set 09 2019

Milano Green week: alcune segnalazioni

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"


Milano Green Week - manifestazione promossa dal Comune di Milano – è una festa diffusa che coinvolge chiunque voglia contribuire a rendere la città più verde e sostenibile attraverso un ricco palinsesto di eventi, incontri, laboratori, passeggiate, convegni, mostre e spettacoli.
Alla sua seconda edizione si svolgerà dal 27 al 29 settembre.

Qui di seguito ho selezionato alcuni appuntamenti che mi sono sembrati particolarmente interessanti. Ma ce ne sono molti altri. Quindi visitate il sito e consultate il programma, in corso di evoluzione. https://milanogreenweek.eu/

Venerdì 27 settembre

  • 10-13, AIAPP, Corso Garibaldi, 27 – CAM Garibaldi. La natura in città: biodiversità, paesaggio, partecipazione. Naturalisti, paesaggisti, esperti ambientali presentano casi studio anche milanesi. Prenotazione a: segreteria.lombardia@aiapp.net
  • 11:00 – 13:00, LifeGate, Viale Gorizia, 9 – Associazione Nazionale Marinai d’Italia. Il mare inizia in città. LifeGate PlasticLess è il progetto volto alla pulizia delle acque dalla plastica, arrivato anche a Milano grazie a Whirlpool con l’installazione di un Seabin “cattura plastica” che sarà mostrato alla cittadinanza con i primi risultati raggiunti. Collaborazioni: Whirlpool, Associazione Nazionale Marinai d’Italia Prenotazione: plasticless@lifegate.it – 02.45374856, max 90 partecipanti
  •  16:30 – 18:30, Linnea Tours, Torre Gorani – giardino pubblico. 5VIE: dalle vigne dei monaci a oggi, i giardini nascosti del centro storico Passeggiata, visita e racconti dei proprietari di giardini privati dei palazzi della Milano storica. Collaborazioni: Associazione 5VIE. www.5vie.it. Prenotazione a: info@linneatours.it – max 30 partecipanti. Si ripete il 28
  •  17:00 – 18:30, CFU/Italia Nostra, Via Caldera, 65 (fermata ATM 80). CAVA ONGARI: quattro passi intorno al lago tra natura e paesaggio Insieme a una guida naturalistica, con occhi naso e orecchie ben aperte, scopriamo gli spettacolari paesaggi della Cava Ongari, dove trovare tracce e osservare la fauna selvatica. Prenotazione a: info@cfu.it indicare nell’oggetto QUATTRO PASSI, specificare cognome, cellulare, n° partecipanti – per info tel. 02.4522401
  • 18:00 – 21:30, Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Milano. Via Arco, 1 – Rooftop Terrazza Santambrogiomilano. Valore e bellezza della natura in città. Francesca Neonato, dottore agronomo iscritta all’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Milano, illustrerà il progetto del verde del Rooftop, soffermandosi in particolare sulla vigna urbano e sull’oasi degli impollinatori. Collaborazioni: PN Studio, Santambrogiomilano e Green Design, il Verde Editoriale quale media partner. Prenotazione a: eventisantambrogiomilano@gmail.com – max 40 partecipanti
  •  18:00 – 20:00, Green City Italia, Via Tommaso da Cazzaniga. Le piccole Oasi di Natura in città. Tavola rotonda a cura di Green City Italia e WWF, con la partecipazione id AIAPP, Università di Pavia e Studio K, in collaborazione con Pink Up. Il convegno illustrerà l’importanza della natura nelle città con interventi di esperti nel settore. Collaborazioni: WWF, WWF Oasi, AIAPP, Università di Pavia, Studio K, Pink Up. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Per info: info@greencity-italia.com
  •  18:30 – 23:00, CFU/Italia Nostra, Via Fabio Massimo – Parco Cassinis (davanti a ex Karma), PORTO DI MARE: ascoltiamo i segnali dei pipistrelli Con tecniche bioacustiche contatteremo i pipistrelli: con un bat detector potremo sentire e registrare i segnali emessi mentre un ricercatore ci spiegherà la tecnica utilizzata, i segnali e l’utilizzo scientifico delle registrazioni.Collaborazioni: Studio naturalistico Platypus Prenotazione a: info@cfu.it specificando cognome, n° partecipanti e n° cellulare (bambini dai 10 anni comunque accompagnati), posti limitati

sabato 28 settembre

  •  10:30 – 19:00, Parco Nord Milano, Via Clerici, 150 – Sesto San Giovanni. “Tropical Experience” un viaggio interattivo nella biodiversità Tropical Experience rappresenta un progetto di edutainment dedicato alla Biodiversità delle zone tropicali della Terra e allo stesso tempo un progetto capace di integrare il valore dell’esperienza scientifico-naturalistica. Ingresso libero
  •  10:30 – 11:30, Il giardino degli aromi onlus, Via Ippocrate, 45. Alla scoperta della grande varietà della natura spontanea (origine di vita) Passeggiamo in uno dei parchi più “selvatici” di Milano, tra galline e topinanbur, chiacchierando di orti, biodiversità e sostenibilità sociale. Godiamoci la generosità della natura e le interrelazioni orizzontali tra esseri viventi. Ritrovo alle 10:15 davanti alla portineria di Via Ippocrate, 45 o alle 10:30 davanti alla Serra Grande. Prenotazione e info: ilgiardinodegliaromi@gmail.com – Federica 389.3197009
  •  15:00 – 16:30, Associazione Laghetto District, Via Festa del perdono, 12 – Partenza dal bar Campus. Cortili aperti Una passeggiata per scoprire uno dei quartieri più antichi di Milano e i suoi cortili nascosti, solitamente non visitabili: le bellezze del Laghetto District a due passi dal Duomo. Gli angoli di una Milano che pare essere rimasta furori dal tempo. Prenotazione a: laghettodistrict@gmail.com
  •  16:00 – 18:00, aMAZElab, Arte, Cultura, Paesaggio, Via San Faustino, 23. ALVEARI URBANI/GREEN ISLAND: ‘Sostenibilità e zone umide nelle aree verdi urbane’ Workshop/conferenza sul tema ‘zone umide’, con interventi di Ida Orlando (Master Politecnico Milano); la paesaggista Francesca Neonato (autrice de ‘L’oro verde’ sul valore degli spazi verdi urbani); l’agronomo Manuele Protti (fondatore di Trame Verdi); la storica d’arte e paesaggio Claudia Zanfi. Introduce Antonella Bruzzese (Politecnico e Assessore Urbanistica Municipio 3). Ingresso libero

Domenica 29 settembre

  • 10:00 – 12:00, Associazione Verdisegni, Piazza Sempione, 1. Incanto verde…a tu per tu con gli alberi del Parco L’iniziativa consiste in un percorso a tappe nel Parco Sempione alla scoperta degli alberi più rappresentativi per dimensione, portamento e bellezza. Prenotazione a: eventi@verdisegni.org
  •  18:30 – 22:00, Giacimenti Urbani, Via Valvassori Peroni, 56 – Auditorium. DePlastic, azioni e buone pratiche contro l’abuso di plastica In occasione di Milano Green Week, Giacimenti Urbani presenterà la 2° edizione Festival del film documentario ambientale a cura de il Raggio Verde con proiezione del film-documentario Plastic Challenge (2016) di Craig Leesson, e la campagna Deplastic, azioni e buone pratiche contro l’abuso di plastica, con il lancio del tour della mostra omologa e nella creazione di gruppi di partecipazione sul tema. Collaborazioni: Il Raggio Verde, Refill Italia Prenotazione a: frakara@gmail.com – info@giacimentiurbani.eu
  •   11:00 – 17:00, Associazione Parco Segantini, Via Segantini – Parco Segantini. Mangiare bene e Sostenibilità in Città, mostra e visita agli orti del Parco Segantini. Mostra didattica su problematiche e buone pratiche per  un’alimentazione sana con ingredienti ottenuti nel rispetto della sostenibilità ambientale. Visita guidata agli orti del Parco Segantini. Ingresso libero

Nessun commento

set 09 2019

Passeggiando nel Parco Forlanini a Milano

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Il lago al Parco Forlanini

Tornando dalle vacanze mi è venuta voglia di rivedere il Parco Forlanini per fare una passeggiata con i nostri cani. Era da tempo che non ci tornavo e l’ho trovato in gran forma: ben tenuto, con grandi radure, piccoli corsi d’acqua, il bel lago e il cerchio dei faggi creato per ricordare le vittime dell’incidente aereo del 2001.
Davvero a Milano non mancano gli spazi verdi! Siamo fortunati!

Uno scorcio del lago al Parco Forlanini

Ancora il lago al Parco Forlanini

Parco Forlanini: Il cerchio dei faggi per ricordare le vittime dell’incidente aerero dell’ottobre 2001

Cerchio dei faggi, Parco Forlanini

Nessun commento

ago 24 2019

Ritorno a Villa Panza per la mostra di Sean Scully

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Villa Panza: una stanza con le opere di Sean Scully

Mi piace tornare periodicamente a Villa Panza, luogo incantevole con la sua straordinaria collezione di arte ambientale e il parco con i parterre alla francese e alcuni interventi di Piero Portaluppi.
Questa estate sono andata a vedere la mostra dell’artista Sean Scully e ho rivisitato la collezione. Ogni volta mi incantano le stanze con le opere di Dan Flavin, James Turrell e Robert Irwin.

Villa Panza. Il bellissimo cortile con al centro la vasca di corten – Cone of water di Meg Webster -che si trova in perfetto equilibrio con l’ambiente.

Opera di Robert Irwin

Il Giardino di Villa Panza: le aiuole con le forme di tasso e a sinistra la galleria di carpini

Il giardino di villa Panza

Villa Panza: le finestre colorate opera di Sean Scully nella serra disegnata da P. Portaluppi

Villa Panza: la galleria di carpini

 

 

Nessun commento

ago 24 2019

Il mio giardino in estate: qualche immagine di metà estate

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Fuchsia magellanica e Astilbe

Hydrangea quercifolia ormai dai fiori rosa intenso

Uno dei miei anemoni giapponesi preferiti: ‘Prinz Heinrich’

Ninfee

Uno dei miei ‘laghetti’ in vaso di zinco

Tra rose e ortensie

Questa estate si è diffusa qui e là Perilla fruticoa, dalle meravigiose foglie porpora, da usare nelle insalate.

La bignonia in fiore che ha ricoperto il mio vecchio albicocco ormai alla fine della sua vita

Hydrangea preziosa con i fiori che si tingono di rosa acceso e a fianco Dichroa versicolor che però questa estate ha un pò sofferto il caldo

Nessun commento

ago 24 2019

Due giorni all’Alpe Veglia

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Alpe Veglia, distesa di Epilobium angustifolium

Anche questa estate siamo tornati in quel paradiso che è Ale Veglia (vedi post precedente http://www.giardininviaggio.it/ritorno-allalpe-veglia).

Il luogo, per fortuna, essendo un parco naturale non raggiungibile dalle macchine, è rimasto intatto.
Un meraviglioso altopiano a quasi 2000 metri di altezza circondato da montagne e foreste di larici. Pascoli a perdita d’occhio e tante baite di pietra dai tetti di ardesia. Dall’Alpe tante belle passeggiate in quota.

Ecco alcune immagini

Alpe Veglia, architetture tipiche

Alpe Veglia. paesaggio riflesso nelle acque di uno dei tanti laghetti

Alpe Veglia, paesaggi quasi lunari

Alpe Veglia: piccole campanule e Alchemilla alpina

Alpe Veglia

Alpe Veglia: le acque turchine del Lago Bianco

Alpe Veglia: fioriture in quota

Alpe Veglia: Gentiana purpurea

Alpe Veglia

Alpe Veglia. Che bello passeggiare con Lea e Isabella

Nessun commento

lug 25 2019

Passeggiando nel verde di Milano: dagli orti di Citylife al Bosco in città

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Vista delle tre torri dal parco di Citylife

In queste giornate torride sono stata a rivedere gli orti di Citylife, progettati da Filippo Pizzoni per Orticola e realizzati in collaborazione con Cascina Bollate. Sono sempre più allegri, fioriti e colorati e assai ben tenuti. Accanto agli orti è sorto un piccolo bar con tavolini che si affacciano sul verde.

Orti di Citylife a Milano

Orti di Citylife a Milano

Orti di Citylife a Milano: un bell’acostamento di Verbena bonariense e Foeniculum

Dopo molti anni sono tornata a fare una passeggiata al Bosco in città, che rimane un’oasi straordinaria a disposizione dei milanesi.

La piantina del Bosco in città

Uno dei bei percorsi su passerelle di legno in mezzo alla vegetazione

Bosco in città: il bellissimo lago

Bosco in città: si continuano a piantare nuovi alberi!

Nessun commento

lug 25 2019

BAM Bibioteca degli alberi: il programma degli eventi culturali

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

BAM Foto Lorenzo de Simone

Perfezionata la convenzione tra il Comune di Milano, COIMA SGR e la Fondazione Riccardo Catella per la gestione della Biblioteca degli Alberi, terzo parco pubblico di Milano, che da oggi assume una nuova identità: BAM, Biblioteca degli Alberi Milano. La gestione tecnica e culturale è stata affidata alla Fondazione Riccardo Catella.
L’annuncio è stato dato oggi 25 luglio alla presenza di Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Manfredi Catella, Fondatore e CEO di COIMA e Presidente della Fondazione Riccardo Catella, Kelly Russell Catella, Direttore Generale di Fondazione Riccardo Catella, Francesca Colombo, Direttore Generale Culturale del Parco. Grazie ai 90.000 mq di BAM, sono così oltre 160.000 i mq di spazi pedonali realizzati fra corso Como, piazza della Repubblica e la sede di Regione Lombardia, diventando motore di riconnessione urbana nel rispetto dei raggi verdi del PGT.

Il progetto di spazi pubblici verdi, che oggi rappresenta un’eccellenza di Milano, è partito proprio dalla Fondazione Riccardo Catella che nel 2007, in collaborazione con il Comune di Milano, ha realizzato il primo mattone “verde” dell’intero progetto di Porta Nuova: il giardino pubblico di via de Castillia 28. La proposta di gestione di BAM, formulata dal team culturale e tecnico della Fondazione Riccardo Catella, è nata dopo un’attenta e approfondita analisi di best practice nazionali e internazionali, come l’High Line di New York, il parco lineare realizzato su una stazione in disuso, Bryant Park a Manhattan e il Klyde Warren Park di Dallas, realizzato sopra la Woodall Rodgers Freeway.

Il palinsesto, ispirato ai 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU, è declinato lungo quattro pilastri: #openairculture (momenti musicali, performance site-specific, letture poetiche e teatro nel paesaggio), #nature (passeggiate alla scoperta del patrimonio botanico e faunistico del parco e del rispetto del verde, talks, workshop e letture botaniche), #wellness (esperienze all’aria aperta all’insegna del benessere e dell’attività fisica) ed #education (talks sui temi dell’innovazione e della sostenibilità, orti urbani e laboratori didattici e creativi per bambini, famiglie e adulti). Al modello innovativo di BAM hanno aderito, attraverso una serie di partnership, grandi realtà quali Volvo (che nel ruolo di Park Ambassador rafforza il proprio rapporto con COIMA, Fondazione Riccardo Catella e la città di Milano), Nike, BNP Paribas, UniCredit.
Il programma culturale prevede per il 2020 un fitto calendario di iniziative gratuite che consente di esplorare in maniera innovativa e con un respiro internazionale il binomio natura-cultura, attraverso la sperimentazione di nuovi format “open air” che mettono i cittadini al centro di ogni iniziativa, in un parco con un’anima e un’identità forti che è teatro di cultura e di esperienze.

Prossimi eventi

CONCERTO BACK TO THE CITY CON LA FILARMONICA DELLA SCALA. Domenica 8 settembre,  BAM, ore 20.30 – ingresso gratuito con registrazione sul sito www.bam.milano.it
Programma
Filarmonica della Scala, Direttore Alessandro Bonato

Gioachino Rossini, Il Barbiere di Siviglia, Ouverture/Giuseppe Verdi, La Traviata, Intermezzo atto III/Gioachino Rossini, L’Italiana in Algeri, Sinfonia/Pietro Mascagni, Cavalleria Rusticana, Intermezzo/Felix Mendelssohn-Bartholdy, Sinfonia n.4 in la maggiore, op.90 “Italiana”

Per saperne di più http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2019/07/BAM_SCHEDA-1.pdf

Nessun commento

lug 15 2019

Orticolario 2019

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Orticolario, Spazi creativi. Black garden-viaggio negli inferi

L’edizione 2019 di Orticolario sarà intitolata “Fantasmagoria”e dedicata al“Viaggio”, alle bacche e ai piccoli frutti, in programma da venerdì 4 a domenica 6 ottobre nel parco storico di Villa Erba a Cernobbio (CO), dimora ottocentesca sul Lago di Como, già residenza del regista Luchino Visconti.
Per gettare le fondamenta dell’evento e costruirne l’impalcatura, gli organizzatori hanno viaggiato nel tempo e nello spazio. Hanno ascoltato e raccolto storie imprevedibili di cacciatori avventurosi di piante, dalla Compagnia delle Indie al primo cacciatore che fu donna, da botanici irascibili a pirati (https://orticolario.it/category/viaggio-con-paesaggio/). Hanno letto di altre grandi viaggiatrici, le pianteche, arrivate da chissà dove, si radicano in un luogo diventandone parte integrante (https://orticolario.it/category/natura-sensitiva/).

Le piante
L’edizione 2019 sarà dedicata alle bacche e ai piccoli frutti per un giardino dei sensi  “sempre in fiore”, che in ogni stagione possa essere un riparo o nido per gli uccelli.
La collezione di ORTICOLARIO 2019
La collezione di Piante da bacche e piccoli frutti per Orticolario 2019 è nata con l’intento di mostrare, in un ideale viaggio, uno straordinario assortimento di varietà, molte delle quali mai viste prima in Italia. Gli interpreti di questo ambizioso progetto sono i tre vivaistiche hanno allestito due grandi aiuole nel parco storico di Villa Erba, con la collaborazione dell’Istituto Professionale dei Servizi per l’Agricoltura “San Vincenzo”: una dedicata alle bacche, con le piante dell’Azienda Agricola Maurizio Feletige de I giardini e le fronde, l’altra con i piccoli frutti di Vivai Veimaro. Un’occasione davvero unica per i visitatori e gli appassionati: per conoscere piante tuttora poco note o semplicemente per ammirare un sorprendente caleidoscopio di colori. Ecco i tre vivaisti che firmano le aiuole dell’undicesima edizione di Orticolario:

Azienda Agricola Maurizio Feletig
Arignano (TO) . rosebacche.it

rosa-brunonii_azienda-agricola-maurizio-feletig

I giardini e le fronde
Serravalle Scrivia (AL) . igiardinielefronde.it

malus-comtesse-de-paris_i-giardini-e-le-fronde

Vivai Veimaro
Cossato (BI) . vivaiveimaro.com

Rubus-fruticosus-‘Polar-Berry’_VIVAI-VEIMARO

Per saperne di più  http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2019/07/06B_Orticolario2019_Piante.pdf

Spazi creativi
Otto i finalisti, valutati dal Comitato di Selezione tra numerose proposte inviate da architetti, designer, paesaggisti, artisti, giardinieri e vivaisti.
Per saperne di più  http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2019/07/04_Orticolario2019_Spazi-Creativi.pdf

 Ospite d’onore
Ospite d’onoredi Orticolario 2019 è lo svizzero Paolo Bürgi, architetto paesaggista tra i più apprezzati a livello internazionale, insignito nel 2003 del prestigioso “European Landscape Award Rosa Barba” per il progetto “Cardada, Reconsidering a mountain”.
Per saperne di più http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2019/07/03-Orticolario2019_Ospite-donore.pdf

Nessun commento

lug 15 2019

Attenzione, una nuova minaccia per le piante: il coleottero giapponese

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Popillia japonica su una rosa. Foto M. Aresi

Parliamo di Popillia japonica: un insetto di recente introduzione ( 2014 nel Parco del Ticino ) appartenente all’ordine dei coleotteri, famiglia degli scarabeidi, che può provocare danni sia allo stadio di larva, sia allo stadio di adulto, interessando un gran numero di specie sia erbacee, sia arbustive che arboree. Ora sta marciando in provincia di Varese…

Gli adulti compaiono a giugno, luglio e le femmine depongono le uova nel terreno, prediligendo prati umidi, scavando gallerie profonde 5-10 cm; le larve si muovono nel terreno nutrendosi di radici e svernano ad una profondità di 10-25 cm. A primavera, all’innalzamento delle temperature, si impupano sempre nel terreno e dopo 1-2 settimane sfarfallano gli adulti.

Mezzi di lotta

  1. Agronomici utilizzando trappole attrattive per la cattura dei maschi e reti antiinsetto.
  2. Chimici utilizzando agrofarmaci che riportino in etichetta tra gli insetti bersaglio i coleotteri con principi attivi quali treflutrin granulare contro le larve e acetamiprid o chlorpyriphos contro gli adulti.
  3. Biologici contro le larve o con funghi entomopatogeni ( Metharizium anysoplae ) o nematodi entomoparassiti ( Heterorhabditis bacteriophora ).
FONTE: Il Laboratorio fitopatologico di Varese
Per saperne di più http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2019/07/Popilliajaponica_7_3_2018_784_36235.pdf

Nessun commento

lug 15 2019

Bagni misteriosi a Milano

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Piscina Botta, ‘Bagni misteriosi’ Milano. Plant design Didier Burruyer

Finalmente sono andata a vedere i Bagni misteriosi, la piscina degli anni ’30 recentemente restaurata e riaperta al pubblico, accanto al Teatro Franco Parenti. La piscina è molto bella, tornata al suo antico splendore e piacevole e delicato l’intervento di Didier Burruyer, il vivaista che ha firmato l’impianto vegetale con perenni e graminacee vaporose e molto naturali.
Peccato il pratino finto (ma non si poteva trovare di meglio?) e da cancellare l’aperitivo, orrendo come i peggiori happy hour e carissimo per le schifezze proposte (15 euro obbligatori) quasi sempre in piedi se non si è prenotato!!!

Piscina Botta, ‘Bagni misteriosi’ Milano. Plant design Didier Burruyer

C’è sempre qualcosa che non va anche negli interventi più belli. Non c’è traccia di ombreggiamento. Possibile che non si pensi mai alla fruizione?

Piscina Botta, ‘Bagni misteriosi’ Milano. Plant design Didier Burruyer

Nessun commento

Next »