubblicato da nella News

Lungo Tevere installazione W. Kentridge

Domenica 15 maggio ho fatto un piccolo bliz a Roma per partecipare a una tavola rotonda organizzata da Aiapp all’interno del Festival del paesaggio (di cui parlo in un altro post LINK); sono riuscita a far fermare il taxi per dare almeno un’occhiata al gigantesco murale dell’artista sudafricano William Kentridge intitolato “Triumphs and laments”. 80 figura alte fino a 10 metri illustrano scene della storia di Roma lungo i muraglioni del lungo Tevere per oltre 500 metri tra il Ponte Sisto e Miglio. Uno spettacolo davvero straordinario per il forte impatto delle figure che nel loro insieme hanno il potere di “bonificare” parte del waterfront così trascurato.

“Permettiamo alle idee di germinare e fiorire. Non possiamo impedire a noi stessi di creare senso e ci aspettiamo questo anche dall’arte, che costruisca senso». William Kentridge restituisce a parole al pubblico romano le suggestioni che affollano la sua mente visionaria. L’installazione, che avrà vita effimera (al massimo qualche anno) è stata realizzata mediante un procedimento di pulitura della patina biologica, dello smog e della sporcizia accumulati sul marmo dei muraglioni: quindi una volta ricreatosi lo sporco le immagini scompariranno e resteranno solo nella memoria di chi ha potuto ammirarle. Un lavoro per «sottrazione» utilizzando degli stencils per i disegni, nel quale Kentridge ha illustrato i trionfi e le glorie della città eterna, mescolando epoche e personaggi, senza alcuna sequenza cronologica (Fonte Ansa).

Lungo Tevere installazione W. Kentridge

Lungo Tevere installazione W. Kentridge

Nessun commento

mag 23 2016

Orticola 2016: alcuni flash, di Rita Sicchi

Pubblicato da nella plant design

Cappelli-vaso in onore del tema di quest’anno Il giardino in vaso!

Per la prima volta, essendo nel Kerala, ho saltato Orticola. Ecco un piccolo reportage della mia cara amica paesaggista Rita Sicchi.

Nel primo fine settimana di maggio, si è svolto l’ormai consueto appuntamento ai Giardini Pubblici di Milano con la storica e speciale esposizione di fiori e piante organizzata da Orticola Lombardia che quest’anno ha festeggiato due ricorrenze, i vent’anni della mostra-mercato e i 150 della fondazione.
Nell’occasione mi piace ricordare che, da sempre, gli introiti della mostra sono destinati ad opere per spazi verdi milanesi, dal 2014 supportati da convenzione con il Comune, e che è in corso l’adozione per la realizzazione di opere e manutenzione, del piccolo parco pubblico Giardini Perego.
Orticola 2016, è stata all’altezza delle aspettative, ricca e interessante di spunti per paesaggisti e amatori, è impossibile riportarne quindi le tante suggestioni e ne propongo solo alcune immagini flash a cominciare dall’entrata di Palazzo Dugnani che ha accolto i visitatori con un’ambientazione insolita ispirata all’uso ottocentesco di piante esotiche che arricchivano portici e giardini, realizzata dall’arch. Marco Bay con i Vivai Cappellini.

Ingresso Marco Bay – Vivaio Cappellini

Nel cuore della manifestazione l’affaccio sulla fontana, con il progetto di “design botanico” di Silvia Ghirelli in cui hanno trovato collocazione le opere in bambù di Alison Grace Martin, il cono di radici dell’artista di land art Marco Nones e le grandi foglie in rame di Nicola Zamboni, affiancate alle sculture naturali in bosso della Minari buxus.

L’allestimento della fontana firmato da Silvia Ghirelli

Scultura in legno di Marco Nones

Laboratori, incontri e 160 espositori con ricche produzioni di piante e proposte di accostamenti vegetali. Alcune immagini con:

il tripudio di fiori nello spazio dei Fratelli Ingegnoli allestito da Barbara Negretti

La fresca composizione di erbacee del garden Ingegnoli

e le composizioni di colori dei vivai Erbario della Gorra

Una delle composizioni del vivaio Erbario della Gorra

Una delle composizioni del vivaio Erbario della Gorra

le cassette dell’Azienda Floricola Il Giardino

Le cassette con fiori del vivaio Il Giardino

e quelle colorate del Peccato Vegetale

La bella scenografia allestita dal vivaio Il Peccato vegetale

 Si sa che per l’inaugurazione del giovedì sera la piazza diventa un luogo di allegra e spesso, per fortuna, ironica mondanità in cui, non solo le signore, esibiscono stravaganti cappelli floreali…

Nessun commento

mag 23 2016

Visti a Floracult, di Elvira Imbellone

Pubblicato da nella News,plant design

Volentieri ospiti un prezioso e assai ben documentato reportage di Elvira Imbellone sulla manifestazione Floracult che si è tenuta in Lazio a fine aprile. Credo che le suggestioni che Elvira ha raccolto, con tanta precisione e competenza, possano essere molto utili per appassionati e professionisti che desiderano essere aggiornati sulle ultime offerte dei vivaisti specializzati.

Ecco il testo di Elvira con alcune immagini

Alcuni flash su FLORACULT 2016, la mostra di giardinaggio (22-25 aprile) curata da Antonella Fornai e giunta alla 7° edizione, che si è svolta alle porte di Roma, ai Casali del Pino, in un angolo ancora integro della campagna romana.

Tra i vivaisti espositori abbiamo notato:

  • le erbacee di Vincenzo Nardi: Astrantia major ‘Rosensinfonie’ dalla lunga fioritura estiva, Angelica dahurica della Cina, da sole e mezz’ombra, Angelica pachycarpa dalla foglia  lucida, Rudbeckia maxima dalla bella foglia, lungo stelo e margherite gialle, marroni al centro, Agastache ‘Blue Fortune’ che apre bei fiori celeste/blu tutta l’estate;

    Astrantia major ‘Rosensinfonie’ dalla lunga fioritura estiva

    belle foglie lucide di Angelica pachycarpa di Vincenzo Nardi

  • i garofani di Billo che esponeva,  tra l’altro, un esuberante garofano inglese ‘Lady in red’ rosso deciso e speziato non dolce, Dianthus ‘Mrs Sinkins’ , ibrido inglese di metà ’800, dai fiori bianchi doppi con petali sfrangiati e disordinati, Dianthus gratianapolitanus ‘La Bourbille’, usato come pianta da compagnia per i bonsai. Billo  arricchisce il suo catalogo di varietà e anche di nuove composizioni utilizzando per esempio Gypsophila cerastioides completamente immersa nel ghiaino per creare un mini roccioso. Il ghiaino, dice Billo, nanizza le piante;

    Dianthus ‘Lady in red’ fortemente speziato

    Dianthus ‘Mrs Sinkins’, usato nei giardini storici, ha forte profumo di chiodi garofano

  • il Vivaio Salto del Prete in Umbria, specializzato in piante da arido e per xeriscaping (un approccio ecologico e sostenibile al paesaggio che prevede l’uso di piante tipiche del luogo e di scarse esigenze idriche). Gestito con competenza e passione da due donne, madre e figlia, presenta una collezione di Teucrium, cisti, elicrisi, santoline, origani tappezzanti. Thymus asiaticum molto resistente all’arido e dall’intenso aroma e Myrtus boetica, lento nella crescita, profumato, dalla bella foglia con i margini accartocciati e fiori e bacche più grandi del mirto comune;

    Myrtus boetica del Vivaio Salto del Prete. Ha portamento globoso e le foglie come accartocciate

  • la collezione di conifere rare presentata dal prof.  Marchiafava del Vivaio di Conifere Esotiche: Pinus aristata, ritenuto l’albero più vecchio del mondo (5000 anni), Pinus maximartinesi che ha aghi azzurrognoli e produce pigne grandi e pesanti, Pinus hwangshanensis, spesso raffigurato nei dipinti cinesi per la bellezza della sue forme contorte. Ha chioma ampia e piatta e aghi verde scuro;
  • Le Aromatiche di Bolsena vivaio specializzato in aromatiche e medicinali. Ci ha incuriosito Claytonia perfoliatala lattuga dei minatori, dell’Alaska. Ha foglie grassette e tonde che avvolgono il fusto, buone nell’insalata. Annuale, vive l’inverno e sparisce verso l’estate per poi rinascere, dai molti semi dispersi, l’inverno successivo;


    Nascondi
    Claytonia perfoliata, una portulaca dell’Alaska del vivaio Le Aromatiche di Bolsena

  • il Vivaio Tara di Bolsena con numerose acidofile tra cui alcune piante della sua ricca collezione di Schizophragma, una specie di ortensia rampicante vanto del vivaio, Viburnum plicatum ‘Watanabe’ tutto bianco e rifiorente, Hydrangea macrophylla ‘First White’ elegantissima, dal fiore grande globoso; Hydrangea aspera ‘Taiwan’s pink’ dalle foglie vellutate, infiorescenza piatta a fiori rosa all’interno circondati da fiori sterili bianchi, Wisteria brachibotrys ‘Iko Yama Fuji’. La Davidia involucrataesponeva i suoi fazzoletti bianchi (cultivar dalla fioritura molto precoce);

    Schizophragma corylifolium (collezione del Vivaio Tara di Bolsena

    Viburnum plicate ‘Watanabe’ dai petali completamente bianchi

  • RossoTiziano di Tiziano Croce che ha raccolto rose da vecchi giardini e le ha riprodotte da talea: vanta la Rosa alba(la specie!), rose Portland, bourboniane, ‘Queen of Denmark’ e ‘Sombreuil’ di grande raffinatezza e fascino;

    ROSA PORTLAND

    una rosa Portland di Rossotiziano

  • il Vivaio Regina Park di Latina che ha presentato tra le piante da sole Artemisia schmidtiana ‘Nana Attraction molto compatta, perenne semi-sempreverde che forma cupolette fino a 10 cm che si allargano, insieme ad  una bella Uncinia,  tappezzante da pieno sole.  Per l’ombra numerose Heuchera in varietà brevettate;
  • le piante grasse di Grossi per un bell’esemplare di Ceropegia fusca dai fusticini cilindrici argentei e l’Euphorbia tirucalli‘Firesticks’ dalle punte arancio;

    Euphorbia tirucalli ‘Firesticks

  • Elemento Bambù di Philippe Smets che ha offerto una selezione di bambù da coltivare in vaso, in terrazzo: fitti, contenuti, resistenti al vento e al sole scelti tra le varietà più erette. I più consigliati Phyllostachis humilis  adatto anche a vasche strette e Fargesia scabrida, detta la “bellezza dell’Asia”. Insieme, gli aceri di Alessandro Biagioli, il più grande collezionista privato di aceri in Italia (450 tra specie e cultivar), Acer palmatum ‘Singokaku’, dal tronco rosso e le foglie chiare che diventano giallo oro in autunno e Acer palmatum ’Willson pink’ le cui foglie hanno venature verdi e sfumature rosse. Adatto in vaso, cresce fino a 2 m.

    Fargesia scabrida = la bellezza dell’Asia, ha canne sottili e non è invadente

  • Vividisanapianta: Viviana Sorrentino che ha proposto le aromatiche dei Fratelli Gramaglia ed ha offerto dimostrazioni della sua sapienza in cucina con ricette per il palato e per la salute. Un leitmotiv della mostra è stato infatti “piante belle e da mangiare”.

    Phyllostachis humilis adatto anche a vasche strette

Tra gli altri espositori:

  • Torvergatamarmi, azienda familiare che da due anni ha intrapreso la produzione di arredi per giardini: divertenti le cassettine di travertino di Tivoli e particolari i contenitori in peperino di Velletri (ha le “nocciole” all’interno a differenza del peperino di Viterbo che è più uniforme);

    CASSETTINE DI TRAVERTINO

    PESTASALE

  • L’Arte in giardinoche ha ricavato originali contenitori di piante da grandi funghi legnosi svuotati;

    FUNGHI LEGNOSI COME PORTA PIANTE

  • Domus Nova Design di Max Leoncini che ha esposto spiritosi mobili antichi su cui sono state collocate le ceramiche di Paolo Anselmo

Si è fatta notare la vivace presenza di numerosi bambini impegnati in attività nella natura. Piccoli alunni delle scuole del Parco di Veio hanno piantato un proprio orto in cassette sulle ruote che, portate poi nelle loro scuole, crescerà e darà alla fine dell’anno scolastico verdure e frutti. Il rapporto con la natura è stato poi espresso in brevi e delicate composizioni poetiche (gli haiku giapponesi) degli alunni dell’insegnante Daniela Costanzi.

 

Nessun commento

mag 23 2016

Un piccolo giardino pubblico firmato Antonio Perazzi

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Di recente è stato inaugurato a Milano in via Brisa vicino ad un sito archeologico un piccolo giardino pubblico (di 1500 mq), pensato per creare uno spazio versatile e aperto, dove è piacevole isolarsi dal traffico, grazie ad una barriera perimetrale di alberi di Magnolia soulangeana e volumi compatti di vegetazione pensati per accompagnare e proteggere gli utenti di una zona particolarmente ricca di valore artistico e storico. Lo spazio verde è disegnato da una linea spezzata che alterna masse compatte di carpini potati e fitti ed aerei gruppi di perenni. Molto semplice ma accurato nei dettagli (come la pavimentazione in parte di pietra e in parte di calcestre); molto bella la forma segmentata delle aiuole che accolgono le perenni e i carpini. L’unico neo poche le fioriture (avrei aggiunto delle Verbene e anche dei papaveri, le Gaursa sono un pò affogate in mezzo alle graminacee ma bisogna aspettare più avanti nella stagione). Forse sarà più bello ai autunno con le spighe delle graminacee); non so se per consapevolezza della mancanza di manutenzione le aiuole sono già piene di erbe selvatiche ma a mio parere questo non è un male perchè hanno un aspetto molto naturale ed è giusto non contare sulla manutenzione!

Ecco alcune immagini catturate al volo con l’I phone

Scorcio del giardino con sullo sfondo il quartiere residenziale in parte ristrutturato e in parte con nuovi edifici

Vista d’insieme delle aiuole

Particolare della siepe di carpini

Una delle aiuole di perenni

 

2 commenti presenti

mag 23 2016

Chelsea Fringe a cura di Angela Zaffignani

Pubblicato da nella Giardini e luoghi,News

Il maestro Antonio Saliola davanti ad uno dei suoi quadri

L’amica Angela Zaffignani, esperta di bird gardening, mi segnala due interessanti eventi del Chelsea Fringe

  • Showcooking “stellato” nell’orto. Sabato 11 e domenica 12 giugno, lo Chef Massimo Spigaroli protagonista di un evento culinario alle erbe all’Antica Corte Pallavicina di Polesine (PR), in occasione del Chealsea Fringe 2016 Appuntamento segnato da mesi sul calendario fiorito degli appassionati di orti e giardini, il Chealsea Fringe, giunto alla quinta edizione, è diventato in pochi anni il più grande e atteso evento dedicato al giardinaggio di tutto il mondo. Tra i patiti d’eccezione, in materia di erbe e frutti della terra, non poteva mancare un esponente di alta classe dell’arte culinaria italiana come Massimo Spigaroli, che, insieme al fratello Luciano, ha fatto dell’Antica Corte Pallavicina di Polesine (PR) – unico esempio in Italia di Castello in golena – un avamposto enogastronomico perfettamente sincronizzato con la natura e le sue stagioni.
    In occasione dell’edizione 2016 di Chealsea Fringe, sabato 11 e domenica 12 giugno 2016, lo chef stellato, dopo aver personalmente raccolto verdure e piante erbacee nel suo rigoglioso e coloratissimo orto, punteggiato da rose e dalie, sulle rive del Po, terrà uno showcooking sotto il pergolato di vite, per insegnare come cucinare al meglio primizie e verdure di stagione. Un’occasione per imparare i segreti delle ricette composte direttamente con i prodotti dell’orto, osservando i movimenti, i trucchi e i passaggi dello chef in un percorso che nasce dalla terra e termina sulla tavola. Per informazioni: Relais Antica Corte Pallavicina Strada del Palazzo Due Torri, 3 – 43010 Polesine Parmense (PR) Tel. 0524936539 Sito web: www.fratellispigaroli.it  E-mail: relais@acpallavicina.com
  •  5 giugno dalle 14 alle 18. Un Orto in Paradiso. Il Maestro Antonio Saliola (www.saliola.it) da sempre pittore di giardini, ha creato in un antico borgo del Montefeltro, Petrella Guidi, un orto giardino reale chiamandolo Quasi Orto: un quadro vivente dove ha usato piante, scale e siepi invece di pennelli e colori. Potrete passeggiare con lui per otto stanze sotto il cielo dove incontrerete archi di rose, statue di piccole fate, un mini labirinto di bossi, un dipinto di sette metri, un albero biblioteca e un’edicola di libri. E’ come scoprire il tesoro in un cassetto segreto.Proust avrebbe detto che questo non è un giardino, ma una sospensione del tempo.
    Antonio Saliola Via Benny Faeti , 2 – Petrella Guidi 47866 – Sant’Agata Feltria (RN) – Italy phone: (+39) 0541929863 mobile: (+39) 3386567755 e-mail: lacompagniadelquasiorto@gmail.com website: www.saliola.it

Quadro di Antonio Saliola

Scorcio del giardino di A. Saliola

Scorcio del giardino di A. Saliola

Il Quasi orto di A. Saliola

La stanza dei bossi di A. Saliola


Nessun commento

mag 23 2016

Le foto di Flavia

Pubblicato da nella plant design

Ecco ancora alcune foto di Flavia De Petri nei suoi giri in Lucchesia

Sembra quasi una scultura

Nessun commento

Next »