Tag: 'winter garden'

mar 20 2012

Un bel giardino da gustare in inverno

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Ě proprio vero che non ci si stanca mai di rivedere quei giardini che ci hanno colpito: a fine febbraio sono tornata a visitare il giardino degli hamamelis che Umberto Cammarano ha creato alcuni anni fa nella sua proprietà vicino a Borgomanero. Un giardino dedicato all’inverno, come di rado se ne vedono in Italia con un originale accostamento di cornus dai rami ornamentali di ogni colore, di amamelidi, da lui scoperti alcuni anni fa nel giardino di Jelena de Belder, una delle più grandi collezioniste al mondo di questo prezioso arbusto che fra febbraio e marzo si colora dei toni arancio, rosso o giallo dei suoi fiori sui rami ancora nudi.
Un piccolo giardino organizzato a stanze, ognuna con un suo tema, e disegnato con uno stile ora formale che rievoca in modo semplice alcuni elementi del giardino all’italiana e ora più informale e scapigliato. Si scoprono tante specie interessanti – oltre alle tante varietà di Hamamelis, i cornus dai rami scarlatti, giallo acido o salmone, e si aprezzano le cortecce molto particolari e decorative delle betulle, dei prunus e degli aceri e si respira un clima sereno, tranquillo che ci aiuta a cogliere i segni del risveglio della natura e ad apprezzare tanti particolari minuti, come ad esempio i candidi bucaneve su un tappeto scuro di Ophiopogon planiscapus ‘Nigrescens’. Il giardino è aperto alle visite su prenotazione tra febbraio e marzo; per contatti umberto.cammarano@gmail.com

L'ingresso al giardino

Un angolo del giardino che richiama i motivi del giardino all'italiana

Cornus sanguinea 'Green light'

Acer conspicuum 'Phoenix'

Prunus serrula dalla corteccia ambrata

Un bell'accostamento: Skimmia 'Kew Green' e Taxus

Galanthus nivalis su un letto di Ophiopogon planiscapus 'Nigrescens'

Cornus 'Westonbird' e 'Winter Flame' con Hamamelis 'Arnold Promise'

2 commenti presenti

gen 20 2012

Il mio giardino in inverno

Pubblicato da in "plant design"

Il mio giardino è un giardino di lago, precisamente a Laveno sulla sponda lombarda del lago Maggiore. Il terreno è leggermente acido, abbastanza povero e pieno di sassi, non un granchè per dire la verità, le rose stentano ma in compenso ortensie e camelie sono molto contente!
Come esposizione è parzialmente ombreggiato e sono poche le zone pienamente al sole. Nel corso degli anni ho piantato molte ortensie, camelie soprattutto invernali, tante perenni e recentemente anche graminacee.
Qui di seguito una piccola galleria di immagini del giardino in questo periodo invernale

Le foglie porpora di Hydrangea quercifolia, davanti Liriope muscari e dei fiori bianchi di metallo che servono ad abbellire l'aiuola nel periodo invernale

Helleborus niger mescolato con la bella felce sempreverde Asplenium scolopendrum

In questo periodo Sarcococca ruscifolia è ancora piena di bacche rosse e comincia a fiorire con fiori bianchi molto profumati

Appeso a un vecchio albicocco un vasetto con un Helleborus niger

I fiori rosa acceso di Camellia hiemalis e accanto in un vecchio contenitore di rame Equisetum hyemale

Sono ancora piacevoli i portasemi bianchi dell'anemone giapponese

Un vecchio tavolino di ferro con seggioline di un colore rosa sbiadito illumina la scena nella luce invernale

In mezzo alle viole del pensiero un funghetto di metallo e un cagnolino di ferro

Una piccola casetta con il cibo per gli uccelli che d'inverno hanno bisogno del nostro aiuto

Le belle foglie luminose di Vinca 'Illumination'

Le foglie coriacee e spinose di Helleborus argutifolius che fiorisce più avanti con fiori giallo verde

Un bel fiore bianco di Camellia sasanqua

Sulla parete di un muro a secco si stagliano i rami rossastri di Hydrangea petiolaris

Le caratteristiche foglie coriacee di una dafne

Le graminacee lungo un pendio dove spiccano i rami bianchi di Rubus cockburnianus

Un' aiuola di perenni con gli astri e le astilbe sfiorite

Il boschetto di bambù

Il calicanto in fiore che sparge un profumo delizioso per tutto il giardino

I portasemi di Ceratostigma wilmottianum che durano tutto l'inverno

Una Nandina "Firepower" con le caratteristiche foglie che si tingono di rosso

I bei portasemi di Ceratostigma willmottianum che durano quasi tutto l’inverno

Prospettiva del lago

Un commento presente

dic 18 2011

Il giardino d’inverno

Pubblicato da in "plant design"

Personalmente amo molto il giardino invernale e come mi è capitato di fare nei confronti dell’altro nemico giurato del giardino, l’ombra, vorrei spendere qualche parola a difesa di una stagione che può regalare molte piacevolezze e suggestioni, di colori, di particolari più nascosti e anche di fiori e profumi. Va detto poi che l’inverno è un giudice severo dell’impianto di un giardino che senza dubbio risulta riuscito se sa vincere la sfida di un periodo in cui risaltano le strutture, le architetture e l’impianto del giardino. Come dire facile fare un bel giardino che è tutto fiorito in primavera!
Partendo dai rami colorati c’è un’ampia scelta di essenze: basti pensare alle tante varietà di cornus che ci offrono una gamma veramente ricchissima di tonalità dal giallo acido al rosso brillante, al corallo, all’arancio. Ecco qualche esempio:

Cornus "Green light"

Cornus flaviramea stolonifera

Cornus sibirica specie e Hamamelis "Diana"

Un altro arbusto che diventa molto interessante nel periodo invernale per lo straordinario colore bianco dei rami spogli è Rubus cockburnianus, rustico, di crescita veloce, senza pretese (sia in forma di arbusto di media altezza che di tappezzante adatto a risolvere il problema ad esempio di pendii).

Rubus cockburnianus in estate

Rami invernali del Rubus (foto scaricata da Internet)

Se poi passiamo alle cortecce anche qui c’è da sbizzarirsi sia per la scelta dei colori che delle tessiture che diventano elementi preziosi da ammirare in inverno; solo qualche esempio:

Acer conspicuum "Phoenix"

Betula nigra

Salix vitellina "Alba"

Per quanto riguarda fiori e profumi non si può non avere nel proprio giardino almeno un calicanto, anche della specie più semplice (Calicanthus praecox), che anche se  non è particolarmente aggraziato nel resto dell’anno ci regala da dicembre a gennaio una esplosione di fiori giallo scuro sui rami nudi dalla fragranza inconfondibile; consiglio poi di piantare delle sarcococche che oltre alle bacche (rosse in  Sarcococca ruscifolia) si riempiono di fiorellini bianchi profumatissimi tra gennaio e marzo.

Fiore di Calycanthus praecox (immagine da Internet)

Sarcococca hookeriana

Bacche di Sarcococca ruscifolia (immagine da Internet)

Per finire con i fiori si possono piantare ellebori di diverse specie e varietà per avere una fioritura da dicembre fino ad aprile e poi non devono mancare le camelie invernali, tra cui prediligo le sasanqua che hanno un portamento molto più morbido e naturale delle primaverili.

Helleborus niger e Galanthus nivalis (bucaneve)

Helleborus orientalis

Camellia sasanqua a fiore semplice

Infine un altro arbusto che fiorisce sui rami nudi tra febbriaio e marzo e che a seconda della varietà è disponibile con fiori gialli, oppure arancio o rosso brillante, alcuni profumati, è Hamamelis, un grosso arbusto che nel mondo anglosassione è noto come Nocciolo delle streghe (Witch hazel).

Hamamelis x intermedia "Diane"

Hamamelis x intermedia "Jelena" e Cornus stolonifera

Piccola bibliografia sul giardino invernale

  • Rosemary Verey, The garden in winter, Frances Lincoln, 2002: spunti progettuali e guida alle piante di una grande paesaggista inglese
  • Eluned Price, The winter garden, Salamander Books, 1996: bellissime immagini di Clive Nichols e una guida alle piante
  • Linda Gray, Grow your winter garden, New Holland, 2011:la coltivazione di ortaggi, erbe e frutti invernali

Un commento presente