Tag: 'macchia mediterranea'

giu 17 2019

Isola di Kea, una ciclade vicinissima ad Atene

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Kea: vista all’alba del mare dalla terrazza del nostro albergo a Ioulis, il centro principale dell’isola, che i greci chiamano Tzia

Segnalata dalla cara amica Lucia Covi, ho trovato davvero molto interessante l’isola di Kea, una delle più grandi delle Cicladi a solo un’ora di traghetto da Atene (dal porto di Lavrios, una quarantina di minuti dalla città). Un’isola di impronta agricola, molto semplice, poco modaiola, molto amata e frequentata dagli ateniesi. Belle spiaggette, alcune, le più intriganti, raggiungibili meglio a piedi, alcuni resti archeologici interessanti, tante passeggiate assai ben segnalate che in questa stagione sono una meraviglia con le fioriture primaverili della macchia mediterranea.

Kea è l’unica ciclade in cui si trovano boschi di quercia: Quercus aegilops o valonia, una quercia bassa e molto espansa.

quercus-aegilops-o-valonia-kea-

Ioulis, un paesino arroccato tutto percorribile con scale e scale ancora.Dal centro dell’abitato partono molti percorsi a piedi.

Kea, Ioulis, una delle tante chiesette colorate

Kea, distese di ginestre

Kea, uno dei percorsi in mezzo alla macchia mediterranea

Kea, una delle spiaggette

Kea, una spiaggia di sabbia

Kea: distese di cardi e ombrellifere

Kea

Kea

Kea, capre e pecore sparse

Kea: molti terrazzamenti con olivi e muretti di sasso

Kea: tante sfere compatte di timo con fiori violetti

Kea: e accanto al timo sfere dello spinosissimo sarcopoterium-spinosum

Kea: distese di Acanthus spinosus

Kea cardo selvatico

Kea: helychrysum-petiolare

Kea: distese di Daucus carota

Kea: composizioni bellissime nella loro semplicità

Nessun commento

giu 17 2019

Grecia: ritorno ad Atene

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Acropoli, Partenone

Dopo non so più quanti anni, sono tornata ad Atene dove abbiamo visitato il nuovo (per me) museo dell’Acropoli, veramente stupendo con viste straordinarie sull’Acropoli e la Stavros Niarchos Foundation a Killithea afffacciata sul Piero, firmata da Renzo Piano. Oltre alla bellezza dell’architettura ho apprezzato il rigoglioso giardino mediterraneo, un roof garden soprendente e ormai maturo dopo quasi dieci anni dalla sua realizzazione (vedere il post di Antonio Lazzaretto sul mio blog http://www.giardininviaggio.it/stavros-niarchos-foundation-kallithea-atene-testo-e-foto-antonio-lazzaretto).

Ecco alcune immagini

Stavros Niarchos Foundation: la planimetria del grande centro culturale che ospita la Biblioteca nazionale e il Teatro dell’opera di Atene

stavros-niarcos-foundation-atene

stavros-niarcos-foundation-atene: la grande distesa della graminacea Doclyla glomerata

stavros-niarcos-foundation-atene: il roof garden con il giardino mediterraneo

stavros-niarcos-foundation-atene: il roof garden con il giardino mediterraneo

stavros-niarcos-foundation-atene: il labirinto

stavros-niarcos-foundation-atene: il roof garden con il giardino mediterraneo

stavros-niarcos-foundation-atene: il roof garden con il giardino mediterraneo

stavros-niarcos-foundation-atene: il roof garden con il giardino mediterraneo

stavros-niarcos-foundation-atene: il lungo canale d’acqua

E sulla via dell’aeroporto una piccola sosta per rivedere Capo Sounion con il tempio di Poseidone.

capo-sounion-tempio-poseidone

Nessun commento

mag 29 2012

Scatti di amiche

  • Isabella Boila, ortista a Brezzo di Bedero sul lago Maggiore, ha intitolato “Sex and the hortus” questi scatti libidinosi

  • La mia infaticabile amica Flavia de Petri ha colto queste immagini di macchia mediterranea in piena fioritura in un trekking all’isola d’Elba

Nessun commento