dic 12 2014

Il memoriale Mattei di Pietro Porcinai a Bascapè

Pubblicato da alle 11:47 am nella Giardini e luoghi

Sono ritornata dopo quasi dieci anni al Memoriale che Pietro Porcinai progettò nel 1963 all’indomani dell’incidente aereo nel quale perse la vita Enrico Mattei assieme al pilota e a un giornalista.

Si tratta di un luogo davvero magico e da vedere in autunno, fra fine ottobre e novembre quando il filare di Taxodium distichum che incornicia il rettangolo del memoriale si tinge di rosso a ricordare il sangue dell’incidente. Come tutti i capolavori il suo registro è la semplicità e la solennità senza alcuna retorica.
L’impianto è infatti piuttosto semplice e si sviluppa su due livelli checorrispondono a due differenti percorsi. Alla quota più bassa si trova l’area funeraria composta da tre esemplari (quante le vittime) di Quercus coccinea con le lapidi commemorative e delimitata da blocchi di pietra. Tramite diverse scale si accede alla parte più alta con i cipressi calvi. Intorno la campagna piatta e a perdita d’occhio.

Ecco alcune immagini

MEMORIALE MATTEI PORCINAI: la zona funeraria con le tre querce

MEMORIALE MATTEI PORCINAI

MEMORIALE MATTEI PORCINAI: una delle scale tutta rossa per le foglie dei cipressi calvi

MEMORIALE MATTEI PORCINAI: foglie di Taxodium e Hypericum calcinum

2 commenti presenti

2 Risposte a “Il memoriale Mattei di Pietro Porcinai a Bascapè”

  1. malù paganion 12 dic 2014 at 1:26 pm

    Molto suggestivo,Porcinai era un mago in assoluto,sempre.

  2. Mimmaon 12 dic 2014 at 10:25 pm

    i paesaggisti dovrebbero ricordare più spesso questa essenzialità carica di significati. Luogo bellissimo in autunno, il prossimo anno ci ndrò. Grazie di avercelo mostrato.

Commenti RSS

Lascia un commento