Tag: 'Zaha Hadid'

apr 25 2012

Suggestioni dal Fuori salone 2012

Pubblicato da in "News,Senza categoria"

Quest’anno, causa pioggia e altri impegni, ho fatto pochi giri al fuori salone e l’installazione più interessante l’ho trovata all’orto botanico di Brera. Il luogo è già magico di suo e le suggestive installazioni di Paola Navone per il marchio di lampade Barovier&Toso intitolate “The secret garden” hanno rappresentato un meraviglioso inserimento fra le aiuole dell’orto, quasi da sperare che rimangano: colore dominante il blu di Majorelle per una serie di buffi omini lampada su tronchetti e per le enormi ceste-nido di legno della medesima tonalità con piccoli fori contornati da carta stagnola per spiare le lampade iper barocche.

La passatoia botanica che introduce al Secret Garden

The secret Garden, Paola Navone

The secret garden Paola Navone

The secret garden Paola Navone

The secret garden, Paola Navone

Una bella macchia di Iris japonica

Sempre all’orto botanico Zaha Hadid ha progettato una installazione per una ditta di marmi

Zaha Hadid per Citco

Zaha Hadid per Citco

Nei cortili dell’Università statale diverse installazioni, curiose ma non geniali; la più interessante “Photosyntesis” del giapponese Akihisa Hirata per Panasonic: un ecosistema in miniatura con pannelli solari concepiti come fronde di un albero che fotosintetizzano la luce solare e come fiori lampade Led e Oled sotto le arcate.

Photosyntesis by Akihisa Hirata

Il grande albero con pannelli solari

I fiori Led

Divertente l’omaggio agli 80 anni della bottiglietta del Campari soda realizzata da Matteo Ragni

Matteo Ragni

Matteo Ragni

Molto bella l’installazione dell’architetto francese che ha progettato a Roma il nuovo Macro, Odile Decq: un gioco prospettico con un cubo formato da 31 lastre di gres porcellanato

Odile Decq

Odile Decq

Infine un grande occhio di acciaio che riflette le architetture circostanti riproducendo le reazioni della pupilla con le sensazioni di scossa e paura per i monumenti architettonici minacciati dalla distruzione, Taltos by Speech Tchoben e Kuznetson

Taltos

Taltos

Un gruppo di soci dell’associazione VerDiSegni con la scuola Arte&Messaggio ha realizzato due aiuole prototipo per il nuovo allestimento verde di via Paolo Sarpi

Una delle 2 aiuole di via Paolo Sarpi

Alcuni spunti di arredo colti qui e là

Ethimo

Dicksonia antartica in due enormi vasi colorati di Enea Landscape architecture

Un angolo molto jap con un bel vaso di azalea fra pannelli di legno

Nuove creazioni di outdoor di Patrizia Pozzi

Patrizia Pozzi

Nell’atrio della stazione Garibaldi Greenisland di Amazelab ha rappresentato una grande distesa di erbe spontanee e per l’occasione ha dato alle stampe un piccolo libro dedicato alle erbe selvatiche di Milano, Flora urbana, a cura di Claudia Zanfi, con contributi di Francesca Oggionni e una introduzione di Enrico Banfi, edito da Bolis.

Greenisland Green carpet

Un commento presente

set 05 2011

A proposito di Maxxi e Macro. Rita Sicchi architetto paesaggista

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

E’ certo che la quantità (pare 40.000 mq) e la qualità degli spazi espositivi funzionanti nella capitale sono ragguardevoli e il confronto con la presupponente pochezza milanese in questo settore, mi rattrista sempre un po’. Tant’è, Maxxi e Macro sono spazi espositivi invidiabili per immagine e per funzionalità.

Maxxi, anche se realizzato solo in parte rispetto al progetto, appare come un’architettura straordinaria, nata da un “movimento”, da un segno flessuoso e armonico che si adagia e si insinua nel tessuto urbano, con le sue superfici chiare e luminose. Forme curve, realizzate con strutture in cemento armato a vista, vetro e acciaio, che integrano interno ed esterno in un dialogo senza interruzione di continuità. La progettista Zaha Hadid ha dichiarato l’intento di costruire un “campus urbano aperto alla circolazione pubblica”, un luogo di fruizione invitante, e così esso appare, per le sue linee formali e la distribuzione funzionale.
L’interno è strutturato con una grande hall a tutta altezza intorno a cui ruotano gli spazi. Non è organizzato per un itinerario prefissato come il Guggenheim di New York , ma la rete di percorrenze si presta a variazioni, non è fatta per ritornare sui propri passi, ma offre una molteplicità di visuali e scenografie arricchite dalla luce diretta proveniente dalla copertura completamente trasparente e dalle ampie vetrate.
In tutto ciò l’architettura trova anche delle interessanti integrazioni con opere di scultura-design, come i proiettori rossi appesi alla struttura interna di Maurizio Mochetti, o la presenza del grande imbuto nero di Anish Kapoor o l’affresco di Sol Levitt.
Un’architettura forte e originale che si presta ad accogliere opere ed installazioni con la flessibilità e l’adattabilità consona ad un museo di nuova concezione.
Altra cosa sono, ahimè, i difetti di gestione già descritti da Laura.

A. Kapoor, Widow

Sol LeWitt, Wall drawing

Il Macro, di Odile Decq, si presenta come un garbato e geniale intervento di integrazione e recupero di una struttura esistente (ex stabilimento Peroni), parte di un isolato inserito in un contesto urbano consolidato della città. Quindi un progetto con molti vincoli, risolto in maniera impeccabile.
Le parti nuove si intersecano a quelle recuperate in un linguaggio architettonico fresco, originale e molto raffinato.
Contrasti di colori, bianco, nero e rosso, usato per i materiali di costruzione degli interni, bei giochi di luci e trasparenze con l’utilizzo vi vetro e acciaio, la discreta presenza di tocchi di verde naturale per effetto delle cime degli ailanti visibili anche dall’interno della struttura.
Anche in questa realizzazione è interessante il rapporto tra gli spazi interni e quelli vuoti all’aria aperta, una grande terrazza polifunzionale a copertura dell’edificio ricostruito, una galleria trasparente a congiungere le diverse parti del museo.
Per una sosta ho trovato ragguardevole da tutti i punti di vista anche lo spazio bar! Insomma, direi che al Macro architettura e gestione risultano in piacevole assonanza.
Buona visita a tutti.

Macro di Odile Deck, particolare degli interni

Macro, interno-esterno

Macro, Galleria trasparente

Nessun commento

ago 22 2011

Roma: Maxii e altre nuove architetture

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

A fine luglio ho fatto una breve escursione a Roma per vedere le nuove architetture, dall’Auditorium di Renzo Piano fino ai più recenti musei il Macro – ampliato da un intervento stupendamente integrato alla struttura preesistente che sorge negli ex stabilimenti Peroni fino al Maxii, il nuovo museo di arte e architettura firmato da Zara Hadid.

Lasciando a Rita Sicchi- l’amica architetto che ha condiviso con me questa piccola esplorazione – il compito di raccontare il suo punto di vista sulle architetture, io mi soffermerò a segnalare, corredandoli da brevi flash di immagini, alcuni aspetti che riguardano gli esterni degli edifici, il disegno dei percorsi e alcune interessanti installazioni di paesaggisti.
La nuova ala del Macro – opera dell’architetto francese Odile Decq – colpisce per la sobrietà del progetto, per la coerenza nella scelta dei materiali e per la perfetta integrazione con la struttura preesistente; mi è molto piaciuto il piccolo cortile di ingresso coraggiosamente punteggiato da alcuni esili esemplari di ailanto che si stagliano come leggere sculture che si alzano dalla terra rivestita di ciottoli bianchi e fiancheggiano il percorso a zig zag di cemento.

Cortile di ingresso al nuovo Macro di Odile Decq

All’Auditorium di Renzo Piano ho trovato molto poetico l’angolo in cui un unico grande ulivo si staglia tra le pareti di mattone su un letto di edera.

Vasi con stipa all'esterno dell'Auditorium

Particolare di una delle tre strutture con il tetto rivestito di piombo

Il Maxii di Zaha Hadid è una struttura architettonica potente, flessuosa e avvolgente, un contenitore che si impone come un’opera d’arte e che avrebbe richiesto, a mio parere, altrettanta genialità e creatività nella delineazione dei percorsi interni alla scoperta (assai difficile) delle poche (5) opere permanenti e alla ricerca delle esposizioni temporanee. Purtroppo, da un lato non è assolutamente chiaro quali siano le caratteristiche della collezione (ad esempio gli archivi di architettura ai quali – stando alle informazioni pubblicate sul sito del museo – ci si aspetterebbe di poter accedere sono in realtà in un’altra sede e visitabili solo su appuntamento), dall’altro la collocazione delle opere e delle esposizioni temporanee è assolutamente demenziale e costringe il visitatore ad un estenuante girovagare senza costrutto. Peccato: un’altra occasione mancata che però non dioende assolutamente dal progetto architettonico, ma dalla direzione del museo.
Ho trovato veramente sapiente il disegno dei percorsi all’esterno dell’edificio che corrispondono in maniera armoniosa alla struttura curvilinea del complesso e che delimitano uno spazio outdoor che consente una piacevole fruizione. Perfetta per questo spazio l’installazione temporanea “Whatami” dello Studio staRTT, vincitrice di un concorso indetto da Macro e Moma di New York, che si presenta come un arcipelago di aree verdi, la principale più grande costellata da giganteschi fiori in acciaio e resina che forniscono ombra durante il giorno e luce di notte e altre più piccole tutte disseminate nell’area esterna al museo.

Il complesso del Maxii

La trama dei percorsi nello spazio esterno

Vista d'insieme dell'installazione dello studio staRTT con le piccole isole verdi e sullo sfondo la grande isola con sedute di legno e grandi fiori rossi

Particolare dei fiori-lampade in acciaio e resina rossa

Sullo sfondo particolare delle sedute di legno su piccoli rilievi inerbiti.

Ingresso al museo con il bel gioco di alternanza cemento e ghiaia bianca nei sentieri di accesso

All'interno forme sinuose e come colori bianco e nero: qui una nota di rosso dell'opera di Mochetti "Rete di luce nell'iperspazio curvilineo"

"Stolen paradise" di West8: un bosco composto da sagome bianche di alberi trasparenti che dialogano poeticamente con la luce degli interni.

Sempre a firma di West8 una sfilata di ceppi di albero in acciaio corten.

Molto interessante la disposizione dei pioppi cipressini in file diagonali all'esterno del museo.

Nessun commento