Tag: 'Intelligenza delle piante'

mar 17 2019

Broken nature: una mostra imperdibile fino all’1 settembre 2019 alla Triennale di Milano

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

mostra-broken-nature-triennale-2019

Broken nature: Design takes on Human Survival, il titolo della mostra in corso fino all’1 settembre 2019 alla Triennale di Milano.
Curata da Paola Antonelli rappresenta una panoramica ragionata e molto complessa sul rapporto che lega gli uomini e l’ambiente naturale, rapporto che negli anni si è molto compromesso minacciando le sorti del nostro pianeta. La mostra ci propone il Design come strumento riparatore con molti esempi di progetti innovativi, freschi e pieni di creatività.
La mostra si articola in tre ambiti: esposizione di progetti degli ultimi tre decenni, esempi di architettura, design e arte ricostituente provenienti da tutto il mondo; la Nazione delle piante, curata da Stefano Mancuso, che ci invita a guardare le piante in modo nuovo usandole per quello che possono insegnarci; Le partecipazioni internazionali, promosse da istituzioni e atenei di eccellenza internazionali.

Per visitare la mostra occorre pianificare molto tempo, ma vale assolutamente la pena, anche ritornarci.

Ecco alcune suggestioni che ho ricavato tra le molte dalla visione della mostra

Mostra-broken-nature-Reliquaries-2018-Paola-Bay-e-Armando-bruno-Triennale-

mostra-broken-nature-supergroww-11000-little-inventors-2018triennale: uno strumento per far muovere le piante alla ricerca della luce

Mostra-broken-nature-Hippo-roller-by-P-Petzer-J-Jonker-Triennale: bidone in polietilene e acciaio per il trasporto dell’acqua concepito per un villaggio in Sudafrica

mostra-broken-nature-anima di Kosokue Ataki -2018-2019-triennale: stoviglie composte da resti vegetali, carbone vegetale e lacca urushi

mostra-broken-nature-acoustic-fur 2018 by C. Meidertsma-triennale: feltro fonoassorbente costruito con scampoli di tessuto

mostra-broken-nature-triennale: Concept shoe for Adidas, A. Taylor scarpe realizzate con detriti di plastica

mostra-broken-nature-triennale-2019: poltrocina costruita con alghe secche e resina organica, Gasmi Issia Khen Feriel

mostra-broken-nature-plants-from-plantst by LEGO: polietilene rinnovabile prodotto a partire da canna da zucchero

La mostra Nazione delle piante, curata da Stefano Mancuso, è una occasione preziosa per divulgare le teorie del famoso biogolo vegetale. Molti pannelli didattici aiutano il pubblico a capire il complesso sistema delle piante e le loro straordinarie capacità, ci invita a guardare con occhi nuovi il mondo vegetale per imparare tante cose utili per il nostro futuro. Ho trovato solo un pò troppo scenografica la sala degli specchi.

mostra-broken-nature-triennale-la-nazione-delle-piante
L’installazione mette a confronto alcuni dati delle piante con animali, architetture e altro. Ad esempio la Sequoia General Sherman pesa 1910 ton.contro le 210 di una balenottera azzurra; l’estensione del Ficus bengalensis è di 19.000 mq contro i soli 7140 di un campo da calcio o ancora l’altezza della Sequoia hyperion è di 115 metri contro i 93 della Statua della libertà.

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019: la sala degli specchi

Nessun commento

dic 05 2017

Il Primo master sulla intelligenza delle piante coordinato da Stefano Mancuso

Pubblicato da in "plant design"

E’ la sfida raccolta dalla prima edizione del Master di I livello “Futuro Vegetale. Piante, innovazione sociale e progetto” dell’Università di Firenze, un’esperienza inedita nel panorama della formazione italiana, con il coordinamento scientifico del fisiologo vegetale Stefano Mancuso e del sociologo Leonardo Chiesi.

“Il punto di partenza – spiega Mancuso, ordinario di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree dell’Ateneo fiorentino – sono le strategie del mondo vegetale, sempre contraddistinte da parsimonia energetica, varietà nell’uso dei materiali e assenza di impatto sull’ambiente ecologico. Strategie sorprendenti che approfondiremo per immaginare insieme agli allievi del Master ciò che ancora non c’è ma ci potrebbe essere e per provare a progettarlo”.

Il corso si articolerà in lezioni, laboratori e un workshop finale intensivo, favorendo la condivisione delle conoscenze grazie al lavoro di gruppo e alla sinergia con l’esperienza di cui gli allievi saranno portatori.

“Il nostro obiettivo – racconta Leonardo Chiesi, associato di Sociologia dell’ambiente e del territorio all’Università di Firenze – è esporre gli studenti a tre forme di sapere che hanno un approccio alla realtà e strumenti metodologici diversi, quello della natura, quello della società e quello della progettazione. Grazie al dialogo tra le differenti discipline ci proponiamo di stimolare negli allievi nuovi processi creativi, in grado di incidere sul mondo e sui problemi legati all’uso indiscriminato delle risorse e alle crescenti disuguaglianze nella distribuzione dell’accesso ai beni”.

Partendo dalla conoscenza del mondo vegetale, dunque, il percorso formativo – organizzato in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze – chiederà agli studenti di pensare a come tradurre i modelli biologici in soluzioni strategiche applicabili a politiche sociali virtuose, azioni sostenibili e nuovi modelli organizzativi delle istituzioni pubbliche e private.

Per partecipare al Master è necessario inviare la domanda di ammissione entro il 3 gennaio 2018. Il bando e le altre informazioni sul corso sono online sul sito Unifi . Ulteriori info su www.futurovegetale.it.

Leggi tutto sull’UnifiMagazine


Ufficio stampa
Università degli Studi di Firenze
Piazza San Marco, 4 – 50121 Firenze
Tel. 055-2757.333/324/357
ufficio.stampa@adm.unifi.it
Leggi ogni giorno tutte le notizie su
https://www.unifi.it/news.html

Nessun commento