apr 06 2016

Diario di viaggio dallo Yunnan di Elvira Imbellone

Pubblicato da alle 4:44 pm nella Giardini e luoghi

L’amica Elvira Imbellone è una grande conoscitrice di piante e un’avventurosa viaggiatrice. Con piacere ospito il suo interessante reportage cinese dallo Yunnan, corredato da molte immagini.

Sono tornata nello Yunnan lo scorso febbraio per il Congresso dell’International Camellia Society che si è tenuto nella città di Dali, situata ai piedi dall’articolato massiccio del Cang Shan di oltre 4000 m, famoso sito di raccolta di piante ornamentali e preziosa riserva di biodiversità.

il massiccio del Cang Shan con i suoi 4000 m sovrasta la città di Dali

Capitale di un antico regno indipendente, la città è nota per l’indaco.

laboratorio tintura indaco

Strobilanthes feddei una delle piante usate per la tintura dell’indaco

Lo Yunnan è un vero paradiso botanico. Infatti questa provincia sud-occidentale della Cina, pur occupando solo il 4% del territorio dell’intero paese, conta il 50% di tutte le piante. Famoso per la diversità e la spettacolarità dei paesaggi che comprendono montagne di oltre 6000 m e valli profonde scavate da fiumi impetuosi e ricchi di acque provenienti dal Tibet, lo Yunnan è il paese di camelie, rododendri, primule, genziane, magnolie, orchidee e rose.  In questo viaggio l’attenzione è stata concentrata sulle camelie. Nello Yunnan se ne contano oltre cento specie. Coltivate da sempre accanto ai templi e presenti nei boschi, le camelie sono tornate alla ribalta negli anni ’80 quando sono stati ripresi studi e ricerche e si è intensificato il lavoro degli ibridatori per la creazione di nuove cultivar. Segno di questo risveglio d’interesse i congressi che l’International Camellia Society ha tenuto nel 2003 e poi nel 2012 e nel 2016 in questa provincia.
Simbolo dello Yunnan è la Camellia reticulata, endemica. Dai fiori grandi da rosa pallido a cremisi, dalla lunga fioritura, forma alberi di grandi dimensioni dalle forme un po’ rigide, che svettano verso l’alto. E’ genitrice di oltre 100 cultivar.

Camellia reticulata, fiore simbolo dello Yunnan

C. reticulata ‘Hentiangao, che significa ‘che invidia l’altezza del cielo’ perchè rimane bassa

C. reticulata ‘Juban’

C. reticulata ‘Xuejiao’

Camellia changii (syn. C. azalea) scoperta nella provincia cinese del Guangdong nel 1987, dalla lunga fioritura

L’intera manifestazione (congresso, tour pre e post congressuali, visite) ha richiesto un lavoro organizzativo capillare e meticoloso, che aveva naturalmente al centro il mondo delle camelie.

mostra camelie

mostra di fiori recisi (per la maggior parte ibridi di C. reticulata

La città vecchia di Dali ha accolto i congressisti, provenienti da tutti i continenti, decorata con grandi vasi di camelie disposti lungo le vie principali, le porte e i punti nevralgici.


camelie nelle vie cittadine a Dali

Si sono appena conclusi i festeggiamenti del Capodanno cinese e le città sono ancora addobbate. Decorazione fatta con kumquat

Il programma prevedeva visite a vivai specializzati, a collezioni di bonsai, a parchi, giardini, cortili, giardini di templi, ad una mostra mercato con molti cultivar cinesi da noi non conosciuti ed esposizione di fiori recisi, ad orti botanici ed escursioni in ambienti naturali in cui le camelie crescono allo stato spontaneo. Le piante erano state tutte perfettamente etichettate.

giardini di una grande casa signorile Bai, l’etnia più diffusa a Dali

giardini di una grande casa signorile Bai

bonsai di camelia

Una sessione del congresso è stata tenuta nella sede della Riserva naturale del monte Baotai a 2650 m, dove sopravvive l’ultimo lembo di un’antica densa foresta naturale di camelie e rododendri con vecchi alberi (querce, falsi canfori, pini, tassi, betulle) e grandi esemplari pluricentenari di camelie, Camellia reticulata (es. di 18 m, anche se la più alta è 24,8 m), ma anche Camellia sinensis.
Nella Riserva naturale del Monte della Zampa di Pollo, visitata nel tour, cresce invece spontanea la Camellia saluenensis che vive nel sottobosco di querce tra muschi, licheni, bambù. Il fiore semplice è rosa chiaro fino al bianco. Di dimensioni contenute, ha forma compatta e compare timida nel sottobosco. Madre di molti cultivar è anch’essa endemica dello Yunnan.

Ingresso alla Riserva del Monte della zampa di pollo

5 Riserva del Monte della zampa di pollo bosco di querce ricoperte di muschi

camellia saluensis

Al di fuori di queste riserve il lungo viaggio in pullman ha mostrato montagne deforestate da tempo, terrazzate e coltivate, dove è possibile, a mais, uva da tavola e alberi da frutto. Recenti interventi di riforestazione sono stati fatti utilizzando pini e anche eucalipti. Il verde in città è generalmente curato: alberi, specialmente Ficus, siepi profonde e aiuole fiorite realizzate utilizzando vasi accostati. Molte le orchidee (negli stessi giorni c’è stata anche un Expo di orchidee cinesi).

veduta terrazzamenti

un’orchidea dello Yunnan esposta alla Mostra

Il viaggio è iniziato a Foshan, una città del Guangdong vicino a Canton, e conclusosi a Kunming, la capitale dello Yunnan.

esemplare di Michaelia alba in un parco cittadino

Prunus mume, originario della Cina ma molto diffuso in Giappone dove viene chiamato Ume. E’ una specie di albicocco dalla precoce fioritura

i fiori della camelia gialla (C. nitidissima) del sud della Cina e del Vietnam utilizzati per fare il tè

un vivaio specializzato con grandi esemplari di camelie

Una decorazione con piramide di agrumi

Nessun commento

Commenti RSS

Lascia un commento