giu 20 2016

Il Bosco dei faggi al parco Forlanini di Fabio Iazzetti

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Bosco dei faggi parco Forlanini

Volentieri ospito un contributo dell’amico Fabio Iazzetti, progettista di giardini, che spesso mi segnala luoghi interessanti. Grazie Fabio

Sono tornato di recente a visitare il “Bosco dei Faggi”, una piantumazione circolare di 118 alberi, disposti su tre file, in un’area prativa all’interno del parco Forlanini, in memoria delle 118 vittime dell’incidente dell’8 ottobre 2001 all’Aeroporto di Linate. Voluto dalle Istituzioni e dalla Sea, il “bosco” ospita al centro un magnifico esemplare di Fagus sylvatica, una piccola lapide commemorativa e la scultura “Dolore Infinito” dell’artista svedese Christer Bording (donata dalla Scadinavian Airlines ai familiari delle vittime); gli oggetti sono inscritti all’interno di un ulteriore circolo di pietre, che si fondono con il prato, sulle quali sono incisi i nomi di tutte le vittime.
I 118 alberi sono esemplari di Fagus di diverse varietà, a ricordare il numero delle vittime dell’incidente, un albero per ogni vittima, mentre la scultura “Dolore Infinito”, alta 230 centimetri, è composta da tre blocchi di granito di diverso colore posati su un basamento di pietra chiara e appoggiati l’uno all’altro al loro vertice superiore. I blocchi di granito di color marrone, rosso e nero sono stati estratti dalle cave della Svezia meridionale – la scultura nasce da un’antica tradizione scandinava che risale ad almeno il 500 a.C., è a questo periodo infatti che risalgono le Bautastenar (“pietre di bauta”), monoliti che venivano eretti per consentire alle generazioni successive di ricordare luoghi di grande significato, in commemorazione di avvenimenti di grande importanza o per onorare i defunti. Erette in numero variabile e in posizione verticale le Bautastenar non riportano iscrizioni.
Personalmente trovo che sia uno spazio interessante dove ti senti un po’ fuori dal contesto che ti circonda e dove i cambiamenti di luce e lo spicchio di cielo inquadrato dagli alberi inducono alla meditazione.

Qui di seguito alcune immagini del luogo.

Bosco dei faggi parco Forlanini

Bosco dei faggi

Bosco dei faggi la scultura

Bosco dei faggi

Bosco dei faggi

Bosco dei faggi

Bosco dei faggi

Bosco dei faggi

 

 

 

Nessun commento

giu 17 2016

News in tema di corsi, convegni, fiere e altro ancora. Giugno 2016

Pubblicato da nella News

Arredo urbano a Pisa, foto di Flavia De Petri

Biennale di architettura di Venezia

  • Communal Garden è lo sviluppo o meglio l’evoluzione di un progetto nato nel 2015 chiamato “FLORA COTTAGE”, intervento studiato per il miglioramento degli spazi comuni e alla convivenza degli abitanti dei cortili ai numeri 66 – 76 in via Yangmeizhu Xiejie, vecchia strada di Pechino a seguito delle interviste raccolte dagli Architetti dello Studio fatte ai 25 residenti delle corti. Un work in progress che rappresenta lo sviluppo in verticale del verde che si innesta sull’esistente spazio pubblico per ripensare e risolvere una serie di problemi di gestione degli spazi comuni e le relazioni di buon vicinato tra le famiglie. Un invito alla condivisione nel reciproco rispetto. Quella che verrà presentata alla Biennale è una installazione multimediale che usa il linguaggio dell’arte contemporanea per dare vita e attualizzazione al progetto, uno spazio interattivo in continua evoluzione durante i sei mesi dell’esposizione e i visitatori sono invitati ad essere parte attiva per il mantenimento del verde. Una struttura costruita intorno a aiuole di oggetti abbandonati e utensili per la cucina portati dalla Cina lungo le quali far crescere piante verdi.

Concorsi e festival

  • Fino al 2 novembre è possibile visitare i giardini del festival internazionale dei giardini di Chaumont sur Loire (che quest’anno festeggiano i 25 anni di vita). Il tema 2016 è “Jardins du siecle a venir”: per vedere alcune immagini dei giardini selezionati http://www.domaine-chaumont.fr/festival_festival-2016?scat=3a&expandable=0. Nei mesi di luglio e agosto sarà possibile una visita notturna grazie all’iluminazione. Infine da visitare nel parco annesso al castello le opere d’arte del Centre d’art et de nature (http://www.domaine-chaumont.fr/can_can?cat=4&expandable=1)
  • Il Premio “La Città per il Verde”, giunto alla sua 17a edizione, torna a conferire i suoi prestigiosi riconoscimenti alle Amministrazioni pubbliche che hanno investito in modo eccellente il proprio impegno e le proprie risorse a favore del verde pubblico e della sostenibilità ambientale. La scadenza per candidarsi è il 22 luglio. Per saperne di più http://www.ilverdeeditoriale.com/citta_verde.aspx

Corsi e convegni

  • 19 giugno 2016 – Belgirate, Via Mazzini 121/125 presso Hotel Villa Carlotta ore 14,00. Convegno Gilberto Oneto, l’avventura di un uomo libero. Le radici per il futuro. Durante il Convegno saranno presentati il libro e il sito dedicato all’Associazione Gilberto Oneto. Programma http://www.associazionegilbertooneto.org/
  • Giugno: Proseguono per tutto il mese i corsi di giardinaggio e plant design organizzati a Roma dal Festival del verde e del paesaggio. Programma
  • 24 giugno seminario “Il diserbo sostenibile in ambito urbano”, Centro civico Sandro Pertini, via Bologna 38 Bresso, Milano. Programma
  • Settembre a Bergamo città Alta:
    9 settembre Université d’Etè, alla sua 13 edizione, ore 9, Aula Magna, Campus Universitario Sant’Agostino,Piazzale S. Agostino, 2 – Bergamo Alta.
    Per prenotare il biglietto https://www.eventbrite.it/e/universite-dete-2016-tickets-25717978165. Programma
    21 o 22 settembre Valfredda Perennial seminar: Una giornata in compagnia di Fergus Garret insieme Annie Guilfoyle e Mauro Crescini
    23-24 settembre Convegno internazionale maestri del paesaggio. Ospiti di questa edizione:
    • James ed Helen Basson (FR),• Andrea Cochran (USA),• Lisa Delplacedell’Oehme van Sweden Landscape Architecture Studios (USA),• Laura Gatti, paesaggista del Bosco Verticale (IT),• Jenny B. Osuldsen del Snohetta Studios (NO),• Andy Sturgeon Gold Medal Winner 2016 al Chelsea Flower Show di maggio! Per info http://www.imaestridelpaesaggio.it/2016/
  •  Come anteprima della mostra 2017 di Vestire il paesaggio sono stati organizzati a Pistoia alcuni seminari tecnici: “Per un vivaismo di qualità sostenibile ed ecocompatibile” (venerdì 24 giugno), presso la Biblioteca “San Giorgio” in Via Sandro Pertini a Pistoia, “La Biodiversità strumento d’innovazione e di qualificazione del vivaismo ornamentale pistoiese”(sabato 25 giugno), presso il Polo Universitario UNISER in via Sandro Pertini 358 a Pistoia, ed una Lezione in foresta “Dall’Orto Botanico le potenzialità ornamentali della Flora spontanea con particolare riferimento a quella Appenninica” (domenica 10 luglio), presso l’Orto Botanico Forestale di Abetone. Programma
  • 02 e 03 luglio 2016 – Eremo di Bienno (BS) e Foresta Valgrigia. Incontro aperto a tutti sulla tutela dell’ambiente montano e corso per operatori TAM anno 2016 su Foreste, cambiamenti climatici e servizi ecosistemici. PROGRAMMA

 Fiere e vivai

  • Estate All’Isola Madre, sul Lago Maggiore, sta per andare in scena la spettacolare fioritura delle ninfee, da sempre una delle maggiori attrazioni per i turisti. Si tratta di esemplari di ninfee rustiche che con i loro colori e le belle foglie galleggianti, dalla forma diversissima, rendono magici gli specchi d’acqua.Amplissima la gamma di colori delle loro fioriture: dal bianco, dal giallo, al pesca, al rosa, al rosso. Alcune varietà mutano colore nell’arco della fioritura, virando dal giallo all’arancio o dal rosa al rosso, al porpora. Colori diversissimi così come molto diverse possono essere le forme dei fiori: a stella, calice, coppa, con petali largi e carnosi o sottili, a punta o arrotondati, curvati o lisci. Fiori singoli, doppi o stradoppi, che contano sino a cento petali. Alcune varietà presentano fiori che emergono dall’acqua, altre si fanno notare per il delicato profumo.
  • 18-19 giugno: “Ortensie in Serra”, Parco Storico di Villa Serra, Sant’Olcese, Genova
  • 25-26 giugno: “Festa di piante Villafredda”, Borgo Medievale di Villafredda di Tarcento, Udine
  • 2-3 luglio: Giardino delle Rose, Ronzone, Trento Val di Non
  • 14 luglio- 11 settembre, Bruxelles: Jardin essentiel Park design 2016, un festival internazionale organizzato nei parchi pubblici della città in collaborazione con le comunità locali. Per info www.parkdesign.be
  • 17-18 settembre Accademia piemontese del giardino organizza Gli orti della Malpeng: mostra mercato per l’orto, il frutteto d’autunno e dintorni. Per info www.lamalpenga.it 
  • 21-23 settembre Flormart a Padova. www.flormart.it

Giardini

  • Inaugurato sul Lago di Como il “Chilometro della conoscenza” che collega tre ville storiche: Villa Olmo, Villa del grumello e Villa Sucota: un percorso naturalistico che si può effettuare tutte le domeniche e nel mese di agosto tutti i giorni. Per info www.chilometrodellaconoscenza.it
  • Dal 1° Giugno 2016torna a fiorire il Parco Storico della Palazzina di Caccia di Stupinigi (Nichelino, To) e con il biglietto d’ingresso al museo sarà possibile ammirare -per la prima volta dopo anni di lavori- anche l’area verde da cui partivano le rotte di caccia. Il parco venne realizzato a partire dal 1740 da Michel Bénard come giardino formale all’italiana con parterres a broderie delimitati da siepi di bosso e ligustro, decorati in estate da vasi di fiori e agrumi. Dal 1854 l’impianto settecentesco venne trasformato gradualmente per adeguarsi al nuovo gusto romantico inglese. Vennero dunque creati percorsi secondari ad andamento sinuoso con nuovi elementi paesaggistici. Il Parco Storico è stato oggi riportato ai disegni originali in cui il Salone delle feste si affaccia sui grandi viali che si irraggiano, in fuga, verso i territori di caccia e le campagne dell’antico Ordine cavalleresco. CS

    iL GIARDINO DEGLI INNAMORATI

  • E’ stato inaugurato il “Giardino degli Innamorati”, la nuova area tematica dei Giardini di Sissi a Castel Trauttmansdorff, Merano. CS

Libri

  • S. Desmond, “Gardens of italian lakes”, Frances Lincoln, 2016, 224 pp., 47 euro
  • Descrive i giardini dei laghi di Como e Maggiore con le fotografie di Marianne Majerus
  • S. Chiarugi, C. Zanarotti, “Più orto che giardino. Come coltivare verdure felici e fiori gentili”, Mondadori Electa, 2016, 168 pp., 19 euro
  • L. Beutler, The plant lover’s guide to clematis, Timber Press, 17.99 sterline
  • L. Giubbilei, The art of making a garden, Merrell, 2016, 45 sterline
  • “Breve guida pratica per erboristi fantasiosi”, di Chiara Saccavini.
    La guida è un pratico volume per curiosi, esperti e amanti delle erbe e piante officinali. L’autrice conduce il lettore alla scoperta degli aspetti divini delle erbe: oltre alle proprietà fitoterapiche, ci presenta aneddoti storici e correlazioni divine legate alle singole piante – con una scrittura leggera e coinvolgente – tra favole, storia e virtù nascoste. Il libro di Chiara Saccavini è frutto di un progetto di ricerca ben più ampio: filosofa ed erborista appassionata, Chiara Saccavini è da tempo impegnata nel suo vivaio in Friuli Venezia Giulia, dove crea ed implementa collezioni particolari, applicando il suo sguardo antropologico ad erbe e piante che accompagnano la nostra quotidianità, per riscoprire significati ormai dimenticati.

Milano

  • 21 giugno Biciclettata per il solstizio d’estate. Locandina

 

Mostre

  • 04 – 30 giugno 2016 – Milano, via Conte Rosso 34 presso ACMA Centro di Architettura mostra Sezioni trasversali 4×2+1 Archetipi visivi del paesaggio contemporaneo, progetto espositivo che vede protagonisti gli artisti Domenico Carella, Federico Guerri, Barbara La Ragione e Luca Piovaccari che, coerentemente con le scelte attuate nelle rispettive ricerche, affrontano un dialogo e un confronto con il tema architettonico.
  • Aperto al pubblico City After the City, il progetto Triennale allestito per la XX1T Esposizione Internazionale Triennale Design After Design all’interno dell’area EXPERIENCE rESTATE aMilano. Fino al 30 settembre, dal venerdì alla domenica dalle ore 14.00 alle ore 23.00, sarà possibile accedere gratuitamente a 5 mostre (Landscape urbanism, Street art, Expandend Housing, People in motion, Urban orchard), a una bookroom e all’orto planetario. Presentazione dell’evento a cura di Nicolin

Orti e giardini didattici

  • Linaria, organizzazione non profit per la bio e biblio diversità, rete ha avviato in una scuola della periferia di Roma Nord un progetto didattico-ricreativo per ribadire che la strada è un bene di tutti e che i bambini, fin dalla più tenera età, possono essere educati e responsabilizzati alle prime regole di cittadinanza: Parco Scuola del Traffico & Gioco dell’Oca. Il progetto prevede la realizzazione di una pista ciclabile e di un piccolo percorso stradale corredato di tutti gli elementi di segnaletica ai quali è affidato, peraltro, il compito di dettare le regole di un magnifico gioco dell’oca all’aperto. CS

Siti web

  • VISPI http://www.vispi.org/: il nuovo sito del portale degli spacialisti del verde. Con il trovapiante si può individuare in che vivaio si può trovare una pianta. Nel menù a tendine qui sopra puoi cercare lo specialista del verde che ti interessa cercando per regione, tipologia di piante, specializzazione dell’Operatore del Verde e per attività. Vispi.org è infatti uno strumento utile, oltre che per il grande pubblico degli appassionati, anche per chi lavora nel verde e desidera trovare le piante da grossisti e produttori.

TV

Un commento presente

giu 17 2016

Letti per voi giugno 2016: Martella e Giubbini

Pubblicato da nella News

Questo mese vi propongo due saggi a mio parere molto interessanti

M. Martella, Tornare al giardino, Ponte alle Grazie, 2016, 59 pp., 9 €

Un piccolo libro ricco di tante riflessioni profonde e di suggestioni poetiche. Diviso in tre parti Luogo, Natura morta, Giardino.
Per Martella (di cui ho già recensito Giardini in tempo di guerra http://www.giardininviaggio.it/letto-per-voi) tornare al giardino vuol dire un ritorno “al mondo incantato della physis”, che per i primi filosofi greci era molto di più di quello che oggi noi chiamiamo natura: cioè l’essere e il movimento che include gli uomini e le divinità e che non si discosta molto dal Tao cinese. La storia dell’occidente ha poi preso un’altra direzione con un progressivo allontanamento dell’uomo dal proprio ambiente con la natura che è divenuta un oggetto.
Per Martella in questo processo “abbiamo perduto la capacità di abitare poeticamente la Terra” cioè la capacità di “accettare il mistero dell’esistenza non come un limite, ma come apertura, come promessa”.
Quello che noi proviamo  è una sorta di nostalgia delle nostre origini, del tempo in cui gli esseri umani erano in armonia con il cosmo. Il giardino allora ci offre “la possibilità di abitare la Terra con umiltà, come suoi figli, affidando alle piante, all’acqua e agli animali la cura dell’anima mutilata”.

Guido Giubbini, Il giardino degli equivoci. Controstoria del giardino da Babilonia alla Land Art, Derive e Approdi, 2016, 127 pp., 14 €

Guido Giubbini, storico dell’arte e fondatore della rivista Rosanova, aveva già pubblicato in due volumi i suoi saggi storici sul giardino (vedi http://www.giardininviaggio.it/letture-2 e http://www.giardininviaggio.it/letti-per-voi-5).
Nel breve saggio appena dato alle stampe ci propone in 15 capitoli da lui intitolati “Equivoci” una sorta di controstoria in cui, devo dire con solide argomentazioni, sfata molti dei miti che hanno avvolto per secoli la storia dei giardini.
Qualche esempio?
Quello del giardino quadripartito (chahar bagh) che in specie la storiografia anglosassone ci ha tramandato come il modello persiano di tipo centripeto e chiuso verso il paesaggio. In realtà secondo Giubbini il giardino persiano era un giardino semplicemente organizzato in lotti quadrati ma di tipo longitudinale e aperto verso l’esterno; questo modello è poi stato tramandato, attraverso i giardini di Granada, al Rinascimento italiano e quiandi a tutto il giardino moderno occidentale. Ed è proprio nell’occidente cristiano e non nell’Islam che ha avuto successo il giardino quadripartito di tipo chiuso e centripeto.
Un altro mito da sfatare è quello che riguarda Villa Lante di Bagnaia, il cui parterre originariamente doveva apparire come un “piccolo esercito di orti cintati, ben diverso dall’attuale disegno neobarocco di siepi di bosso”. O ancora l’equivoco dei giardini di Versailles, che “pur essendo così importanti non sono l’opera più importante, e nemmeno la più bella, di André Le Notre”, una sorta di “compromesso tra il suo stile più caratteristico, quello di Vaux-le-Vicomte e di Chantilly, e lo stile italiano; un compromesso, probabilmente voluto dallo stesso Luigi XIV”.
E poi ancora si parla di Capability Brown e del giardino paesistico inglese, di Vita Sackville West e del giardino a stanze, del rapporto tra giardino e paesaggio.

Un libro che fa molto riflettere e che ci dimostra come sia difficile considerare il giardino nella sua interezza collegando tra loro tutti i differenti elementi che lo costituiscono, estetici, simbolici, sacri, botanici, paesistici, sociali. Un invito come dice l’autore nella sua introduzione “all’esercizio del dubbio e della critica”.

Nessun commento

giu 17 2016

Mostra e giardino di Pietro Porcinai a Trivero

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

P. Porcinai il disegno degli interni del giardino d’inverno

Molto piccola la mostra dedicata ai lavori di Porcinai a Trivero presso la Fondazione Zegna nei locali del bel giardino d’inverno da lui progettato (peccato che non abbiano conservato le piante!): interessanti alcuni stupendi disegni di progetto e alcuni elementi dei diversi piccoli giardini da lui disegnati e realizzati per la famiglia Zegna.

Il giardino d’inverno visto dall’esterno

Una delle piccole vasche d’acqua all’interno dell’edificio: straordinariamente moderna

La pergola ricoperta di glicine bianco

Particolare della pergola

Disegno della pergola

Particolari della pavimentazione

Uno dei giardini privati

Giardino privato ridisegnato da Porcinai sul luogo di un campo di bocce

Una Deutzia in piena fioritura

Interessante la Conca dei rododendri, qui non del tutto esplosi nella fioritura con la bella installazione di Dan Graham.

Conca dei rododendri a Trivero

Conca dei rododendri a Trivero

Conca dei rododendri a Trivero

Conca dei rododendri a Trivero

Conca dei rododendri a Trivero

Conca dei rododendri a Trivero

Installazione Dan Graham Conca dei rododendri Trivero

Installazione Dan Graham Conca dei rododendri Trivero

 

 

 

Nessun commento

giu 17 2016

Gita al Parco della Burcina

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Parco della Burcina fioritura dei rododendri

Sono tornata dopo molti anni, in occasione di una gita organizzata dall’associazione VerDiSegni, al “Parco della Burcina – Felice Piacenza” a Pollone (Biella) e sono stata fortunata perchè erano in piena fioritura i rododendri. Devo dire che anche se io non sono particolarmente amante di queste piante lo scenario è davvero suggestivo, bellissime le vedute.

Ecco alcune immagini

Il laghetto

Parco Burcina intorno al laghetto

fioritura di Liriodendrum tulipifera

Cryptomeria japonica

Splendida fioritura di Kalmia angustifolia

Parco Burcina: vedute

Parco Burcina: vedute

Bello questo accostamento di cisti e ginestre nella zona mediterranea

Interessante questo rododendro dalla foglia variegata

 

Nessun commento

giu 17 2016

Mostre all’Hangar della Bicocca

Pubblicato da nella Giardini e luoghi,News

Hangar Bicocca

Trovo sempre molto piacevole fare un giro all’Hangar della Bicocca, per vedere nelle varie stagioni il bel giardino disgenato da Marco Bay, per ricevedere le Torri celesti di Kiefer e per visitare le mostre temporanee che sono sempre piuttosto interessanti.

Il giardino intorno alla scultura di Melotti

Il giardino intorno alla scultura di Melotti

Le nuove tele di Kiefer che completano il ciclo delle Torri celesti

Le nuove tele di Kiefer che completano il ciclo delle Torri celesti

Corsten Holler: Flying mushrooms

La prima mostra che ho visitato è Architecture as Art (in corso fino al 12 settembre): una decina di architetti sono stati invitati a rispondere con installazioni in situ ad alcuni quesiti attorno a problemi decisivi per l’architettura dei nostri giorni: da M. Desvigne a C. Mosbach ad Atelier Bow-Wow a Rural Urban Framework, Studio Albori e altri ancora. Gli architetti sono stati invitati ad esprimersi su alcune parole chiave: Portico, Entrance, Rehabilitation, Roof, Shelter, Pavillon, ecc…”figure da usare come grimaldelli per esprimere dei pensieri architettonici riguardo ai nuovi paradigmi, come quello ecologico o lo sconfinamento dell’architettura nella disciplina paesaggistica”.

Ecco alcune immagini

Mostra Architecture as art Hangar Bicocca

DESVIGNE GARDEN GROUND: 307 giovani alberi in vaso disposti sulla base di un pattern ortogonale e uniforme di 2×2 metri segnato da strutture in bambù

EL EQUIPO DE MAZZANTI SIDEWALK: un percorso racchiuso all’interno di due pareti translucide attraverso le quali il pubblico può osservare ed essere osservato come in un “teatro delle ombre”

RURAL STUDIO SHARING: una sorta di spazio di incontro concepito come una quinta di gradinate affacciate su un vuoto centrale; le gradinate sono state realizzate impilando delle balle di carta da riciclo

RURAL STUDIO SHARING: soffitto di prove di stampa da immettere nel processo di riciclaggio alla fine della mostra

MOSBACH INSIDE OUTSIDE: un paesaggio teorico pensato per modificarsi nel corso dei 6 mesi della mostra grazie all’azione delle sostanze organiche a contatto con la superficie del pannello espositivo

NARCHITECTS ROOF : sei volte di alluminio intrecciate si innestano su un palco traingolare in legno.

RURAL URBAN FRAMEWORK SHELTER : una sequenza di due ambienti elementari generati dalla intersezione di due volumi dalla diversa matericità

La seconda mostra, molto intrigante e divertente, “Doubt” dell’artista Carsten Holler (fino al 31 luglio), una serie di installazioni curiose, ludiche e spiazzanti come il percorso al buio completo lungo un percorso chiuso e stretto come un labirinto dove si sperimenta la paura del buio e l’incertezza del cammino o come l’esperienza del volo dove i visitatori sono imbragati e girano appesi a una grande pala semovente. Poi giostre, giochi di specci, enormi funghi che si muovono….

Gioco e sperimentazione mi pare siano le chiavi dell’opera di questo artista tedesco. Ci si diverte e vale la visita.

Ecco alcune poche immagini

Corsten Holler Flying mushrooms

Corsten Holler

Nessun commento

giu 17 2016

Il mio giardino a Laveno

Pubblicato da nella plant design

Una Clematis a fiore grande viola di cui non ricordo più il nome….

Ecco alcune immagini recenti del mio giardino sul lago Maggiore a Laveno

Rosa William Allen Richardson dal delicato profumo e dalla tonalità aranciata mescolata a Hesperis matronalis

La stessa rosa quest’anno ha cominciato ad arrampicarsi sul vecchio albicocco che d’estate è tutto ricoperto dalle trombette arancio della bignonia

Banksia alba

Il mio piccolo orto

Clematis Arabella e rosa Dorothy Perkins

La pergola ricoperta da rosa Dorothy perkins

Lea davanti alla pergola

 

Nessun commento

giu 17 2016

Aiuole a Milano

Pubblicato da nella plant design

Come già ho mostrato in altri post sta lentamente migliorando la scelta delle piante nelle aiuole milanesi e anche quest’anno continua la buona pratica dei prati fioriti in giro per la città.

Ecco le recenti aiuole in piazza Missori con un assortimento di perenni tra cui Verbena bonariense, Echinacea, Stipa tenuifolia, Rudbekia, Hemerocallis

Aiuole in piazza Missori a Milano

Aiuole in piazza Missori a Milano

Aiuole in piazza Missori a Milano

Aiuole in piazza Missori a Milano

Nessun commento

giu 17 2016

Novità dal network Grandi Giardini Italiani

Pubblicato da nella News

 

Tenuta regaleali

Il 26 maggio si è svolto all’Orto botanico di Brera un garden party organizzato da Grandi Giardini Italiani.

Otto nuovi parchi sono entrati a far parte del circuito: Parco Novicelli (Verolanuova, BS), Villa Badia (Sezzadio, AL), Villa Gorck (Imperia), Palazzo Colonna (Roma), Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte (S. Giovanni La Punta, CT), Casa Cuseni (Taormina, ME), Villa Tasca d’Almerita (Palermo) e Tenuta Regaleali (Sclafani Bagni, PA). Oggi il network conta 12o giardini visitabili in 12 regioni italiane; nel 99% delle proprietà è possibile visitare, oltre al giardino, Palazzi, Ville storiche e collezioni d’arte, nel 40% è possibile anche pernottare. Una forma di successo di turimo culturale in cui protagonisti sono parchi e giardini.
Nel 2015 il network ha registrato circa 8 milioni di visitatori con un incremento del 30% rispetto al 2014, complice Expo e l’entrata nel circuito di due giardini dello stato vaticano: Castel Gandolfo e Giardini Vaticani.
Per maggiori informazioni www.grandigiardini.it

Nessun commento

giu 17 2016

Dal mondo delle riviste giugno 2016

Pubblicato da nella News

Lea e Billy: una cagnona giovane e un piccolo gatto vecchiolino

Arcipelago Milano

Acer 3 2016

  • Prato come metafira di biodiversità
  • Architettura degli alberi: disegni rilevatori
  • Difesa microbiologica con Tricoderma ssp
  • Le aiuole ritrovate di Villa Vigoni a Como
  • Vivaio Raziel
  • Combinazioni di bulbi per il verde pubblico
  • Morfologia degli alberi

Gardenia giugno 2016

  • Un giardino e un terrazzo a Milano progettoo di Baccari
  • Pejrone illustra il vivaistaDidier Berruyer
  • Tageti raccontati da Perazzi
  • Il premio Scarpa dei meli del Kazakistan a cura di Costanza Lunardi
  • Un giardino progettato dal Maestro Pagani intorno a Ferrara
  • Un giardino a Gorizia su progetto di La Civita
  • Fucsie
  • Peonie erbacee

Diphyllea cymosa, una pianta boschiva parente del Podophyllum con fiorellini bianchi con stami gialli in primavera seguiti in tarda estate da bacche blu

Centranthus lecoqii

Gardens Illustrated may 2016

  • May plants
  • Chelsea 2016 preview
  • Il paesaggista Arne Maynard illustra le piante interessanti per il giardino d’estate
  • Un giardino in bianco in Olanda
  • Cornus da fiore
  • Un woodland garden a New York

La mela cotogna maggio 2016, newsletter trimestrale a cura di M. Signorelli e D. Carafoli

Topscape 24 2016: si segnalano in particolare

  • National Arboretum a Canberra a cura del trio australiano Taylor/Cullity/Lethlean
  • Laga a Landau, progetto di A24 Landschaaft
  • Abu Dhabi Sowwah Square a cura di M. Schwartz e Partners

Nessun commento

Next »