Tag: 'verde urbano'

apr 17 2019

Alla Libreria della natura: Conferenza Preludi mediterranei e tropicali nella flora milanese del global warming. I mutamenti climatici che cambieranno il verde di Milano Emanuele Bortolotti e Enrico Banfi 2 aprile 2019

Pubblicato da in "plant design"

Enrico banfi ed Emanuele Bortolotti alla Libreria della natura il 2 aprile 2019

Molto interessante la prima conferenza del ciclo ‘Il Paesaggio in libreria – Giardini aperti mediterranea’ organizzato dalla Libreria della natura di MIlano con AIAPP Lombardia.
Enrico Banfi: il cambiamento climatico ha portato a Milano molte piante mediterranee, assenti fino a qualche anno fa. Alcuni esempi: Convolvulus sylvaticus, Erigeron bonariensis e Papaver flavum, quello caratteristico delle spiagge e anche molte poacee del sud. Nel verde ornamentale si vedono ormai molte false canfore (Cinnamonum glondulosum), Plumbago auriculata e tanti gelsomini ritenuti delicati, come Jasminum polyanthum, grandiflorum, azoricum e il sudafricano J. multipartitum. Oltre alle Cycas molte palme, come la messicana Washingtonia robusta Phoenix canariensis.

Emanuele Bortolotti ha illustrato le ripercussioni del cambiamento climatico sul piano progettuale. In generale si assiste ad un maggior uso di piante spontanee e con minori esigenze idriche e al posto dei prati all’inglese i parti fioriti. Tra le specie ‘mediterranee’ ormai ampiamente usate nei progetti cita scabiosa, lavatera, teucrium, phlomis, nepeta, cisto, artemisia…
I vantaggi della flora mediterranea in ambiente urbano sono: buon adattamento al clima; poche esigenze di substrato; suoli alcalini; limitato consumo idrico e buona tolleranza di lunghi periodi di siccità; buona persistenza fogliare in inverno; fioriture prolungate; resistenza alle malattie.

Nessun commento

ott 29 2012

Il verde a Berlino (seconda parte)

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Ecco, dopo le architetture, qualche immagine di parchi, giardini di quartiere e di spazi verdi

Vista dall’alto di Tietgarten il grande polmone verde della città di quasi 400 ettari

Tietgarten: il grande lago

Uno scorcio della sistemazione a verde di Postdaner Platz

Nei pressi Posdamer Platz il Quartiere Daimler progettato da Renzo Piano

Quartiere Daimler

Scultura di T. Haring di fronte al Teatro Sternberg

Berlino sistemazione a verde sedi governative della paesaggista Cornelia Miller

Berlino sistemazione a verde sedi governative di Cornelia Miller

Sistemazione a verde sedi governative

sistemazione a verde sedi governative: aiuole di prato dal disegno semplice ma intrigante

Zona di Prenzlauerberg: scarpata con vite americana di fronte alla Wassertun, serbatoio dell’acqua trasformato in condominio residenziale

Zona di Prenzlauerberg

Zona di Prenzlauerberg: Prefferberg interno di una ex birreria trasformata in ristoranti, atelier, teatri…

Sempre in Prenzlauerberg il vecchio e struggente cimitero ebraico orami invaso dall’edera

Inaliden Park, parco progettato agli inizi degli anni ’90 da C. Girot: un grande muro che affoga nell’acqua circondato da semplici filari di Gingko biloba che in autunno si tingono di giallo dorato

Invaliden Park: vista del grande muro-scultura

Invaliden Park

Invaliden Park: Particolare dell’impianto arboreo

Museo ebraico Libeskind: il cortile di Paul Celan con una pavimentazione in pietra di diversi tipi e forme e al centro una Paulownia tomentosa

Museo ebraico Libeskind: particolare della pavimentazione del cortile di Celan

Uno dei giardini del Museo ebraico progettati da C. Miller

Museo ebraico: particolare del giardino dell’esilio, composto da 49 colonne di cemento inclinate piantumate con salici arbustivi a ricordare l’olivo

Giardino delle sculture del Neue National galerie, progettato da Mies Van der Rohe nel 1968

Neue National galerie

Neue National galerie: dialogo tra la scultura di Henri Moore e l’edificio della Filarmonica

La grande fontana di petre al centro del Lustgarten, riprogettato da Hans Loidi, di fronte all’Altes Museum

Panoramica del Lustgarten

 

 

Spazio ai bambini: tanti semplici giardinetti di quartiere con giochi molto naturali tutti di legno e sabbia per giocare…

Elementi vegetali spontanei

Biciclette per trasportare cani e altro…

Sempre in tema di biciclette: quasi tutti i negozi hanno all’esterno porta-biciclette tutti di uno stesso modello ma personalizzati: un’idea che dovrebbe ispirare Milano

Un modello molto diffuso di bicicletta da trasporto

 

In questo micro spazio verde una grande panchina ondulata basta a creare uno spazio di piacevole sosta: parola d’ordine semplicità

Rossi autunnali

Un bel contrasto: una fila di pioppi cipressini si stagliano sulla facciata di una chiesa movimentati dal vento

Nessun commento