apr 17 2019

Nel segno del giglio 12-14 aprile 2019

Pubblicato da nella plant design

La Reggia di Colorno e il parco nel quale si svolge annualmente Nel segno del giglio

Non ero mai stata a Colorno. L’occasione per vedere finalmente il parco della Reggia è stato l’invito a far parte della giuria ‘Piante’ della mostra Nel segno del giglio che si svolge qui ogni anno nel mese di aprile.
Una piccola mostra che ho trovato – a parte la sezione commerciale di oggettistica varia  un pò troppo grande – molto interessante con tante novità e collezioni di piante.
Il contesto ovviamente è meraviglioso: la Reggia stupenda e il parco – restaurato nel 1700 nelo stile Versailles con i suoi eleganti parterre di bosso e le due gallerie di carpino laterali.
Molti vivaisti di eccellenza e alcune scoperte botaniche  di cui inserisco le foto.
Ad esempio non conoscevo il vivaio I Giardini dell’indaco di Cremona, che aveva tantissime piante da ombra e da sole veramente notevoli e una collezione di 16 Thalictrum!

Asparagus verticillatus, una asparagina rustica che cresce molto in altezza e che perciò si può usare come rampicante

Brunnera Mr Morse dall’inconsueto firoellino bianco anzichè il solito color non ti scordar di me

Una novità ranunculus-aconetifolius-pleniforus dal fiore bianco

Finalmente una bellissima proposta per le piante da interno, normalmente trascurate in queste manifestazioni: La compagnia delle piante ornamentali di Parma presentava delle piante davvero interessanti, tra cui Alocasia, begonie, Caladium , banani giapponesi e molte altre

compagnia-piante-ornamentali-piante-interno

Elisa Benvenuti, oltre alle sue splendide salvie, ha portato una collezione di Phlomis

phlomis-collezione-di-elisa-Benvenuti

L’erbario della Gorra ha presentato una piccola collezione di Althea con fiore semplice e doppio

althea-erbario-gorra

E poi ancora la collezione di peri di Castel Piombino, quella di aromatiche e annuali con coltivazione biodinamica di Melo selvatico, le Rose Hultemia persiane assai rifiorenti di Nicola Cavina, per finire con gli ellebori di Althea.

castel-piombino-

vivaio-melo-selvatico

Gli ellebori di Althea

rose-hultemia-persica-di-cavina

epimedium-pink-champagne

mahonia-soft-caress

nel-segno-del-giglio-2019

La Raggia che si affaccia sul fiume Parma

Nessun commento

apr 17 2019

Dal Fuori salone 2019

Pubblicato da nella Giardini e luoghi,News

Uno schizzo di Tadao Ando nella mostra al Silos Armani

Ho visto molto poco dei diversi allestimenti in giro per la città e mi è dispiaciuto molto.

Da non perdere – visto che durerà fino a luglio – la grande mostra dedicata a Tadao Ando al Silos Armani. La mostra ripercorre – mostrando schizzi, maquette, foto, video – la carriera del grande maestro giapponese secondo 4 itinerari tematici: Forme primitive dello spazio; Una sfida urbana; Genesi del paesaggio; Dialoghi con la storia.

Mostra Tadao Ando Silo Armani. Schizzi

Mostra Tadao Ando Silo Armani. Maquette

Mostra Tadao Ando Silo Armani. Tetto con vasca di ninfee del Water Temple a Hyogo, 1989, sotto il quale c’è il tempio

Mostra Tadao Ando Silo Armani. Tetto con vasca di ninfee del Water Temple a Hyogo, 1989, sotto il quale c’è il tempio. Maquette

La Statale ospitava come ogni anno le installazioni di Interni. Direi che il difetto a mio parere è il fatto che le diverse installazioni nel cortile d’onore non dialogassero assolutamente tra loro con il risultato che l’insieme appariva abbastanza caotico. detto questo ecco alcune immagini delle installazioni nei diversi chiostri

fuori-salone-2019-interni-statale-help-mc-finucci. All’insegna del riciclo la composizione che forma la parola HELP è composta da tappi di bottiglia in plastica

fuori-salone-2019-interni-statale-help-mc-finucci. All’insegna del riciclo la composizione che forma la parola HELP è composta da tappi di bottiglia in plastica

fuori-salone-2019-interni-statale-foresta-dei-violini

fuori-salone-2019-interni-statale-regeneration-galiotto. Fatto con materiali di recupero

fuori-salone-2019-interni-statale-regeneration-galiotto. Fatto con materiali di recupero

fuori-salone-2019-interni-statale-regeneration-galiotto. Fatto con materiali di recupero

fuori-salone-2019-interni-statale-from-shipyard-to-courtyard

sleeping-piles-estudio-campana-fuori-salone-2019-interni-

Nessun commento

apr 04 2019

Anticipazioni sul Fuori salone 2019 dal 9 al 14 aprile in diverse zone di Milano

Pubblicato da nella News

Una selezione di appuntamenti dedidati a giardini, installazioni, design e altro

UNIVERSITA’ STATALE
Human spaces a cura di Interni.

Installazioni nel cortile d’onore Foresta di violini, 2 grandi tronchi di abete su un cavalletto a ricordare la distruzione delle foreste del Trentino. Sleeping piles, un prato con 7 torri alte 5 metri. Regeneration, divisori da giardino con materiali di recupero

piuarch_laforestadeiviolini_fuorisalone2019

Basilica di San Celso corso Italia 41 fino al 14 aprile
Claritudo- Luce e trasparenza, 
a cura di Angela Madesani con Elisabetta Mero.
In mostra sono le opere di 5 protagonisti dell’arte contemporanea: Satoshi Hirose, Maria Lai, Jacopo Mazzonelli, Elisabeth Scherffig, Antonio Trotta.

BRERA
Orto botanico: Circular garden,
strutture realizzate con materiale derivante da apparato radicale dei funghi

Circular garden

San Marco: La visione di Leonardo, installazione immersiva per far rivivere la Conca dell’Incoronata
Sagrato della Chiesa di San Marco: design outdoor taste : un giardino urbano e arredi da esterno

Showroom SCIC VIA DURINI 19
Franco Maria Ricci dalla Scic al Labirinto

franco-maria-ricci-scic-events

a Santambrogiomilano LaTerrazza,via Arco 112 aprile ore 18 evento 5.G: Glass Garden Granatum Grape Gwenyn grazie alla felice collaborazione tra la Rivista Internazionale TOPSCAPE, l’Architetto Carlo Santambrogio, PN Studio Milano e GreenDesign. Francesco Tomasinelli, ecologo e ospite fisso di RAI3 GEO, racconterà del meraviglioso mondo delle farfalle e degli impollinatori urbani che, nella libertà del loro volo fertile, garantiscono la nostra sopravvivenza.
Da prenotare! http://paysage.it/index.php?page=evento_2019_04_5G_iscrizione&utm_source=newsletter5G.PAYSAGE inoltre presenterà in anteprima il nuovo numero della monografia annuale GIARDINO ITALIANO 6 e sarà selezionata la cover 2019.

BSpace, hub di Via Fatebenefratelli 9, apre le porte a visitatori e professionisti del settore, dalle 10 alle 22 e si prepara a celebrare l’attesa ricorrenza che anima la città con l’evento RED – Real Experience Design che andrà in scena giovedì 11 aprile dalle ore 18 alle 22.

5 VIE
Via S. Valeria 4, MATERIA MISTA
(a cura di Gheo Clavarino), progetto di allestimento di un giardino milanese, il cui filo conduttore è la materia grezza declinata nelle differenti potenzialità espressive specifiche a seconda delle caratteristiche del materiale utilizzato (carta, ferro, ottone, legno , rame, cemento, foglie, ecc…). Io ovviamente porterò le foglie!

CIRCOLO FILOLOGICO, VIA CLERICI
Ingo Maurer

Ingo maurer

FONDAZIONE VICO MAGISTRETTI, via Conservatorio 20
Mostra Cose normali: abitare con Vico Magistretti


TRIENNALE
- Japan Design Week di Milano:   per la prima volta oltreoceano la mostra Takumi, un mix tra tradizione giapponese e design contemporaneo declinata in un percorso che esplora l’arte, l’arredamento, il costume, l’artigianato, il cibo e la tecnologia: sei installazioni di diversi generi firmate da alcuni tra i migliori artisti contemporanei del paese del Sol Levante, tra cui la calligrafa SISYU, che si esibirà in una live performance 
- esposizione di 200 oggetti del museo del design

LARGO ISARCO E VIA OROBIA

Fondazione Prada dal 6 aprile

“Whether Line”, installazione multimediale di grandi dimensioni realizzata da Lizzie Fitch (USA, 1981) e Ryan Trecartin (USA, 1981) rappresenta il primo risultato di un processo creativo, intrapreso dalla fine del 2016, attraverso il quale i due artisti indagano il concetto di “nuova” terra promessa e l’instabilità intrinseca all’appropriazione territoriale.

Whether Line

Foresta di bambù alla Fabbrica Orobia 15 di Anna Lenti

FABBRICA DEL VAPORE
Design no brand:
creatività, ricerca stilistica e nuovi materiali

TORTONA
Armani silos: The challenge,
mostra dedicata alla carriera di Tadao Ando secondo 4 percorsi tematici: Forme primitive dello spazio; Una sfida urbana; Genesi del paesaggio; Dialoghi con la storia

Base, Via Bergognone, Food for buzz, progetto di una designer olandese per attirare insetti impollinatori

QUARTIERE ISOLA

Swinging furniture: con In tree table

Giardini di Via De Castilla 26
A cura di Claudia Zanfi/Atelier del Paesaggio “I Giardini di Leonardo” è un omaggio al genio di Leonardo da Vinci nel 500° dedicato al grande maestro.
È un percorso pubblico ideato da Claudia Zanfi e Andrea Liberni, in cui botanica, architettura, eco-design e natura si fondono in un programma inedito che trasforma il quartiere Isola in un giardino d’arte, con materiali interamente vegetali, allestiti nell’area esterna  della Stecca 3.0.
Palazzo Lombardia – Piazza città di Lombardia, Milano 
di Michele Fabbricatore per Green IslandIl “Giardino della Mente è un’installazione dell’artista e designer Michele Fabbricatore pensata per lo spazio pubblico e per la didattica, una scultura alta 4 metri, realizzata con riuso di materiale ligneo e contornata da un giardino mediterraneo, in collaborazione con Vivai Giorgio Tesi Group.
VISITE GUIDATE 10-11-12-13 APRILE, ore 16.00-17.00
Partenza da Via de Castillia 26, Zona Isola, Milano
www.amaze.it Green design, arte, botanica: una passeggiata tra i giardini dell’Isola, a cura di Claudia Zanfi, storica dell’arte e paesaggista.

Nessun commento

apr 01 2019

Anteprima Orticola 2019

Pubblicato da nella plant design

Orticola per Leonardo:disegno della pergola di gelsi al Castello Sforzesco nel Cortile delle armi del Castello sforzesco, riproduzione in scala della gigantesca decorazione che il Maestro progettò sulle pareti e il soffitto della Sla nel 1498. Progetto di Filppo Pizzoni

Disegno della pergola inserita nel cortile del Castello sforzesco. Il progetto, promosso dal Comune di Milano e fa parte del progetto ORTICOLA PER LEONARDO

La prossima edizione di Orticola, che si terrà dal 17 al 19 maggio 2019 ai giardini Indro Montanelli di Milano, ha scelto come TEMA “Piante amiche: le buone associazioni botaniche”, vale a dire combinare tra loro piante con le stesse esigenze. Molte le interessanti novità dell’edizione 2019
LE INSTALLAZIONI
La progettazione della fontana quest’anno è stata affidata a Piante Faro, artefice di un affascinante allestimento con piante adatte al clima mediterraneo, proponendo qui un’interpretazione del giardino produttivo,tema del festival Radicepura da loro organizzato in Sicilia.
All’ingresso di Palazzo Dugnani, l’allestimento di Antonio Perazzi con Piante Faro dal titolo “Bosco e Giardino” che con il posizionamento di un bosco di giovani alberi dai 2 ai 3 metri e mezzo, vuole essere un invito ai visitatori di Orticola a comperare alberi nuovi, sani e robusti per aiutare il paesaggio italiano a rigenerarsi dopo le conseguenze della tragica tempesta che lo scorso autunno ha abbattuto milioni di alberi in diversi parti del paese.
Anche gli altri ingressi, come da tradizione, sono curati con particolare fantasia e creatività: Gheo Clavarino, insieme a Luini 12, allestisce l’ingresso di piazza Cavour con il Vivaio Minari di Piergiorgio Minari, accogliendo il visitatore in un “cerchio verde”; mentre il varco di via Palestro sarà realizzato a cura del Vivaio Fratelli Ingegnoli che utilizzerà vite e bosso abbinati.
ORTICOLA PER MILANO
Anche quest’anno parte dei proventi derivanti dalla Mostra sarà destinato ai Giardini Indro Montanelli e, in particolare, nell’aggiornamento e nella fornitura delle nuove mappe dei Giardini,
che troveranno spazio nelle bacheche, restaurate sempre con i proventi della Mostra nel 2018.
Prosegue sempre con nuove piantagioni e l’integrazione dell’aiuola matrice, l’impegno in via dei Giardini, nel piccolo, storico e romantico Giardino Perego, dove nel 2019 si prevede il proseguimento dell’iniziativa della ‘Passeggiata nel giardino storico’, una visita al giardino in compagnia di storici, esperti e vivaisti, per raccontare il giardino stesso. Sempre attivi in viale Eginardo gli Orti Fioriti di CityLife, realizzati da Orticola di Lombardia su un’estensione di circa 3000 metri quadrati, nell’ambito del progetto di riqualificazione urbana del quartiere Fiera di Milano, a cura di CityLife. Infine Prosegue inoltre la manutenzione del Giardino di Palazzo Reale dove è nata un’oasi per una piacevole sosta nel cuore della città.
IMPARIAMO A ORTICOLA
Da sempre considerati un “plus” di Orticola, i momenti gratuiti di incontro per adulti e bambini, intesi come laboratori, corsi, dimostrazioni, presentazioni di libri, parchi e giardini, sia ludici e divertenti, che tecnici e divulgativi, quest’anno sono più di 100, allestiti, in giro per la mostra-mercato, nelle tre aree corsi a disposizione (Dugnani 1, Dugnani 2 e Magnolia), negli stand degli espositori e nello spazio dedicato a CityLife.
ORTICOLA ARTE
Quest’anno insieme a Pao, giovane artista milanese,con laboratori artistici e murales dedicati alla Scuola Primaria Dante Alighieri di Milano e sculture donate alla città dall’artista stesso e da Orticola di Lombardia, grazie a Gruppo Banca del Ceresio, main partner di Orticola e di Orticola Arte.
FUORIORTICOLA
Con Orticola al Museo
aumentano gli “amici-musei” di Orticola, gli 11 del 2018 diventano 14 quest’anno con la partecipazione del Museo del ‘900, del Museo Diocesano Carlo Maria Martini e del Mudec, e presentano visite guidate, come l’Orto Botanico, la Gam e la Triennale, laboratori per bambini al MuBa, “The secret garden”, la creazione di Cinzia Felicetti nel chiostro delle Gallerie d’Italia, installazioni che interpretano il museo al Bagatti Valsecchi, percorsi verdi al Poldi Pezzoli, e l’incontro sulla biodiversità e il percorso alle installazioni artistiche al Museo Botanico Aurelia Josz

Novità 2019: il biglietto on line a €10,00 fino al 30 aprile

PER APPROFONDIRE
Orticola per Leonardo
Orticola Arte
Fuori Orticola

Nessun commento

mar 29 2019

Il paesaggio in Libreria. Alla Libreria della natura di Milano dalle 18 alle 20

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

2 Aprile 2019
Preludi mediterranei e tropicali nella flora milanese del global warming
I mutamenti climatici che cambieranno il verde di Milano
Emanuele Bortolotti e Enrico Banfi


9 Aprile 2019
Dalla farfalla sudafricana nel mediterraneo al giardino senza irrigazione

Chiaccherata informale tra un lepidotterista e un paesaggista
Antonio Perazzi e Gian Cristoforo Bozano


16 Aprile 2019
Progettare con la natura per contrastare il cambiamento climatico

Servizi ecosistemici, nature based solutions, focus sulle aree urbane mediterranee
Francesca Neonato e Francesco Tomasinelli


Nessun commento

mar 22 2019

In ricordo di Paolo Villa

Pubblicato da nella News

Paolo Villa durante un viaggio in Normandia con Filippo Piva e Anna Chiara Vendramin e un gruppo di soci AIAPP. Foto F. Piva

L’ultima volta che ho visto Paolo Villa è stato durante il bellissimo viaggio in Normandia organizzato da Filippo Piva e Anna Chiara Vendramin. Me lo ricordo, nonostante qualche momento di stanchezza, pieno di entusiamo e curiosità per i tanti luoghi stupendi che abbiamo visitato. Come sempre si fermava per fare i suoi  schizzi, con mano ferma e con una rapidità invidiabile. Era il suo modo di fissare, più che con le foto, le scene che più lo colpivano dei luoghi.
Paolo Villa è stato un grande architetto paesaggista e un preziosoo e generoso insegnante attraverso le sue lezioni in tanti ambiti, tra cui ISAD.

Per ricordarlo mi piace inserire un paio dei suoi disegni che ci aveva mandato dopo il viaggio in Normandia, l’uno dedicato al giardino di Cribier e l’altro al Jardin Plume. Che grazia e che poesia!

Rughe d’acqua, un particolare del Bois de Morville, il giardino normanno di Pascal Cribier. Disegno di Paolo Villa, 2018

Un drago in giardino, Jardin Plume. Disegno di Paolo Villa, 2018

Nessun commento

mar 18 2019

News in tema di seminari, convegni, fiere e altro ancora. Marzo 2019

Pubblicato da nella News

orange-arancio-2019-by-m-pasquali-e-f-cornalba. Foto Michela Pasquali

Corsi e convegni

Fiere e vivai
  • Novità dal vivaio Borgioli Taddei: ‘In questo marzo, vorremmo presentare, anzi, ri-presentare un’ortensia che, pur da sempre tra le nostre “piante madri”, non coltivavamo da tempo e che, rimessa in produzione da più di un anno, è  ora invece nuovamente disponibile: Hydrangea macrophylla ‘Sir Joseph Banks’. Si tratta della prima varietà di ortensia che fu introdotta in Europa, nella fattispecie in Inghilterra, ad opera del botanico e naturalista Joseph Banks che la ricevette a sua volta dalla Cina presentandola a Kew nei primi anni Novanta. La pianta, che è all’origine di numerose altre varietà e perciò a ragione considerata  la “madre” delle ortensie oggi presenti, suscitò subito vivo interesse, sia per la provenienza (raramente in Cina era consentito agli stranieri di viaggiare fuori dal dipartimento della Compagnia delle Indie), sia per la mutevolezza del colore dei fiori. Per saperne di più http://www.pbortensie.com/hydrangea_macrophylla_sir_joseph_banks.htm
  • 22-24 marzo, Fiera di Vita in campagna a Montichiari. Comunicato stampa
  • 23-24 marzo, Artigiani in fiore a Villa Ricotti la Valera ad Arese (MI). Comunicato stampa
  • 5-7 aprile, VERDEMURA sulle mura di Lucca. Comunicato stampa
  • 6-7 aprile Le giornate delle camelie a Porta Bozzolo di Casalzuigno. Per info https://www.fondoambiente.it/luoghi/villa-della-porta-bozzolo
  • 12-14 aprile Nel segno del giglio a Colorno nel Parco della Reggia. Per info www.nelsegnodelgiglio.it
  • 27 e 28 aprile 2019 Borgo plantarum a Telarolo di Castellarano, Reggio Emilia. Per info www.borgoplanarum.com

    festival-del-verde-e-del-paesaggio

  • 10-12 maggio, Festival del verde e del paesaggio all’Auditorium di Roma. Comunicato stampa
  • 17-19 maggio, torna a Milano ai Giardini Montanelli ORTICOLA
  • 1-2 giugno, Menta e rosmarino a Villa Nigra, Miasino, sul Lago d’Orta. Comunicato stampa

Film

Giardini e luoghi

  • 23-24 marzo, Giornate FAI di primavera. Per conoscere i luoghi aperti https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/?utm_source=dem&utm_medium=e-mail&utm_term=&utm_content=nl-istituzionale&utm_campaign=nl-istituzionale

    De Lucchi

  • fino al 5 gennaio 2020, all’Orto botanico di Padova ‘Radici al vento testa nella terra’ di Michele de Lucchi. A pochi metri dal primo Platano orientale giunto in Italia nel 1680, nell’Arboreto dell’Orto Botanico dell’Università di Padova è cresciuto l’Albero degli Alberi. Non accresciuto dalla Natura ma creato da Michele De Lucchi che, per questa sua istallazione, ha ottenuto e messo insieme tronchi e rami di decine di alberi di diverse essenze – faggio, abete rosso, larice, frassino, tiglio e nocciolo – provenienti dalle vallate del bellunese e del Trentino. Alberi abbattuti da Vaia, la terribile tempesta che lo scorso ottobre ha divelto boschi tra i più belli d’Europa, stravolgendo il paesaggio di 40.000 ettari di territorio montano.
  • Il 23 marzo riaprono al pubblico i Giardini di Villa La Pergola ad Alassio. Per info www.giardinidivilladellapergola.com
Milano

  • Magnolia Stellata Chiostro Santa Maria delle Grazie

  • Dal primo marzo è partita la terza edizione di Milano Museo City e, per la prima volta, Orticola di Lombardia ne entra a far parte presentando una “passeggiata tra i fiori in sei musei di Milano”:un percorso che coinvolge 6 opere esposte in altrettanti musei cittadini. Comunicato stampa
  • 19 marzo, nell’ambito di ‘Paesaggio bene comune’ di AIAPP, F. Farinelli su ‘Quadri di natura’, ore 18 Casa della cultura
  • 30 marzo, Italia Nostra organizza Passeggiata di primavera a Porto di Mare. Locandina
  • aprile-maggio, Architectural Walks 2019. Per info http://fondazione.ordinearchitetti.mi.it/it/notizie/dettaglio/9923

Mostre

5_mvv_2019_in-flore-scientia_papavero-domestico1

  • 7 aprile- 11 agosto, al Museo Vela di Ligornetto: In – flore – scientiaArte e botanica. Josef Hanel (1865-1940) / Gabriela Maria Müller

Viaggi

Nessun commento

mar 17 2019

Broken nature: una mostra imperdibile fino all’1 settembre 2019 alla Triennale di Milano

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

mostra-broken-nature-triennale-2019

Broken nature: Design takes on Human Survival, il titolo della mostra in corso fino all’1 settembre 2019 alla Triennale di Milano.
Curata da Paola Antonelli rappresenta una panoramica ragionata e molto complessa sul rapporto che lega gli uomini e l’ambiente naturale, rapporto che negli anni si è molto compromesso minacciando le sorti del nostro pianeta. La mostra ci propone il Design come strumento riparatore con molti esempi di progetti innovativi, freschi e pieni di creatività.
La mostra si articola in tre ambiti: esposizione di progetti degli ultimi tre decenni, esempi di architettura, design e arte ricostituente provenienti da tutto il mondo; la Nazione delle piante, curata da Stefano Mancuso, che ci invita a guardare le piante in modo nuovo usandole per quello che possono insegnarci; Le partecipazioni internazionali, promosse da istituzioni e atenei di eccellenza internazionali.

Per visitare la mostra occorre pianificare molto tempo, ma vale assolutamente la pena, anche ritornarci.

Ecco alcune suggestioni che ho ricavato tra le molte dalla visione della mostra

Mostra-broken-nature-Reliquaries-2018-Paola-Bay-e-Armando-bruno-Triennale-

mostra-broken-nature-supergroww-11000-little-inventors-2018triennale: uno strumento per far muovere le piante alla ricerca della luce

Mostra-broken-nature-Hippo-roller-by-P-Petzer-J-Jonker-Triennale: bidone in polietilene e acciaio per il trasporto dell’acqua concepito per un villaggio in Sudafrica

mostra-broken-nature-anima di Kosokue Ataki -2018-2019-triennale: stoviglie composte da resti vegetali, carbone vegetale e lacca urushi

mostra-broken-nature-acoustic-fur 2018 by C. Meidertsma-triennale: feltro fonoassorbente costruito con scampoli di tessuto

mostra-broken-nature-triennale: Concept shoe for Adidas, A. Taylor scarpe realizzate con detriti di plastica

mostra-broken-nature-triennale-2019: poltrocina costruita con alghe secche e resina organica, Gasmi Issia Khen Feriel

mostra-broken-nature-plants-from-plantst by LEGO: polietilene rinnovabile prodotto a partire da canna da zucchero

La mostra Nazione delle piante, curata da Stefano Mancuso, è una occasione preziosa per divulgare le teorie del famoso biogolo vegetale. Molti pannelli didattici aiutano il pubblico a capire il complesso sistema delle piante e le loro straordinarie capacità, ci invita a guardare con occhi nuovi il mondo vegetale per imparare tante cose utili per il nostro futuro. Ho trovato solo un pò troppo scenografica la sala degli specchi.

mostra-broken-nature-triennale-la-nazione-delle-piante
L’installazione mette a confronto alcuni dati delle piante con animali, architetture e altro. Ad esempio la Sequoia General Sherman pesa 1910 ton.contro le 210 di una balenottera azzurra; l’estensione del Ficus bengalensis è di 19.000 mq contro i soli 7140 di un campo da calcio o ancora l’altezza della Sequoia hyperion è di 115 metri contro i 93 della Statua della libertà.

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019

nazione-delle-piante-mostra-broken-nature-triennale-2019: la sala degli specchi

Nessun commento

mar 17 2019

Radicepura Garden festival 2019: anteprima

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Dal 27 aprile al 27 ottobre 2019 si terrà a Giarre (Catania) la II edizione del Garden festival Radicepura, promosso dall’omonima fondazione.

Fino al 27 ottobre, nel parco botanico della Fondazione Radicepura, sarà possibile visitare 14 installazioni e 2 giardini, oltre all’Orto della Dieta Mediterranea, realizzate appositamente con le piante più originali coltivate da Piante Faro, che raccoglie 800 specie e oltre 5000 varietà, grazie all’attività portata avanti da oltre 50 anni da Venerando Faro, alla guida dell’azienda insieme ai figli Mario e Michele.
L’edizione 2019 propone un tema di grande attualità: I GIARDINI PRODUTTIVI. Un giardino che sappia coniugare, in maniera originale, per l’uomo del terzo millennio l’ancestrale bisogno di utilità con le nuove esigenze estetiche della società contemporanea, non tralasciando la sua ricerca nel giardino di un luogo intimo in cui ritrovare se stesso e rigenerarsi.

Quest’anno la Fondazione Radicepura curerà – in collaborazione con ARS e Fondazione Federico II – l’allestimento a Palermo di Passage to Mediterranean, giardino ideato da un gruppo di studenti Turchi per la passata edizione del festival. Lo spazio, che sarà inaugurato il 1 giugno in Piazza del Parlamento, diventa simbolo di dialogo tra culture, foriero di stimoli e riflessioni capaci di offrire nuovi paradigmi intellettuali.

In sintonia con questa capacità dei giardini di facilitare e stimolare la riflessione, a Giarre I GIARDINI PRODUTTIVI del Radicepura Garden Festival per 6 mesi esploreranno arte, cultura, storia e tutela dell’ambiente, come elementi costitutivi di un territorio straordinario quale la Sicilia. A interpretarlo grandi nomi del paesaggismo internazionale: Antonio Perazzi e Andy Sturgeon, che realizzeranno per il festival due giardini site-specific superiori ai 100 metri quadrati ciascuno.
Il paesaggista italiano porterà il visitatore nella sua Home ground, Terra di casa, un giardino capace di dare forma e prendere la forma delle piante. Al centro la casa, in basalto, pietra semplicemente tagliata, quale corpo ideale di un luogo capace di accogliere. In questo giardino Perazzi crea un ambiente naturale usando gli elementi già esistenti, senza scartare nulla, operando solo attraverso scomposizione e riassemblamento.
Andy Sturgeon in Layers riflette sulla dipendenza dell’uomo dalla natura per soddisfare le sue necessità fondamentali. Il garden designer inglese conduce i visitatori attraverso il giardino, offrendo loro una visione delle piante produttive enfatizzando la dipendenza necessaria che lega l’uomo alla natura. L’acqua, elemento essenziale, è al centro del giardino, tra l’ombra degli alberi e dei muri circostanti, oasi di riparo e calma.

Altri dieci giardini, di dimensioni più piccole, di circa 50 metri quadrati ciascuno, saranno realizzati da giovani paesaggisti selezionati tramite un bando internazionale. La call, che si è chiusa il 28 novembre 2018, ha registrato un’importante partecipazione, con oltre 150 domande provenienti da 15 paesi diversi. La giura, presieduta da Sarah Eberle con Pablo Georgieff, Giovanni Iovane, Daniela Romano e Franco Livoti, ha selezionato a dicembre i 10 designer, provenienti da Francia, Inghilterra, Italia, Scozia e Spagna.

Per avere informazioni organizzative

Comunicato stampa

Ars e Fondazione Federico II

Nessun commento

mar 17 2019

La strage degli abeti nel bellunese: immagini e video

Pubblicato da nella Giardini e luoghi

Foto Flavia de Petri marzo 2019

Le mie care amiche Donatella Lupo e Flavia de Petri mi hanno inviato delle foto strazianti del disastro dei boschi nel bellunese a seguito del tornado dello scorso novembre: a marzo la situazione è ancora tremenda e il paesaggio appare devastato

Foto Donatella Lupo marzo 2019

Foto Flavia de Petri marzo 2019

Foto Flavia de Petri marzo 2019

A questo link un video 734855dd-d565-4cb3-a05f-bbbfc5db3b66.MP4 da aprire con windows media player

Nessun commento

« Prev - Next »