Tag: 'Michele Maino'

feb 27 2014

Vegetariano artistico

Pubblicato da in "News"

Butterr-fly

Lo chef vegetariano Michele Maino dell’Osteria 55 di via Messina a Milano ci regala queste belle immagini di suoi piatti che sembrano dei piccoli quadri.

Altromare

Bonsai di borragine

Caigua ripiena

Fiore frizzante e amarene cotte al sole

Insalatina di salicornia, coriandolo e cornioli

Maki di Sant’Anna e corbezzoli

Pleurotes e nasturzio

Nascondi
Puntarella all’impiedi

Ricotta, spirulina e loto

Sant’Anna, pesto e vitellotte

Sushi verticale

Uva di Okinawa

Uva di Okinawa

 

2 commenti presenti

dic 20 2013

Ortaggi, frutti e spezie declinati in bianco

Pubblicato da in "News"

chinese white fungus

Le foto che pubblico perchè sono amio parere molto belle e inconsuete sono opera di Michele Maino, giovane chef che da un anno ha inaugurato un ristorante di cucina vegetariana molto interessante, all’insegna della contaminazione delle cucine del mondo e anche esteticamente molto appagante. Dal mese di dicembre l’Osteria 55 di via Messina di Milano ha inaugurato anche pranzi vegetariani con menu più semplici rispetto alla sera ma sempre originali e appetitosi.
Per info http://www.osteriaal55.it/

asparagi bianchi

cardi

cocco fresco

crosnes cinesi

kaki secco

loto

mais bianco

pepe bianco

 

Nessun commento

ott 14 2012

Vegetariano con stile: un nuovo ristorante milanese all’insegna della fantasia, della qualità del cibo e …a portata di portafoglio!

Pubblicato da in "News"

Il locale ha la semplicità di una trattoria di quartiere ma con il tocco raffinato e minimalista di certi locali berlinesi, pareti giocate su sfumature di verde, luci ben assortite, manifesti originali alle pareti. In cucina Michele Maino – chef diplomato al prestigioso Cordon bleu di Parigi – che fa una ricerca molto originale e piacevole di sapori e di ingredienti orientali proponendo un menù ben equilibrato con alcuni piatti molto convincenti, come il riso al roquefort con curcuma fresca, oppure anche molto colorati come gli gnocchi di patate violette in salsa di cavolo rosso e per finire alcuni dolci sfiziosi. In sala l’altro socio, Carlo Codarini, simpatico e accogliente. Un menù tipo.

Da provare: Osteria 55, via Messina 55, Milano; cucina tradizionale a mezzogiorno da lunedì a sabato e serate vegetariane da mercoledi a sabato. Meglio prenotare tel 02/49752286

 

Un commento presente

set 12 2011

Cucina naturale e fotografia di paesaggio a La Cassera, nel Monferrato

Pubblicato da in "News"

Vi segnalo e vi raccomando due prossime iniziative che in modi diversi hanno a che fare con i temi del mio blog: la cucina naturale e la fotografia di paesaggio.
Intanto due parole sul luogo dove si terranno i corsi: La Cassera è una deliziosa locanda di campagna inserita in un contesto paesaggistico molto dolce e piacevole, quello delle colline del Monferrato, nei pressi di Acqui Terme, i due proprietari Liliana e Dario due persone che hanno il pregio di accogliere con cura e simpatia gli ospiti e poi tanti animali: oltre a Pepa, un quasi labrador nero e Gina, una simpatica gattina, i cavalli su cui è possibile montare anche per fare qualche piccola passeggiata.
La Cassera, Castelletto d’Erro (Alessandria), mail info@lacassera.it, www.lacassera.it, tel 0144/41650

L’weekend del 16-18 settembre Michele Maino, giovane chef diplomato al Cordon Bleu di Parigi che interpreta con linguaggio creativo i temi della macrobiotica, terrà un corso di cucina naturale facendo sperimentare ai partecipanti la preparazione del seitan, i modi di cottura del riso integrale, l’uso di tofu, alghe…e molto altro. Io ho seguito il corso che Michele ha fatto la primavera scorsa e l’ho trovato molto interessante e anche divertente. Da allora ho preso l’abitudine di usare le alghe e ho sperimentato con successo alcune ricette, ma soprattutto ho scoperto come possono essere gustosi e attraenti piatti che sono sani e che ci fanno stare meglio.

L’weekend 14-16 ottobre sarà la volta della fotografia con il fotografo Enrico Minasso. Mi sembra intrigante che la proposta dell’workshop sia di affrontare non tanto gli aspetti tecnici della fotografia ma, cosa assai più difficile e anche appassionante, come leggere con occhi diversi il paesaggio che ci circonda.

Un commento presente