mar 16 2017

Una installazione a Cannero riviera di Michela Pasquali

Pubblicato da alle 6:46 pm nella Giardini e luoghi

ORANGEARANCIO foto M. Pasquali

Ho chiesto a Michela Pasquali di raccontarmi brevemente il suo progetto ancora visibile fino al 19 realizzato sulle sponde del Lago Maggiore a Cannero Riviera in occasione della X edizione della manifestazione ‘Gli agrumi di Cannero Riviera’.

Ecco il suo racconto e le sue fotografie

Cannero Riviera, Lago Maggiore 11 – 19 marzo 2017

ORANGEARANCIO

 Installazione realizzata da Linaria in occasione della decima edizione della manifestazione dedicata agli agrumi di Cannero Riviera, splendido borgo del Lago Maggiore che vanta una straordinaria biodiversità legata ad un particolare microclima. Sicuramente uno dei luoghi simbolo del paesaggio italiano.

Sono mille sfere, dipinte in tante sfumature di arancio, a suggerire ai visitatori le emozioni legate a un’idea, quella che un frutto possa quasi rasentare la perfezione! Lo disse Bruno Munari in Good Design, ma lo pensarono anche gli antichi, quando ne affidarono la preziosa custodia alle Esperidi. Tra fantasia e leggenda, tra artificiale e naturale, tra arte e paesaggio, un viaggio alla ricerca di una dimensione nella quale collocare non l’arancia, ma la sua idea.
Una dimensione sospesa tra terra, acqua, aria. Una luce che esplode allegra e solare, ringraziando la montagna che scherma i venti settentrionali, e che in un percorso fluido come un’onda arriva all’acqua e invade il lago, fonte di vita.

 Michela Pasquali

PROGETTO: Linaria – Michela Pasquali

ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO: Maria Cristina Pasquali per Gabarè, Susanna Donini per il Comune di Cannero

REALIZZAZIONE: Michela Pasquali, in collaborazione con un fantastico gruppo di persone del luogo: Federico, Ignazio, Matilde, Nino, Maria Chiara, Katia, Ginella, Francesca, Alessia, Adrian e Debora.

ORANGEARANCIO foto M. Pasquali

ORANGEARANCIO foto M. Pasquali

ORANGEARANCIO foto M. Pasquali

ORANGEARANCIO foto M. Pasquali

ORANGEARANCIO foto M. Pasquali

 

Nessun commento

Commenti RSS

Lascia un commento