Post di novembre, 2016

nov 10 2016

News in tema di corsi, fiere, libri e altro ancora…Novembre 2016

Pubblicato da in "News"

Boschi incantati Attraversare ‘lanima_Will Beckers Copyright Arte

Concorsi

  •  Il premio Lavinia Taverna 2016 è stato consegnato a Eugenia Natalino, che lavora con la madre nel vivaio aperto tra le colline umbre, il Salto del Prete, una piccola realtà di famiglia che si occupa di produzione di piante e realizzazione di giardini. Qui Eugenia propone un’idea di giardino ecosostenibile, appassionandosi soprattutto alla ricerca e alla riproduzione di specie mediterranee, rare e spontanee,creando una importante collezione di piante da arido. Comunicato stampa. Per info www.vivaiosaltodelprete.it - info@vivaiosaltodelprete.it
  • My plant & Garden indicono il concorso “Giardini dinamici”: iscrizione entro 5/12 e invio degli elaborati entro 9/1/2017. Per ulteriori info

Corsi e convegni

  •  11 novembre ore 15.30, Claudio ondo conferenza su “Orti botanici del mondo”. Orto botanico di Brera
  • APGI Associazione Parchi e Giardini Italiani con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali promuove a Roma giovedi 17 novembre l’incontro ‘IL VERDE NECESSARIO. Salute, Economia, Paesaggi’. L’Associazione, interlocutore istituzionale di riferimento per il settore orticulturale italiano, è sempre più consapevole del fatto che i temi del rispetto ambientale e della salute, della tutela e valorizzazione del verde e dei paesaggi meritano un approccio integrato. Nel corso dell’evento è previsto un focus su “ambiente e salute”, con particolare riguardo al tema della qualità dell’aria e al ruolo che il verde può e deve avere nel mitigare gli effetti dell’inquinamento e nel migliorare la qualità della vita.L’appuntamento si terrà alle ore 9.30 presso la sede dell’Associazione Civita in Piazza Venezia 11 a Roma.Ai lavori interverrà l’Onorevole Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario di Stato del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
  •  Nuova Accademia del design: Corso annuale di garden design: 150 ore. Programma e info http://www.accademiadeldesign.com/i-nostri-corsi/garden-design/corso-garden-design-1/
  •  14-15 novembre 5th Active House symposium a villa Alba, Gardone Riviera. Programma
  •  24 novembre, Convegno su Stabilità apparati radicali degli alberi, Fondazione Minoprio, viale Raimondi, Vertemate con Minoprio. Informazioni e programma http://www.fondazioneminoprio.it/index.php?option=com_content&view=article&id=365:seminario-strumenti-per-la-verifica-di-stabilita-degli-apparati-radicali-degli-alberi-fondazione-minoprio-24-novembre-2016&catid=33&Itemid=512&lang=it
  •  24 novembre ore 9.30, “Smart City e Sensable City: Tecnologie, Partecipazione e Governance”: questo il titolo del convegno organizzato da Ancilab e Siami (Società in house di Anci Lombardia) in Via Rovello, 2 – Milano.
  •  28-30 novembre, Orti aperti al mondo: comunicazione, educazione e ruolo sociale, a Bergamo. Programma. Per info http://reteortibotanicilombardia.it/
  •  Novembre 2016-marzo 2017, Corso apicoltura tra città e campagna: 8 incontri, Centro forestazione urbana. Per maggiori informazioni e iscrizioni: tel. 02.4522401 (lunedì-venerdì, con orario 9-12.30 e 14-17.30). Locandina
  •  7-10 dicembre, Corso di alimentazione antinfiammatoria e depurativa, Tenuta Larnianone Siena. Programma

Fiere e vivai

  • 3-4 dicembre a Verbania mostra delle camelie invernali. Programma
  •  Alla Libreria della natura, di via Maiocchi 11 a Milano sono in vendita alcune erbacee e graminacee del Vivaio Cascina Bollate
  •  22-24 febbraio 2017, My plant & Garden sul tema “Il colore delle stagioni”, Fiera Rho, Milano. http://myplantgarden.com/it/biglietteria/

Giardini

  • Foliage nel Biellese al Giardino botanico di Oropa, oasi del WWF. Comunicato stampa
  • Settembre- Novembre 2016: I BOSCHI INCANTATI DI HUSQVARNA. Oltre 30 Grandi Giardini Italiani dal Trentino Alto-Adige alla Sicilia, per andare alla scoperta di alberi secolari e rari e immergersi in coloratissimi foliage. Comunicato stampa. Info www.grandigiardini.it
  • Il 7 novembresono stati piantati 60mila bulbi tulipano da Jacqueline van der Kloet, con il suo team nel parco informale di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin e nel 2017 s’inaugura la nuova installazione “I Bulbi di Evelina van Millingen Pisani – Il nuovo impressionismo olandese”. Comunicato stampa

    Giuliano Mauri, foto Aldo Fedele

  • Il 20 ottobre, sono terminati a Lodi i lavori della struttura lignea della Cattedrale Vegetale di Giuliano Mauri, Artista di Art in Nature scomparso nel 2009.
    A novembre (a partire da sabato 12 per circa una settimana), dopo la messa in sicurezza dell’opera, gli sponsor e l’amministrazione comunale, daranno vita alla Cattedrale Vegetale di Mauri, piantando le 108 querce, di 60 cm di altezza, all’interno delle colonne di legno che compongono le 5 navate.L’inaugurazione è prevista per marzo 2017, dopo la realizzazione dell’impianto illuminotecnico che permetterà la fruizione dell’opera anche dopo il tramonto.
  • Da Pasqua a metà ottobre è aperto per visite guidate il giardino storico all’inglese Bridi a Rovereto, in Trentino, dedicato a Mozart e alla musica e alle arti in generale. Al suo interno contiene un tempietto progettato per suonare musica e il più antico cenotafio dedicato a Mozart.  Inoltre, è location di diversi eventi culturali, tra gli altri il Festival Internazionale Mozart di primavera. Scheda giardino

Libri

 Segnalazioni dalla Libreria della natura di Milano

  • JARDINS D’HIVER, POLLET C.: rassegna di una ventina di giardini d’inverno tra Francia e Inghilterra
  • LANDSCAPE OF DREAMS, BANNERMAN I. & J.: i progetti di Isabel e Julian Bannerman
  • ROBERTO BURLE MARX – BRAZILIAN MODERNIST, CLAUDIA J. NAHSON & JENS HOFFMANN: una rassegna dei progetti del grande paesaggista brasiliano
  • PRIVATE GARDENS OF THE MEDITERRANEAN, MUS J: una rassegna di giardini mediterranei progettati da J. Mus
  • NEW SMALL GARDEN, KINGSBURY N: teoria e pratica del plant design in un piccolo giardino
  • NEW WILD GARDEN, HODGSON IAN: sul nuovo stile del giardino naturalistico
  • HOW TO MAKE A WILDFLOWER MEADOW, HEWETSON BROWN J.: sui prati fioriti

Milano

  • 20 novembre, La Libreria della natura, di via Maiocchi 11 presenta il libro di Tiziano Fratus “L’Italia è un giardino” alle ore 10 e a seguire visita guidata ai Giardini di via Palestro per un riconoscimento degli alberi
  • Poliedrico itinerario. Intensamente Milano, ciclo di incontri organizzato da Elda Cerchiari Necchi, presso il MAC, Piazza Lucrezio caro 1, MI. Per info https://associazioneeldacerchiarinecchi.wordpress.com/
  • 18 novembre ore 18-20, Book city: Il mondo vegetale metafora  del mondo deli uomini, ia Alessandrai 3, Info www.acquasumarte.net
  •  13 novembre Castagnata d’autunno al Parco Segantini, a partire dalle ore 16. Per conferma partecipazione info@parcosegantini.it
  •  13 novembre appuntamento ore 9 – davanti alla cascina San Romano per piantare insieme gli alberi del Bosco e prenderci cura dei giovani rimboschimenti.Prossimo appuntamento domenica 20 novembre. Gradita conferma di partecipazione: – info@cfu.it – tel. 02.4522401 dal lunedì al venerdì con orario 9-12.30 e 14-17.30

Mostre

  • Fino al 19 gennaio 2017 all’Hangar della Bicocca: “Situations” , la prima retrospettiva dedicata da un’istituzione europea a Kishio Suga (Morioka, Giappone, 1944), figura chiave dell’arte contemporanea giapponese. La mostra, a cura di Yuko Hasegawa e Vicente Todolí, raccoglie nello spazio delle Navate di Pirelli HangarBicocca oltre venti installazioni realizzate da Suga dal 1969 fino a oggi. Per info http://www.hangarbicocca.org/mostra/kishio-suga/
  • Fino al 15 ottobre 2017 Il FAI ospita a Villa e Collezione Panza le opere di Robert Wilson. Il regista statunitense, drammaturgo, coreografo, pittore e scultore ha progettato per il FAI una mostra intensa che si muove all’interno e all’esterno della villa attraverso tematiche e capitoli corrispondenti a opere e tipologie di lavori differenti, alcuni pensati e realizzati proprio per questa occasione.•

No profit

  •  Giardini consapevoli: una iniziativa della società agricola ARIA, una cooperativa sociale operante a Roma nella produzione agricola biologica. Per informazioni www.ariacooperativa.org
  •  80 volontari di American Express impegnati “fuori sede” per un’insolita missione:il rispristino del meraviglioso Parco degli Acquedotti chiude degnamente il Programma Serve2gether 2016 di American Express e RomAltruista! Comunicato stampa

Nessun commento

nov 10 2016

Ritorno in Giappone. Piccoli particolari suggestivi

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Un piccolo cortile a Kyoto

Dopo quasi dieci anni sono tornata in Giappone, paese che mi era rimasto nel cuore e non solo per il fascino misterioso dei suoi giardini Zen ma anche per la gentilezza della gente e per l’attrazione verso una cultura così lontana e difficile da cogliere.
Questa volta ho girato molto in treno tra Kyoto, Tokyo, che ho apprezzato di più dell’altra volta per aver esplorato meglio alcuni quartieri così diversi tra loro, Kanazawa, che è un mix di antichi quartieri con case di legno, uno stupendo stroll garden e strordinari musei d’arte contemporanea e l’isola d’arte di Naoshima con i tanti musei progettati da Tadeo Ando e l’interessante progetto Art House. E poi ancora una sosta in una località termale un pò démodé dove ho potuto di nuovo godere dei bollenti onsen (bagni collettivi dove ci si immerge nudi dopo essersi a lungo lavati per non sfigurare di fronte alle signore giapponesi che passano una buona mezz’ora a lustrarsi sedute su bassi sgabellini!).
Comincio da alcune particolari affascinanti che si incontrano nei giardini e poi da alcune piante che mi hanno affascinato. Poi in altri post vi parlerò di alcuni giardini antichi, di quelli novecenteschi del grande paesaggista Mirei Shigemori e di alcuni luoghi d’arte.

Le pavimentazioni sono davvero straordinarie per la loro eleganza e raffinatezza. Questa è nel tempio Genko-an a Kyoto.

Funda-.in Temple a Kyoto

Ginkakuji tempio d’argento, a Kyoto

Ohkouchi sansou garden, Kyoto

Uno dei bellissimi ponticelli bordati di muschio a Katsura Imperial Villa, Kyoto

Una delle raffinate recinzioni in bamboo a Katsura

Una delle tante recinzioni in bamboo, piccoli capolavori di artigianato.

Un bel portale sempre di bamboo

Un delizioso Ikebana in un negozio

Soprattutto a Kyoto le pasticcerie sono una vera meraviglia…con dolcetti belli e anche buoni

Spesso nei giardini si incontrano queste piccole pietre avvolte da uno spago: stanno a indicare il limite del giardino aperto agli ospiti e visitatori. Un modo delicato e gentile per tutelare la privacy e l’intimità.

 

 

Un commento presente

nov 10 2016

Giappone: dagli antichi giardini Zen alla moderna reinterpretazione di Mirei Shigemori

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Hojo Hasso Garden tofukujii temple, Morei Shigemori : giardino a nord

Il contributo più originale del Giappone all’arte dei giardini è senza dubbio quello dei karesansui (da kare, povero o secco e sansui, montagna-acqua), i giardini secchi solo da contemplare che rappresentano la massima rarefazione del paesaggio e una immagine simbolica della natura. Il tema dell’immutabilità, della dottrina Zen, si manifesta con l’estromissione di quasi tutti i componenti vegetali trasformando gli elementi minerali (sabbia e pietre) in protagonisti assoluti della scena. Le prime tracce di questi giardini risalgono all’epoca Heian (794-1185) e il termine compare per la prima volta nel trattato Sauteki, ove viene definito come “un luogo senza acqua nè stagni in cui si ergono pietre”. Tra i giardini secchi dell’epoca Muramaki, il più sorprendente per la sua totale astrattezza è Royanji, il tempio del quieto drago, della fine del 1400: un semplice rettangolo delimitato su due lati  da splendidi muri fatti di calce mescolata a olio caldo che forma sulla superficie straordinari disegni astratti e su un lato da una veranda dalla quale si può contemplare; la sabbia è rastrellata in linee parallele e su di essa sono posate in un ordine perfettamente studiato 15 pietre disposte su aree di muschio e circondate da cerchi concentrici di sabbia.

Ryoanji temple

Ryoanji temple

Un esempio molto particolare di giardino di sabbia è quello più recente del Tempio del padiglione d’argento (Ginkaku-ji), risalente al periodo Edo (1615-1868) con una distesa di sabbia bianca rastrellata in strisce parallele e un sorprendente tronco di cono a simboleggiare rispettivamente il mare e il Monte Fuji.

Il giardino secco del Padiglione d’argento

Giardino secco del Padiglione d’argento

Il giardino paesaggistico del Padiglione d’argento

Un altro esempio molto famoso di karesansui è quello del tempio Ryogen-in nel complesso di Daitokuji dell’era Muramaki

Ryogen in Temple

Nel 1900 Mirei Shigemori, il più illustre paesaggista e restauratore di giardini zen ha rivisitato con uno straordinario linguaggio moderno alcuni giardini zen. Il suo capolavoro, quasi un compendio del giardino moderno giapponese è il progetto realizzato nel 1939 per i quattro giardini del tempio Tofuku-ji a Kyoto. Il primo giardino a sud è composto da 4 pietre che rappresentano le isole degli immortali e da una linea diagonale che divide la parte di muschio da quella di sabbia; il giardino a ovest, ispirato ai campi di riso, presenta un semplice disegno con cordoli di pietra che descrivono una scacchiera riempita di sabbia bianca e masse di azalee in forma di parallelepipedo. Il più famoso, diventato quasi un’icona, è il giardino a nord con il muschio e le pietre quadrate che formano un disegno a scacchiera. L’ultimo giardino a est presenta blocchi di pietra troncati su un letto di sabbia.

Hojo Hasso Garden tofukujii temple, Morei Shigemori : giardino a sud

Hojo Hasso Garden tofukujii temple, Morei Shigemori : giardino anord

Hojo Hasso Garden tofukujii temple, Morei Shigemori : giardino a ovest

Un altro giardino di Shigemori è quello del tempio Zuiho-in del complesso di Daitokuji risalente agli anni sessanta.

Zuiho in Temple

Zuiho in Temple

L’ultimo lavoro di Morei Shigemori è del 1975 all’interno del tempio shintoista Matsuo Taisha e fu completato dal figlio dopo la sua morte; nonostante sia considerato il suo capolavoro a mio avviso non raggiunge la bellezza e armonia dei suoi lavori precedenti. Alcuni particolari come i bordi di cemento dei laghetti risultano poco eleganti e nell’insieme il progetto contiene troppi elementi minerali non sempre in armonia fra loro.
Il più intrigante a mio avviso è il giardino ispirato ai paesaggi naturali, con bamboo e pietre.

Matsuo Taisha, Morei Shigemori

Il giardino ispirato al periodo Kamakura con un lago e un’isola al suo centro

 

 

Nessun commento

nov 10 2016

Giappone: giardini di passeggio antichi e moderni

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

ohkouchi sansou garden: un quadro sul paesaggio

Kyoto è soprattutto una città di templi e di giardini: se ne contano migliaia sia shintoisti che prevalentemente buddhisti. Ogni tempio buddhista è come un mondo a sè stante costellato da una successione di sotto templi ciascuno con i suoi giardini. Ma oltre ai templi ci sono i giardini imperiali e tra questi uno dei luoghi culto della città è Katsura Imperial Villa, che prende il nome dal fiume omonimo e che fu edificata nella prima parte del 1600 dal principe Toshihito e dal figlio Noritada come un insieme di piccole architetture (padiglioni del tè e la villa imperiale) che si affacciano su un laghetto centrale. Le architetture della villa sono state studiate, amate e fonte di ispirazione per l’architettura occidentale del novecento. Il giardino, stupendo e armonioso, è un tipico esempio di giardino di passeggio, una sorta di partitura di scene che, a diverse velocità ritmano lo spazio intervallato da lente pause. Italo Calvino ne parla come un giardino “in cui l’armonia interiore si raggiunge seguendo passo a passo il sentiero e passando in rassegna le immagini che si presentano alla vista. Qui è il percorso la ragione essenziale del giardino” (da “Collezioni di sabbia”, 1984).

Katsura Imperial Villa

Katsura Imperial Villa

katsura imperial villa

katsura imperialvilla: vista di uno dei padiglioni del tè

katsura imperial villa: viste del giardino dall’interno di uno dei padiglioni. Uno stretto legame fra dentro e fuori che dona al visitatore sempre differenti viste.

La semplicità dell’edificio che ospita la villa imperiale.

Un altro esempio molto interessante di giardino paesaggistico, da godere camminando, è Kenrokuen garden a Kanazawa, considerato uno dei più belli del paese, il cui nome significa letteralmente “Giardino delle 7 sublimità”. Costruito durante due secoli dalla metà del 1600 al 1800 venne aperto al pubblico nel 1872 e contiene tutti gli elementi tipici dei giardini di passeggio giapponesi, acqua, ponticelli, lanterne, pietre, vedute, alberi e arbusti fioriti.

Kenrokuen garden Kanazawa

Kenrokuen garden Kanazawa

Kenrokuen garden Kanazawa

Kenrokuen garden Kanazawa: una delle tante giardiniere all’opera per estirpare a mano delle erbe infestanti dal tappeto di muschio.

Una deliziosa sala da tè affacciata su uno dei laghetti del giardino di Kanazawa

Spesso i templi ospitano, oltre ai giardini secchi (karesansui) piccoli giardini ombrosi da percorrere su piccoli sentieri con ciottoli: sono luoghi molto suggestivi dove il prato è sostituito dal muschio che con le sue ondulazioni rende dinamica la superficie del giardino.

Un esempio è quello di uno dei templi del complesso di Daitokuji sempre a Kyoto.

L’ingresso al tempio Koto in del complesso di Daitokuji

Giardino di Koto in Temple

Koto in Temple

Ancora a Kyoto una meta fuori dai soliti percorsi turistici è il piccolo museo dei netsuke, piccole sculture spesso di avorio, legno o di ambra che raffigurano divinità, animali e personaggi curiosi: l’emblema della raffinatezza e della preziosa artigianalità giapponese. Il museo è ospitato in un bellissimo edificio antico e all’esterno ha un piccolo giardino molto suggestivo.

Uno scorcio del giardino del Netzuke Museum a Kyoto.

Un altro esempio, moderno questa volta, di giardino paesaggistico è quello della villa Ohkouchi Sansou, la residenza di un attore progettata negli anni cinquanta del Novecento.

Ohkouchi sansou garden, Kyoto

Ohkouchi sansou garden

Ohkouchi sansou garden

Nessun commento

nov 10 2016

Giappone: La vegetazione

Pubblicato da in "plant design"

Trycirtis hirta

Purtroppo ad ottobre non è ancora tempo di foliage, in compenso abbiamo avuto un clima molto favorevole con temperature quasi estive e mai una goccia di pioggia.
Bellissimi alberi: tante canfore, podocarpus, aceri, cornus, e pini stupendi (nigra, thunbergii, densiflora), zelkowa, stewartia…; tra gli arbusti oltre ad azalee e rododendri in grandi forme arrotondate, molte callicarpa piene di bacche violette, Lespedeza thunbergii, indigofere, osmanthus e olea e tra le erbacee tanti tanti anemoni giapponesi e trycirtis in piena fioritura. Molti arbusti con fioritura invernale, calicantus ed edgewothia e molto altro ancora…Ovviamnte foreste intere di altissimi bamboo molti dei quali Phyllostachis edulis.
Un luogo davvero suggestivo – che varrebbe la pena di visitare all’alba in modo da poterlo vivere in silenzio e solitudine -  il Bamboo grove nel distretto di Arashiyama a Kyoto.

Bamboo grove kyoto

Bamboo grove kyoto

Bamboo grove kyoto

Grandi forme topiarie di azalee nel Kenrokuen garden a Kanazawa.

Nell’antico giardino Zen di Funda in Temple una bellissima composizione con rocce e forme topiarie arrotondate.

Le caratteristiche forme a nuvola dei pini a Katsura Imperial Villa

Un esemplare stupendo di Tenstroemia gymnanthera ‘Beddome’, un arbusto parente delle camelie che fiorisce in estate.

Un antico esemplare di Karasakinomatsu Pine nel Kenrokuen garden a Kanazawa.

Pinus densiflora Kenrokuen garden Kanazawa

Olea fragrans rubra Kyoto

Siepe di Podocarpus sp.

Cinnamonum camphora a Tokyo

Callicarpa dichotoma

Un tocco di rosso in questa bella composizione con Enkianthus perulatus e Nandina domestica, entrambi arbusti molto usati.

Un abbinamento da copiare con Loropetalum chinensis e Abelia grandiflora.

A kyoto a metà ottobre le strade di un vecchio quartiere erano piene di vasi di Eupatorium sp.Qui in un tempio shintoista una festa

Ho incontrato molti Hibiscus mutabilis a fiore doppio

Il momento dei crisantemi e molti in questa foggia stravagante

Una composizione interessante con Anemone Prinz Heinrich e Trycortis hirta.

Ligularia tussilaginea argentea variegata

Sasa veitchii

Kanazawa, uno dei quartieri antichi

Piccoli dettagli

Composizioni molto delicate

Un’aiuola davanti al nostro albergo a Kyoto

Una squadra di giardinieri al Ryoanji Temple a Kyoto

 

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento

nov 10 2016

Giappone: architetture e arte

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Grande zucca: scultura di Y Kasama a Naoshima

Un viaggio non solo tra gli antichi giardini giapponesi ma anche alla scoperta delle nuove architetture a Tokyo e degli straordinari musei a Kanazawa e sull’isola d’arte di Naoshima.
Tokyo è una città immensa piena di contrasti, come tutto il Giappone, fra moderno e antico, fantasmagorici quartieri illuminati di neon e antichi quartieri con casette di legno.

Vista della città dalla Torre Mori, sede di un museo al 53° piano

tokyo: il quartiere di Shinjuku di sera

Lungo la via della moda, Omote Sando, molte interessanti architetture tra cui quella di Prada firmata Herzog de Meuron

Tokyo: il quartiere Yanaka non lontano dai grandi musei

Tokyo Yanaka

Museo 21 Design Sight Tadao Ando a Tokyo

Un’opera di Jan Fabre “The man who measures the clouds” sul tetto del 21st Century Museum of contemporary art a Kanazawa, opera dell’architetto Kazuyo Sejima. Un museo che ha dato nuovo impulso alla città di Kanazawa.

Uno degli interni del museo.

The swimming pool di Leandro Erlich, una delle attrazioni più sorprendenti del museo: la superficie dell’acqua rappresenta una sorta di interfaccia tra le persone che guardando di sopra e quelle di sotto.

Una parete vegetale di Patric Blanc

Museo Suzuki Kanazawa, opera dell’architetto Yoshio Taniguchi dedicato al filosofo Zen D.T. Suzuki

Museo Suzuki Kanazawa

Naoshima è una delle tre isole d’arte nel mare interno Seto che assieme a Inujima e Teshima fanno parte del progetto Triennale d’arte; sono tutte isole ex industriali protagoniste di uno straordinario progetto di ristrutturazione che le ha trasformate in luoghi d’arte con affascinanti architetture, musei e progetti artistici nelle antiche abitazioni. Le isole sono raggiungibili con un breve percorso in traghetto da Uno Port, a circa un’ora di treno da Oakayama. Io sono riuscita a visitare solo Naoshima, la più grande dove Tadao Ando ha lavorato per circa 20 anni.

Isola di Naoshima

Benesse art museum naoshima

Benesse House Museum

Benesse House Museum

Richard Long Benesse House Museum

 

Interno del Chichu Art Museum, direi il luogo più interessante dell’isola con tre opere collocate in maniera fantastica: la stanza con le ninfee di Monet, quella con le sculture di Walter De Maria e quelle con le installazioni luminose di James Turrell.

Richard Long Chichu Art Museum

Lee Ufan museum isola di Naoshima

Lee Ufan museum isola di Naoshima

 

 

 

Un commento presente

nov 10 2016

Dal mondo delle riviste. Novembre 2016

Pubblicato da in "News"

Acer n. 5/2016

  • Il giro del verde in 360 giorni
  • Mettiamo il prato in comune
  • Focus Verde urbano 2016
  • La luce della Smart city

Arcipelago Milano

Gardenia dicembre 2016

  • Arte Sella in autunno
  • Uno storico prestato ai giardini di P. Peyrone
  • Kolymbehria
  • Dahlia imperialis
  • Abelia chinensis di A. Perazzi
  • Un ricordo di Libereso a cura di E. Rosa-Clot
  • Aceri
  • Giardino di ombra e luci
  • Orchidee profumate

Gardens illustrated decembre 2016

  • Community gardens
  • Giardino di paesaggista in Olanda
  • Come far invecchiare un giardino con il planting
  • Eriche invernali
  • PianPlants in autumn
  • Industrial revolution

La mela cotogna settembre 2016
http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2016/11/melasettembre2016piapera.pdf

Milano to-day

 

Nessun commento