Post di giugno, 2018

giu 14 2018

I edizione di Earth Prize International premio per l’educazione ambientale e paesaggio, Luino 23-24 giugno 2018

Pubblicato da in "News"

 

Presentazione Premio educazione ambientale, Sala Pirelli 14 giugno 2018

Si e’ svolta a Palazzo Pirelli la presentazione della prima edizione di ‘Earth Prize International’, il premio per l’educazione ambientale e per il paesaggio patrocinato da Regione Lombardia e promosso da WEEC Network (Word Environmental Education Congress) e dalla Citta’ di Luino (Va).

Oltre all’assessore regionale sono intervenuti, Alessandra Miglio, assessore all’Ambiente del Comune di Luino, Luca Novelli, direttore artistico del premio e Mario Salomone, Segretario Generale della rete WEEC. ‘Earth Prize International’, in programma a Luino il 23 e 24 giugno, prevede incontri, incontri, dibattiti, conferenze, musica e intrattenimenti centrati sul tema dell’ambiente e del paesaggio.

Di seguito l’elenco delle nomination annunciate oggi durante la presentazione:

Young Reporter for Environmental di Copenhagen, la piattaforma web che invita, informando, alla fratellanza universale;

Francesca Marzotto Caotorta che ha trasformato l’arte del giardinaggio in una coinvolgente azione di valorizzazione del paesaggio e della cultura dei giardini;

Reinhold e Magdalene Messner che, con un’inedita operazione museale, hanno dato ai grandi alpinisti un ruolo che va molto oltre l’agonismo e che lascera’ in eredita’ il rispetto e la cultura della montagna;

Linea Verde, storico programma televisivo che ha accompagnato l’evoluzione e la valorizzazione del paesaggio italiano;

Il Giardino di Albert, programma tv della Radio Televisione Svizzera che ha messo sotto osservazione i ghiacciai delle nostre Alpi;

Caterpillar trasmissione di Radio2, che in Italia ha coinvolto milioni di famiglie con l’iniziativa ‘Mi illumino di meno’;

Silver, il creatore di Lupo Alberto, che ha prestato il suo famosissimo lupo azzurro a campagne di educazione ambientale;

Trekking Locarno-Venezia che da alcuni anni anticipa l’apertura della via navigabile tra Svizzera e Venezia, destinata a diventare una delle attrazioni paesaggistiche e culturali europee;

Il progetto GreenSchool che ha coinvolto decine di migliaia di ragazzi della Provincia di Varese;

La APP realizzata dagli studenti della dell’ISIS di Luino, che consente di trovare passaggi auto gratuiti e sicuri, aggiungendo una valenza tecnologica al progetto di mobilita’ sostenibile ‘Equostop’. (Lnews)

Il programma della prima edizione che si terrà a Luino nei giorni 23 e 24 giugno prevede per sabato 23 giugno incontri, presentazione del film After the food di L. Di Caprio (ore 14.30 a Villa Hussy), incontri sul riciclaggio creativo ( ore 15.30 sala ragazzi della biblioteca). La sera di sabato 23 alle 21 al Teatro sociale di Luino Premiazione Earth Prize International. Domenica 24 giugno alle 10 aggiornamento sulle tematiche ambientali a villa Hussy e a seguire alle 11 Oltre il paesaggio, incontro con Francesca Marzotto Caotorta, moderatrice Laura Pirovano

Per info http://www.earthprize.international/

Nessun commento

giu 11 2018

News in tema di corsi, fiere, libri e altro ancora.Giugno 2018

Pubblicato da in "News"

Agapanthus, Foto Fusaro, Archivio villa della Pergola

Agricoltura metropolitana

  • Il 1°giugno a Villa Valmer a Marsiglia – partner, stakeholder e rappresentanti delle istituzioni si sono incontrati per la conferenza finale di MADRE, il progetto europeo sull’agricoltura urbana e periurbana. Il progetto MADRE – Agricoltura Metropolitana per lo Sviluppo di un Economia innovative, sostenibile e Responsabile – è stato presentato da Patrick Crézé, Direttore Sviluppo, e Manon Dieny, coordinatore di progetto, entrambi afferenti ad AViTeM. Se il Catalogo delle buone pratiche, la piattaforma digitale Agri-Madre, i White Paper e il Policy Paper rappresentano i principali risultati del progetto MADRE, la firma di un accordo d’intesa per la creazione di un network mediterraneo su agricoltura metropolitana e sistemi agroalimentari costituisce l’impegno a continuare a lavorare insieme dopo la fine del progetto. Comunicato stampa

Ciclabili

  • Il Veneto lancia la “Ciclabile del Piave”: lunga 220 km, la pista attraversa un fiume di bellezze storiche, artistiche e paesaggistiche dalle Dolomiti al mare. Una meta turistica di nicchia che attraversa le tre province venete, in un tragitto che va dalle Dolomiti a Venezia e alla sua Laguna.
    Il progetto prevede che l’itinerario sia percorribile risalendo o discendendo il Piave, a piedi o in bicicletta. Per info http://www.visitpiave.com/

Concorsi

  • Il Verde editoriale annuncia la 19 edizione del Premio ‘La città per il verde’. La partecipazione è gratuita e sono candidabili gli interventi a favore del verde pubblico e della sostenibilità ambientale realizzati negli ultimi 5 anni dalle Amministrazioni comunali. Modulo di segnalazione
  • Concorso Sprech Agorà Design 2018: la piazza, le idee, i progetti. Per scaricare il bando (scadenza ore 12 del 2 luglio 2018)

Corsi e convegni

Fiere e vivai

Film

Giardini

  • Dalla partnership tra Marina Genova (www.marinagenova.it) e Ligurian Gardens (www.liguriangardens.com) nasce il progetto “Le vie del mare”, che porta alla scoperta di meravigliosi giardini e parchi storici della Liguria, realizzati tra il rinascimento e il novecento e per lo più affacciati sulla costa.Villa della Pergola ad Alassio (SV), Villa Durazzo Pallavicini a Genova Pegli, Villa Serra di Comago a Sant’Olcese, l’Abbazia di Cervara di San Girolamo al Monte di Portofino e Villa Durazzo di Santa Margherita Ligure: sono questi i 5 parchi del network Ligurian Gardens che da Marina Genova potranno essere raggiunti in barca, grazie alla collaborazione del charter nautico AYT Associazione Yacht Travel. Per info http://www.marinagenova.it/it-it/Le-Vie-del-Mare
  •  Programma di eventi a giugno al Giardino botanico di Oropa. Per info
  • A giugno i giardini di Villa della Pergola ad Alassio, sulla Riviera Ligure di Ponente, si colorano di diverse sfumature di blu, azzurro e bianco grazie alle fioriture degli Agapanthus, i cui fiori si dispongono a formare pennellate ricche di colore simili alle onde del mare. Quella di Villa della Pergola è una collezione unica in Europa per numero e qualità che conta oggi oltre 430 varietà diverse che potrà essere ammirata tutti i sabati e le domeniche di giugno con visite guidate su prenotazione.

Giardini terapeutici

  • Nel mese di maggio è stato inaugurato a Milano ‘l’Orto di Elkette’, il nuovo orto terapeutico realizzato da Missione Sogni Onlus nel Reparto Pediatrico dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano, grazie alla cooperazione tra la Onlus fondata nel 2003 da Antonella Camerana, il professor Luca Bernardo direttore e responsabile del reparto di Pediatria e il contributo di UniCredit. L’orto darà l’opportunità ai piccoli pazienti di impegnarsi nella coltivazione di frutta e ortaggi, distraendosi così dalla routine ospedaliera e trascorrendo parte della giornata all’aria aperta.

Libri consigliati dalla Libreria della natura

  • La Méditerranée dans votre jardin, Une inspiration pour le futur, di FILIPPI O.
  • Designing with palms, Dewees T.
  • Shades of green, Sales J.
  • Gardens of style Private hideways of the design world di MCCULLOCH J.
  • Around the world in 80 trees, Drory J.
  • Giardino della Guastalla, Gianni F.
    A Landscape legacy, John Brookes
  • A Landscape of legacy, Private hideways of design
  • Guide des fleus sauvages de Méditerranée occidentale, di Thorogood C.

Milano

  • 12 giugno ore 18, alla Casa del Manzoni, via Morone 1, presentazione del libro Il ponte di Adamo di Luca Novelli
  • 13 giugno ore 18, presso lo Studio Battisti, di discute del nuovo PGT di Milano con S. Agostini, J. Gardella, G. Longhi, L. Pilotti, U. Targetti e M. Viviani. Viale Caldara 13, interno 7
  • 18 giugno Conferenza sul Progetto comunale di riapertura della cerchia interna dei Navigli, Italia nostra Milano, via Duccio di Boninsegna 21/23. Programma

Nessun commento

giu 11 2018

Letto per voi. Giugno 2018

Pubblicato da in "News"

Hope Jahren, Lab girl, Codice Edizioni, 2018, 316 pp., 22 euro

L’autrice è una geobiologa americana inserita nel 2016 da Time magazine tra le 100 persone più influenti al mondo.
Il libro è la sua autobiografia e rappresenta un inno alla passione, alla curiosità e anche all’umiltà che contraddistingono un vero scienziato. Una lettura appassionante in cui la ricercatrice ci racconta i segreti delle piante e  alterna brani della sua vita a momenti della sua ricerca per studiare alberi, fiori, semi e terra. Instancabile viaggiatrice , ha compiuto ricerche sul campo dal Midwest degli Usa alla Norvegia, all’Irlanda, al Polo nord e  alle Hawaii.
Il libro è diviso in tre parti: Radici e foglie; Legno e nodi; Fiori e frutti

Ci sono alcune frasi del libro che mi hanno colpito e che trascrivo brevemente

‘L’uomo non è in grado di fare una foglia ma sa come distruggerla’

‘Non si scappa: in questo preciso momento, nelle sinapsi del vostro cervello, sono le foglie ad alimentare i pensieri sulle foglie’

‘Dal dente di leone al narciso, dalla felce al fico, dalla patata al pino, ogni pianta che cresce sulla terra combatte per due obiettivi: la luce, che viene dall’alto e l’acqua, che viene dal basso. Qualsiasi competizione tra due piante si può decidere in un’unica mossa, quando la vincitrice raggiunge contemporaneamente un’altezza maggiore e affonda le proprie radici più in basso di quella sconfitta’.

‘Il legno di un albero è anche la sua autobiografia: possiamo contare gli anelli per capire quanti anni ha, visto che ogni stagione di crescita necessita di una nuova guaina prodotta dal cambio’

‘La cosa più importante per uno scienziato, quella che viene prima di tutto il resto è una domanda’

Vincitore del National Book Critics Circle Award for Autobiography.

Nessun commento

giu 11 2018

Dal mondo delle riviste. Giugno 2018

Pubblicato da in "News"

Giochi di foglie. Giardino di Laveno L. Pirovano

Acer 3 2018

  • Potature e capitozzaature
  • Parchi della Valsugana
  • 10° rapporto sullo stato delle foreste in Lombardia
  • Principi di progettazione ecologica nelle aree verdi

Arcipelago Milano

Gardenia giugno 2018 con inserto Piscine

  • Raffinate fioriture ai Bagni misteriosi a Milano
  • Scabiose
  • Begonie che amano il sole
  • Giardino pubblico dedicato all’Europa a Pieve Tesino, Trento
Giardino fiorito Numero speciale Orticola 2018 ‘Al piacer mio’
  • Il raccoglitore di semi, F. Pizzoni
  • Le felci dalla preistoria al futuro, E. Cavrini
  • Dahlie arboree, E. Mameli Calvino
  • Camellia sasanqua, V. Scariot
  • Hedychium coronarium, M. Calvino
  • Le wisteria brachybrotrys, F. Vignoli
    e altro ancora

Giardino italiano -Paysage n. 5 2018: Preview

  • Progetti su Storia in giardino, Borghi, Relais garden, Etna garden, giardino contemporaneo, giardino per il turismo…
Rosanova aprile 2018
  • Il giardino delle foglie
  • il giardino Thee Tuin
  • Ippolito Pizzetti
  • Prunus da fiore e da frutto
  • I giardini di Porta di Ferro

Topscape 32 2018

  • City landscape: Cina, Corea del sud e Danimarca
  • Water’ scape Danimarca
  • Memorial landscape Svezia
  • Sky garden Gran Bretagna
  • Vertical Green MIlano
    e altro ancora

 

Nessun commento

giu 11 2018

Il giardino di Poggio Castello di Piero Sierra nella campagna comasca

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Mappa del giardino di Poggio castello

 Il giardino di Piero Sierra, fotografo e grande appassionato di giardini, è sapientemente disegnato a stanze, ciascuna con un tema botanico o stilistico, in modo da essere interessante lungo tutte le stagioni dell’anno.
Ogni zona, come nella migliore tradizione dei giardini inglesi, è definita da grandi architetture vegetali – Fagus sylvatica ‘Purpurea’ o Prunus lusitanica – o in altri casi da cortine di alberi o arbusti disposti in maniera più naturale. In questo modo ogni zona è nascosta alla vista e risulta una sorpresa per il visitatore. Angoli molto formali – come il ‘giardino costruito’ – si alternano a zone naturalistiche come il grande stagno contornato da un boschetto di eleganti Parrotia persica e il woodland garden con un bel sottobosco di ellebori, ciclamini, hosta e Aruncus dioicus.
Molte le piante di pregio che si possono apprezzare attraversando il giardino, che durante la visita viene spiegato con  grande sapienza dal suo proprietario.

Giardino di Poggio castello: vista della grande pergola con rose Pierre de Ronsard dal basso

Giardino di Poggio castello: particolare della grande pergola con rose Pierre de Ronsard

Giardino di Poggio castello: un muretto ricopero da una bella rosa tappezzante dai fiori bianchi: Snow carpet

Giardino di Poggio castello: masse spettinate di perenni intervallate da grandi sfere di evonimo

Giardino di Poggio castello: una allée con piccole sfere di bosso e macchie bianco-argentate di rose Iceberg e Stachis bizantina

Giardino di Poggio castello: il Giardino costruito, con strutture formali, una rievocazione del giardino all’italiana

Giardino di Poggio castello: il giardino delle bordure, una grande prato formale con al centro una vasca e intorno mixede borders

Giardino di Poggio castello: lo stagno

Giardino di Poggio castello: Acer ginnala dalla interessante corteccia

Giardino di Poggio castello: Camellia fraterna

Giardino di Poggio castello: Cornus alba ‘Spaethii’

Giardino di Poggio castello: Cornus venus, incrocio di C. Kousa e C. nuttalii

Giardino di Poggio castello: la ‘scatola’ che protegge una felce arborea nel periodo invernale

Giardino di Poggio castello: Rosa bansia rosea, di fioritura tardiva

 

Nessun commento

giu 11 2018

Il giardino gaudente di Giorgio Rolando Perino a Mombercelli

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Mappa Giardino Gaudente

Un giardino davvero notevole, ben progettato, ricco di sorprese, felicemente inserito nel paesaggio delle colline dell’Astigiano, con angoli più disegnati e zone di piacevole naturalezza: questo il Giardino gaudente che il suo proprietario, l’arch. Giorgio Rolando Perino, ha costruito con amore e passione nel corso di più di dieci anni. Prima del giardino tutta l’area, più di un ettaro, era coltivata a vigna.
Assai ben esposto, comprende anche un bellissimo giardino mediterraneo con cisti, rosmarini, ginestre, ginepri sapientemente mescolati a creare un effetto molto naturale. Il giardino denota la mano dell’architetto che ha saputo disegnare lo spazio assai scosceso in modo da alternare percorsi, zone di sosta inserendo qua e là piccole soprese, come le panche realizzate con vecchie piastrelle, le fontane o ancora le tante sculture vegetali realizzate con rami di nocciolo.
Lungo il percorso si incontra la ‘Frana dei bossi topiati’, con una decina di arbusti potati in forma di grandi cubi alternati a cespugli di Pyracantha ‘Nevada’: una invenzione notevole che viene personalmente curata dal proprietario come tutto il giardino. Più avanti si attraversa un boschetto i noccioli dove in estate si gode del piacere dell’ombra e della frescura.
E’ proprio vero che il fascino di un giardino dipende anche dalla passione di chi lo abita e lo cura.
Riferimenti:

  • Per avere altre informazioni sul giardino vedere il blog http://giardinogaudente.blogspot.com/
  • Un interessante articolo dedicato al giardino gaudente si trova su Rosanova, gennaio 2018, a firma di Guido Giubbini.

Giardino gaudente: lo spazio informale e ricco di perenni davanti alla casa

Giardino gaudente: un bell’accostamento di Euphorbia charachias e Centranthus ruber

Giardino gaudente: una piccola panca davanti alla casa

Giardino gaudente: Rosa Ghislaine de Feligon

Giardino gaudente: la lunga pergolarivestita da rose davanti alla casa

Giardino gaudente: il bellissimo Cistus scanbergi ripetuto nel giardino mediterraneo

Giardino gaudente: un angolo del giardino mediterraneo

Giardino gaudente: uno dei punti in cui il giardino si apre al paesaggio

Giardino gaudente: la frana dei bossi

Giardino gaudente: la frana dei bossi

Giardino gaudente: particolare delle forme topiate nella frana dei bossi

Giardino gaudente: una delle varie fontane realizzate con vecchie piastrelle del luogo

Giardino gaudente: una seduta-scultura realizzata con rami di nocciolo

Giardino gaudente: i rami della Lespedeza diventano un piccolo ornamento lungo uno dei sentieri

Giardino gaudente: una piccola vasca d’acqua con ninfee

Giardino gaudente: il percorso nel boschetto di noccioli

Giardino gaudente: Hieracium pilosella una tappezzante molto utile nelle zone secche e soleggiate

 

 

 

Un commento presente

giu 08 2018

Fioriture a Laveno nel mio giardino

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Fioritura di rosa Francoise de Juranville

Quest’anno le Hydrangea serrata sono stupende

Hydrangea serrata Stellata

Campanule pscarskiane e Persicaria Painter’s palette nel bosco

Rosa Ballerina

Oenothera perennis

Rosa Francoise Juranville

Vasi fioriti

Gioco di foglie

Rosa Pierre de Ronsard

 

Un commento presente

giu 08 2018

Bordeaux: una città verde e a misura d’uomo

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Miroir d'eau di Corajoud, place de la Bourse Bordeaux

Una città molto bella – sia per la parte antica, il cui cuore è medievale e sulle rive della garonne settecentesco – sia per i tanti spazi verdi: piccole piazzette alberate, filari di alberi di tante specie diverse, parchi e giardini, la risistemazione delle due rive del fiume, sia per la prevalenza quasi esclusiva di tram elettrici come trasporto pubblico e le tante piste ciclabili.

Le due rive della Garonne sono state affidate a due paesaggisti: la riva sinistra a Corajoud che ha disegnato alcuni anni fa una spettacolare fontana che si trasforma in una piattaforma di fruizione che conslude la spettacolare piazza della borsa e ai lati due successioni di aiuole fiorite con un disegno molto preciso e formale; la riva destra con il quartiere la Bastide, progetto di Desvigne&Dlkony ancora in corso di riqualificazione con il Parc aux Angéliques, si presenta come un grande parco molto naturale con un inserimento di alberiin una trama geometrica intervellato da spazi per le attività ludico-sportive. Per maggiori informazioni vedi http://micheldesvignepaysagiste.com/en/bordeaux-parc-aux-ang%C3%A9liques-0
Nello stesso quartiere sorge il bellissimo giardino botanico firmato dalla paesaggista francesce Catherine Mosbach (realizzato nel 2004) che si presenta come un lungo spazio allungato suddiviso in tre zone principali: il giardino d’acqua verso la riva del fiume, la zona destinata alle colture e una sorta di galleria di paesaggi naturali, dalle dune alle foreste di fissazione, alle zone secche.
Molto bello anche lo storico Jardin public con molte piante esemplari, un laghetto e vaste zone di prato.

Molti i cartelli didattici sparsi per la città; questo è dedicato agli alberi

Una delle tante piazzette verdi

Bordeaux, filari di alberi

Una piccola piazza con piccole isole in rilievo rivestite di prato. Sullo sfondo una bella fila di Fraxinus angustifolia

Un grande esemplare di Gingko biloba

La spettacolare place de la Bourse con davanti il Miroir d’eau disegnato da Corajoud

Miroir d’eau disegnato da Corajoud

Le aiuole disgenate da Corajoud che si dispiegano in forma regolare ai lati della fontana lungo la Garonne

Jardin botanique di C. Mosbach: il giardino d’acqua

Iris levigata nel giardino acquatico

jardin-botanique-mosbach: la zone delle coltivazioni

jardin-botanique-mosbach: la galleria dei paesaggi naturali

jardin-botanique-mosbach

jardin-botanique-mosbach: il giardino verticale

parc-angeliques-desvigne; il nome del parco deriva da Angelica des estuaires una ombrellifera che cresce lungo le rive del fiume

parc-angeliques-desvigne

parc-angeliques desvigne

parc-angeliques-desvigne

jardin-publique-bordeaux

jardin-publique-bordeaux

Lochroma australi, jardin-publique-bordeaux

 

 

Nessun commento

giu 08 2018

Milano: la città degli orti

Pubblicato da in "News"

Una recente ricerca, proposta e sviluppata da Italia nostra Milno nord e svoltasi tra il 2016 e il 2018, ci offre una esauriente fotografia degli orti urbani nella Grande Milano.
L’indagine risponde ai seguenti quesiti: quanti sono gli orti, come sono curati e da chi, quanto producono e quali funzioni svolgono e infine come possono contribuire al disegno del paesaggio futuro.

Qualche dato in sintesi mentre per alcuni altri dettagli si rimanda al Comunicato stampa:

  • i terreni dedicati agli  orti raggiungono 850 ettari con una produzione annua stimata di 82.700 Q/a
  • una grande parte è dovuta ad azioni autopromosse
  • gli orti formano colonie condivise da molti ortisti: le colonie di orti individuate sono 933 e a queste si aggiungono 1.322 colonie di tipo informale
  • l’orto ha sempre una funzione sociale
  • il valore stimato della produzione amatoriale è tale da soddisfare al massimo il bisogno di 18/20.000 famiglie

Nessun commento

giu 01 2018

Architettura del paesaggio

> Rubrica On the road ‘Piccoli giardini di Parigi’, n. 33 2016
> Rubrica on the road ‘Letture del Mediterraneo‘, n. 34 2017

Nessun commento

Next »