apr 18 2019

Case albero e giungle cittadine Conferenza VerDiSegni con Stefania Naretto e Chiara Otella, agronome paesaggiste 20 marzo 2019

Pubblicato da alle 3:24 pm nella Giardini e luoghi

25 verde casa albero progetto Luciano Pia, Torino

Un paio di anni fa avevo visto la casa albero progettata a Torino da Luciano Pia (vedi post http://www.giardininviaggio.it/una-casa-albero-a-torino) e l’avevo trovata un progetto davvero molto bello e originale.

Ho seguito quindi con molto interesse la recente conferenza organizzata dall’Associazione VerDiSegni nella quale le due paesaggiste torinesi dello studio Linee verdi, Stefania Naretto e Chiara Otella, hanno raccontato con molti particolari il loro intervento per la progettazione e realizzazione della componente verde così importante in questo edificio.

Cercherò di sintetizzare gli elementi anche tecnici del progetto che ha avuto inizio nel 2009 per concludersi nel 2012. L’edificio – chiamato appunto 25 verde – è un condominio di 5 piani, 6 facciate  e 63 appartmanenti con terrazzi con differenti esposizioni, un giardino condominiale, piccoli giardini privati dei loft a piano terra e alcuni giardini pensili sul tetto. Tutto il verde viene gestito a livello condominiale e la media di spesa annua per la manutenzione è di 500 euro a condomino.
Le paesaggiste hanno avuto carta bianca dall’architetto che ha chiesto loro di trasformare il suo bellissimo progetto in una sorta di foresta urbana. Tutte le piante – alberi, arbusti, rampicanti, erbacee e tappezzanti sono state messe a dimora in vasi di corten a tronco di cono rovesciato di tre misure differenti: diametri di 210 cm; 20 cm e 370 per gli alberi più grandi con altezze da 110 a 150 cm. (Totale 150 fioriere)

25 verde luciano pia torino

25 verde luciano pia torino

Le paesaggiste hanno scelto le piante ripetendo alcune specie in modo da dare unitarietà all’insieme, modulando tra sempreverdi e spoglianti utilizzate nelle parti più nascoste in modo da dare luce agli appartamenti.
Piante in parte autoctone e in parte esotiche naturalizzate. In totale 143 alberi più 50 per il giardino interno. Fino ad oggi, dopo quasi 6 anni non è stato sostituito nessun albero e non sono state fatte potature di contenimento.
Tra gli alberi e gli arbusti sono stati scelti ad esempio: Liquidanbar, carpini, meli da fiore, osmanti, melograni, pittosfori, lagestroemie, Phisocarpus, Jasminum nudiflorum e per le zone più ombrose aralia, aucuba, maonia. Molte tappezzanti alla base dei vasi, tra cui Vinca major. Per il giardino interno Acer platanoides ‘Crimson’.

25 verde luciano pia torino. Rosa banksiae Lutea

Il fatto interessante è che il condominio è diventato una vera community ed è stato creato anche un alveare condominiale.

Davvero un bel progetto, a mio parere decisamente più interessante del Bosco verticale di Milano

Nessun commento

Commenti RSS

Lascia un commento