ott 06 2016

Orticolario 2016: i giardini creativi

Pubblicato da alle 10:33 am nella Giardini e luoghi

Fiore dell’edizione 2016 di Orticolario l’anemone giapponese.

Dal 30 settembre al 2 ottobre 2016 s è svola l’ottava edizione di Orticolario a Villa Erba (Cernobbio) sul lago di Como.  Titolo di quest’anno: “Il risveglio” e pianta prescelta l’anemone giapponese, il fiore del vento al quale il vivaio Priola ha dedicato le aiuole del parco con oltre 20 varietà autunnali.

Il premio quest’anno è stato consegnato al paesaggista spagnolo Fernando Caruncho “Per l’armonia che sa infondere ai suoi progetti di paesaggio, nei contesti più diversi, trovando sempre stimolanti punti di contatto fra filosofia e arte dei giardini, storia e botanica, cultura e natura”.

Fernando Caruncho, al centro tra Mantero e Peretto.

Nel suo discorso Caruncho ha sottolineato come il giardino consenta di tornare, senza intermediari, a sè facendoci approdare ad un’altra realtà. Il giardino è lo spazio che consente all’uomo di intrecciare un nuovo rapporto con la natura. Uno spazio di libertà totale al di fuori da ogni ideologia e da ogni credo religioso. Al contrario il giardino va all’origine di orgni esperienza religiosa. Per prepararci al futuro e salvaguardare la nostra terra dobbiamo tornare all’origine.

Gli Spazi Creativi di Orticolario 2016 sono stati: “Il senso di perdersi”, progetto e realizzazione di Ginkgo Giardini . Torino . ginkgo-giardini.it; Spazio Floema. “Vedere con le orecchie, ascoltare con gli occhi”, progetto di Enzo . Gifu (Giappone) . enzo-garden.net; Spazio AM Casali. “Inside Nature”, progetto di P’ARCNOUVEAU . Milano . parcnouveau.com;  “Giardini Interiori”, Progetto di Studio Zero . Como designstudiozero.com;  “Pioggia”, progetto e realizzazione di Giardini Benatti . Cusano Milanino (Mi) . giardinibenatti.net; “Il nastro arancio. Al di qua e al di là”, progetto di Lorenza Figari . Celle Ligure (Sv) . lorenzafigari.it; “Disconnect to Reconnect”, progetto e realizzazione di Verde Passione . Vedano al Lambro (Mb) . verdepassione.it;  “Mutazioni”, progetto e realizzazione di Heidi Bedenknecht-De Felice . Como FB: Heidi Bedenknecht-De Felice.

La giuria ha premiato con la “foglia d’oro del Lago di Como’ il giardino di Enzo.Gifu (Giappone) “Vedere con le oreccchie, ascoltare con gli occhi’, interessante come idea e per il portale con rami intrecciati molto artistico. Io avrei premiato senza alcun dubbio il giardino “Inside nature’ di P’ARCNOUVEAU per l’unitarietà con la quale è stato disegnato, per la coerenza tra l’idea e la realizzazione, per la sua complessità assolutamente maggiore di tutti gli altri progetti e infine per i sapienti accostamenti della vegetazione.

Il colpo d’occhio del giardino ‘Inside nature’ che si propone come un brano di paesaggio organizzato a orizzonti e immerso nella natura, un assaggio della struttura storica del paesaggio lariano. In primo piano il prato, poi le graminacee (Pennisetum e Stipa), con fioriture (anemoni giapponesi, Allium ramosum, Verbena bonariensis, Persicaria amplexicaulis… e infine con alberi e arbusti.

Il passaggio sull’acqua che attraversa il giardino.

Paticolare della pavimentazione sull’acqua con sullo sfondo la vegetazione.

Particolare degli accostamenti di erbacee perenni.

Un angolo che evoca il sottobosco

Ecco alcune immagini del giardino vincitore

Molto interessante la struttura vegetale composta da rami intrecciati che fa da portale al giardino. Realizzazione di Jukai (Fumagalli e Pirovano)

La parte iniziale del giardino di Enzo.Gifu

La scultura nell’angolo della meditazione

Ecco altri giardini

Pioggia di Giardini Benatti

Orto sonoro: Botanical Dry Garden  by Mates Piante

 Nel Parco i visitatori potevano anche rilassarsi all’ombra del grande Ginkgo biloba davanti al lago, comodamente seduti sulle mitiche Adirondack Chairs (Eltisler di Alessandro Stevanin, Bassano del Grappa  -Vi), troni interamente realizzati a mano con tavole in legno di recupero, immersi in una collezione di melograni (Punica granatum), per la prima volta esposta al pubblico, nata dalla passione di Mauro Di Sorte (Vivaio Giardino Tara, Bolsena – Vt).

Adirondach chairs di Eltisler

Nessun commento

Commenti RSS

Lascia un commento