Post di giugno, 2014

giu 13 2014

Royal Horticultural Society Chelsea Flower Show. “Soft Chelsea” by Michaeljon Ashworth

Sono veramente contenta che il mio caro amico Michaeljon, raffinato storico dei giardini e appassionato botanico, abbia accettato di scrivere per il mio blog e per i miei lettori un post di riflessioni sull’ultima edizione del Chelsea Flower Show. Sono come leggerete, e mi scuso ma ho pensato che la traduzione avrebbe sacrificato la spontaneità e l’ironia di Michaeljon, delle riflessioni molto personali e acute sul significato degli show gardens con qualche interessante proposta per il futuro.
MJ mi ha mandato qualche foto ma se volete avere una panoramica di tutti i giardini che sono stati esposti potete consultare il sito http://www.rhs.org.uk/shows-events/rhs-chelsea-flower-show

I am at home in rosey June reading the notes I made at Chelsea Flower Show. Was it good? Yes, it was. Did I enjoy it? Yes,I did. Was there anything new or different in a significant sense? Yes, there was. I am not sure if I can define it but “soft” seems right as strong encounters with world famous designers were absent and new entries making gardens for the very first time were noticeable and in quantity. I shall name them later as these notes are a series of reflections made at the show (and revised later) and the names mean little this year but maybe, in the future… Soft also suggests to me material that can be formed into something new and different. Yes I saw raw material and young designers and above all everything I would expect to see at the “Greatest Flower Show” on earth. I am never certain I believe that but it is part of the mythology and legend of the event. A social and media event. Champagne tents and three hours a day on television thanks to the BBC gardening people.
I’ll go with media and feel safe to write freely as this year’s episode of the Chelsea “soap” is over. I am addicted but with once a year transmission I feel no particular problem! I go for the atmosphere, sense of occasion, shopping, oh! Yes, and the gardens and flowers too! I go to remind myself just how high the standards and quality are. English gardening is about horticulture over design and with the vast array of plants available I sometimes dream of “plant free” gardening for designing with something alive and growing means that the biggest element in the garden design is TIME. Chelsea is an illusion set up from May 1st for just one week when real gardeners know that in real gardens we have a year of seasons and weather annually.
Back to Chelsea which stimulated all these thoughts. Its real marvel is The Great Pavilion with the floral and nursery displays. The whole gardeners’ world creates stands and the colour, the variety, rarity and novelty seem too much at the tired end of a long day. Too much until I imagine less. Chelsea has enchanted me for many years and seeing anything related to gardens is a very big part of my life. The whole point of Chelsea is that it is too big, too crowded, too rich, too much and too impossible. I go to look at the other side of gardening where I never want to be. In English we have the expression: “to see how the other half lives” well at Chelsea I see how the other half gardens.
Now. I had a big question with me at Chelsea. Here is the question. “When is a garden not a garden?” Answer: “When it is a Show Garden. The problem about my question rests with etymology. Most English houses have “gardens”. Sometimes made by “Capability” Brown and sometimes by Ikea. Most English gardens have houses. Sometimes (well once) called “Buckingham Palace” and sometimes called number 7. There simply is not enough words to give one to each scale or style of garden. Therefore a definition of “garden” probably requires a book.
I saw 16 Show Gardens at Chelsea this year. How many can I remember? The answer is few. They are all the same size (10x20m) and with this week in mind tend to have a very similar range of plants and flowers. They are also designed to be full of interest (or just full) and therefore crowded. Their design becomes a question of organisation and their difference becomes a question of what the sponsor can afford by way of artefacts, sculpture, water features and archistructure.
I saw 16 high quality creations designed to last a whole week. I saw a fascinated crowd around each one and television cameras. The name “Show Garden” seems magnetic. “Show” is easily their purpose and they also showcase their designers. But garden? First of all the word garden and how much do the show versions agree with it? As far as I am concerned any garden worth visiting is a work of art and unique because I can actually penetrate it and move around inside it ( and take photographs!!!). Come on. How many of you dear readers remember the scene in Mary Poppins when they jump into and move around in the fantasy landscape? I’d love to jump into a Chelsea Show Garden even without Mary Poppins.
I feel that in the broadest design terms a garden is a balance between Space and Enclosure. Open and enclosed areas. Parts enclosed are hidden until discovered through exploration with surprise. What a garden contains is not important it is how it is incorporated and why it is chosen that matter. Plants are there, artefacts and maybe sculpture (be warned! the high price of quality sculpture tempts people to use rubbish- even at Chelsea so it is the sculptural use of objects which can be low value that is more likely to be successful.) In a real garden and one less grand than Chelsea there is furniture, toys, pet animal houses, rubbish containers, laundry (perennial), barbecues, jacuzzis and dare I say it ?People. The life of the family fertilises the garden. The family! Ah , yes! A garden should contain a house. Ok. In the case of a houseless show garden I would say that the show garden should convey the location of its absent house and declare its orientation and position.
We can’t have houses and hidden enclosures and people at Chelsea and I have never seen a football. I wonder if the new generation of Chelsea gardeners will make things different? If a show garden occupied two adjacent plots then we could immediately walk through it and penetrate it. If a raised viewing platform were made then there could be secret enclosure. Soft gardens is good. It is where I am at ease. Young designers! In particular I call to the twentysomething brothers , Harry and David Rich because I loved their evocation of their native Wales in 2013 (not a show garden) and this year they created a naturalistic homage to the night sky. Well, I failed to notice the night sky but the naturalistic planting was refined. In twenty years they will be the age of Luciano Giubbilei (Chelsea’s adopted Italian) who won gold medal and best show garden. Two not very surprising Chelsea awards but don’t go away Rich brothers. In 30 years the age of Cleve West who produced the boring show sponsor’s garden. Boring because every year there is a garden like this “Paradise” garden. Dear Cleve please note that if a garden is called Paradise that is what I expect to see. I just saw a dry garden with a stone fountain at the centre. The other young designer is Hugo Bugg who for The Royal Bank of Canada created one of the few gardens that contained excitement. He bravely changed levels and built elevated walkways and seating areas with a lot of water. I liked his geometry which was not very soft but the provision of ways of human movement (although not permitted) is very soft and human.
Luciano’s garden was soft through its contemplative planting and there was enough evidence that when the crowds went home the atmosphere would come out to play. The Rich brothers were soft and naturalistic and for the rest there was the softness of easy to interpret similarity. Similarity for me suggests another future line for Chelsea. Why not make the show gardens a competition?
They are all the same size. If the designers ,who access the same plant material (supplied by Crocus), had a similar budget and a theme to interpret then I am convinced that the resulting gardens would look more different than they do now!
The show gardens I saw follow the same pattern every year. They are vitrines of condensed garden making on view from two sides. Like plant acquariums which I believe are called terrariums. They are not “gardens” as in real gardens but they are designed gardens, contain gardened material and are made by garden designers. Like pictures at an exhibition in three dimensions- which I would call sculpture – they fill a gallery (the Flower Show in the grounds; actually football grounds , of the Royal Hospital). They attract enormous crowds (180,000) and the design apart are variations on late spring gardening meeting the promise of early summer.
I saw everything familiar and expected at Chelsea. The English gardening tradition has produced another crop of roses, alliums, lupins and delphiniums. I saw some “beginner” Chelsea designers (a new person in English is a “newby”) in their twenties adding an important note to the cv. This could change the direction of the Chelsea soap. The big designers don’t need to be here but could be invited as guest designers. This is not after all a design show but a flower show. Horticulture is top. To the new designers I wish good luck. Useful in a soap. How they handle and maintain the Chelsea tradition is important. We wave bye bye to conceptual and vertical gardens. They are not part of the tradition. I welcome new hands and ideas to make good horticultural gardens that I will want to see in the future. Safe hands for the next 100 years of the RHS Chelsea Flower Show!

Luciano Giubbilei a Garden of contemplation

Hugo Bugg (age 27) theme for managing storm water via geometry

Hugo Bugg

Hugo Bugg

Nessun commento

giu 13 2014

Donne di fiori a Bucolica 2014

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

La seconda edizione di Bucolica che si tiene nella stupenda location di Villa Castelbarco a Vaprio d’Adda è stata il teatro di una esposizione di dieci piccoli progetti di giardini effimeri a firma di alcune paesaggiste coordinate da Silvia Ghirelli che ha curato anche l’allestimento della sala destinata al ristorante con una serie di bellissimi platani della varietà Platanor ‘Vallis clausa’ forniti dal vivaio Mati di Pistoia che sembra essere immune dal fatidico cancro dei platani.
Ecco alcune immagini della manifestazione che si conferma molto bella e raffinata con una serie di espositori di oggettistica indoor e outdoor e di molto altro ancora. Il parco della villa merita da solo una visita per lo stupendo lunghissimo viale di tigli e per due monumentali Magnolia grandiflora potati a cono.

Materassi creativi!

Materasso vasca da bagno

Attrezzi da giardinaggio

Vasi di teak

Gheo Clavarino Grass/Glass: su una pacciamatura di vetri di bottiglie rotti qualche tocco delicato di Nigella damascena

Silvia Ghirelli Teatime

Alessandra Caglio Ricucire la natura

Sara Biondi sentieri nel grano

Alessandra Bonetti e Donata Andreutti Panta Rei

Claire Littlewood Evviva

Marcella Zan

Riposa giardino, installazione di Antonella De Nisco

Sala ristorante con platani a cura di Silvia Ghirelli

Nessun commento

giu 13 2014

Verde comunitario a Milano

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Vorrei segnalare, a chi non le conosce, due interessanti iniziative che vedono in prima linea gruppi di cittadini, riuniti in associazioni, allo scopo di dare vita a giardini e parchi a Milano.

Parlo dell’Associazione Parco Segantini (www.segantini.it) che ha iniziato, attraverso una convenzione con il comune di Milano, un progetto di rivitalizzazione del parco ex sieroterapico a cavallo dei Navigli. I primi lavori sono stati la ripavimentazione del percorso che fronteggia il nuovo complesso residenziale e il completamento del filare di tigli con aggiunta di un doppio filare di Prunus padus, la realizzazione dell’impianto di irrigazione. Il nuovo progetto approvato dal comune e che ha recepito buona parte delle proposte dell’Associazione Parco Segantini, e in particolare:

-       la creazione di un’area naturalistica lungo la roggia Boniforti, che abbiamo battezzato “Oasi in città”
-       l’organizzazione di 3 aree ad orti collettivi a gestione unitaria, denominate “Giardini edibili”
-       l’individuazione di un’area in lieve declivio naturale in cui realizzare una struttura dedicata ad esibizioni musicali
-       la collocazione di una stuttura-giocone che possa diventare il simbolo del parco.
Ecco alcune immagini

Il viale dei tigli con il percorso in stabilizzato

Il manifesto del Parco Segantini

L’altra iniziativa è quella del Comitato Ponti che ha iniziato – su progetto del paesaggista Emanuele Bortolotti – un percorso molto vivace e condiviso di rivitalizzazione di uno spazio verde in via Ponti attraverso una convenzione con il comune di Milano che ha affidato al Comitato di cittadini la gestione del giardino, chiamato Giardino nascosto.

Ecco alcune immagini

Giardino nascosto Comitato Ponti

Il progetto firmato da Bortolotti

Le prime piantumazioni di arbusti e perenni

Un angolo di relax

Nessun commento

giu 13 2014

Festival del verde e del paesaggio edizione 2014, di Michela Pasquali

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Ecco un bel resoconto del Festival dell’amica paesaggista Michela Pasquali di Linaria rete:
Decisamente il Festival del Verde e del Paesaggio non è solo un’esposizione di piante e fiori o di attrezzatura e arredo da giardino. E’ ben lontana anche dall’essere solo una bella mostra sulle tendenze e le mode del momento. E’ senz’altro di più. Intanto la sede: è ospitata nel Parco Pensile dell’Auditorium Parco della Musica, quello progettato da Renzo Piano, una delle realtà culturali più importanti di Roma. Ma a mio parere l’aspetto più interessante e che distingue questa manifestazioni da tutte le altre è proprio la dimensione culturale che ben si mescola con la parte anche commerciale dell’evento. Gaia Zadra, l’ideatrice della manifestazione, insieme all’artista Ciriaco Campus, fin dalla prima edizione nel 2010 ha coinvolto diversi docenti di architettura del paesaggio, tra i quali Franco Zagari, Fabio Di Carlo e Franco Panzini che sono responsabili dei tre diversi concorsi dove paesaggisti, architetti e botanici hanno la possibilità di raccontare alcune delle più innovative visioni su giardino e paesaggio.

Così anche quest’anno abbiamo visto nove balconi diversi, progettati e costruiti da giovani che hanno partecipato al concorso dedicato agli under 30. Poi altri sette allestimenti per il concorso Avventure Creative, giardini ispirati al complesso tema di quest’anno, innamorarsi in giardino, e poi le ormai notissime Follie d’Autore, curate da Franco Zagari che invita a ogni edizione paesaggisti e architetti sempre diversi per ideare e realizzare, in piena libertà, installazioni di paesaggio. L’atmosfera che si respira è si di chi cerca qualche pianta, libro, arredo per completare il proprio spazio verde, ma è soprattutto pieno di persone che si scambiano opinioni, si conoscono, collaborano, partecipano…

Insomma tre giorni intensi, dal 16 al 18 maggio, con laboratori, consulenze, workshops, incontri, spettacoli e presentazioni, oltre al concorso letterario Racconto breve sotto le foglie che raccontano i molteplici linguaggi del mondo dei giardini e del paesaggio. Ma gli appuntamenti sono tanti e troppo numerosi per essere tutti elencati qui e ridotti a un semplice elenco di nomi e titoli, raccomando quindi la visita, per quest’anno, alla pagina web dedicata e dall’anno prossimo consiglio un viaggio a Roma per la quinta edizione del Festival. Un bel modo per farci riflettere sul ruolo e l’importanza del verde in città e sollecitare tutti noi, progettisti o meno, a immaginare nuove idee, tipologie e tecnologie da adattare e adottare nelle nostre case, sui terrazzi, nei giardini e cortili, ma anche nello spazio pubblico.

Foto 1: WorkOut di Stefania Politi

Foto 2: aLtrOVE…Oltre l’essenza di Giulia Attardi, Eufemia Giannetti, Elisa Lumaca, Lorenzo Felicioni

foto prese da www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it/

 

 

 

 

 

Nessun commento

giu 13 2014

Dal mondo delle riviste

Pubblicato da in "News"

Acer 3 2014 Anteprima

  • Novità in anteprima su I maestri di paesaggio
  • Riconversione di brownfield a Torino
  • Campi da golf e biodiversità
  • Sostenibilità nel Parco dei Nebroidi
  • Il vivaio Giorgio Tesi group
  • Irrigazione sostenibile
  • Il piano di manutenzione di opere a verde

Arcipelago Milano

Gardenia, giugno 2014

  • Tra design e natura: un giardino firmato dalla paesaggista Cristina Mazzucchelli a Milano, pag 26
  • Viva i falsi gelsomini, pag 58
  • L’esuberenza a bita qui: un orto giardino sui colli intorno a Bologna, pag 66
  • Leggiadre sanguisorbe, pag 74
  • Il giardiniere falegname: come costruire una seggiola di cedro, pag 89
  • Inserto Piscine e giardini

Gardens Illustrated, june 2014

  • L’uso delle rose nei mixed border a cura di Arne Maynard, pag 46
  • 12 piante preferite dalla paesaggista Penelope Hobhouse, pag 56
  • Centaurea, pag 62
  • Un giardino wild del paesaggista Frank Schroeder, pag 72
  • Piante di giugno
    Persicaria fennica

    Nepeta kubanica, una nepeta gigante alta più di un metro

    Tropaeolum majus ‘Hermine Grashoff

Newsletter Scuola Agraria Parco di Monza giugno 2014

Topscape 16 2014

EXPO LANDSCAPE •

ITALIA: MILANO • Edoardo Guazzoni, Paolo Rizzatto, Sandro Rossi,
Bodin & Associés •

GERMANIA: AMBURGO • RMP Stephan Lenzen Landschaftsarchitekten •

AMBURGO • Topotek1 •

BERLINO • geskes.hach Landschaftsarchitekten •

GERMANIA: LOBAÜ • hutterreimann Landschaftsarchitektur •

• CITY LANDSCAPE •

CINA: CHONGQING • Martha Schwartz Partners •

FRANCIA: NIZZA • Péna Paysages – Christine e Michel Péna •

ITALIA: MILANO • Inside Outside – Petra Blaisse •

OLANDA: HAARLEM • wUrck •

• WATER ‘SCAPE •

STATI UNITI: NEW YORK • Thomas Balsley – Thomas Balsley Associates
e Weiss/Manfredi •

• RIVER LANDSCAPE •

ITALIA: SONDRIO • Ferdinando Gattirola -
Stelline Servizi Immobiliari S.p.a.,

Andreas Kipar e Giovanni Sala – LandS.r.l. •

Nessun commento

giu 13 2014

Foto di amici

Pubblicato da in "News"

Da Giuseppe Preatoni Stipa piangente

Stipa tenuissima

Da Flavia De Petri dal bellissimo giardino di Pia Pera, che mi piacerebbe tanto vedere

Nuvole di Cotinus

Sempre da Flavia alcune immagni dai suoi giri a piedi qui e là

Nessun commento

giu 13 2014

Bangsbo Botanical Garden di Isabella Boila

Ecco la mia inviata in Danimarca che ci parla, attraverso le immagini,  di un nuovo interessante giardino botanico in Danimarca a Frederikshavn: 18.000 mq di rose, bulbi, aromatiche, giardino alpino in  tufo, laghetti, orti e frutteti.

 

Giardino alpino in tufo

Primule candelabro

Il giardino dei frutti e delle bacche importati in Danimarca

Gunnera manicata

 

 

Nessun commento

giu 12 2014

News in tema di convegni, fiere, libri, siti web e altro ancora

Pubblicato da in "News"

Concorsi

  • Ecco alcune delle rose premiate al 50° concorso delle rose alla Villa Reale di Monza. Responsi della giuria

    1° premio altre categorie 2014

    1° premio Floribunde + La piu bella Rosa Italiana + Rosa per l’arredo urbano

    1° premio HT 2014

    Premio Rosa dei Giornalisti 2013 – MARIANGELA MELATO

Corsi e convegni

  • 15 giugno convegno “Dalla selva al giardino: quale futuro per il verde lariano?”.a Moltrasio a cura della Società Ortofloricola comense. Programma
  • 22 giugno, “Aromatiche: odori, profumi e rimedi salutari direttamente dalla natura”, Ristorante Aqua Crua a Barbarano Vicentino. Programma 
  • 23 giugno dalle 19 alle 22 42°  Lunedi Sostenibile-network for greener cities

    c/o giardino collettivo Pepe Verde, in via Guglielmo Pepe, a Milano (metrò Garibaldi)
    L’incontro è gratuito e non occorre prenotare
    Interverranno:
     Antonio Barletta, del gruppo torinese UrBEES che da anni monitora attraverso il miele lo stato dell’inquinamento di Torino. In giugno UrBEES ha smielato più di 100 chili di miele,  cento chili di informazioni sullo stato della città.  A Torino  il miele prodotto risulta sano, oltre che buono. UrBEES offre assistenza a chi vuole ospitare una arnia urbana, e idealmente  l’esperienza si può estendere a Milano, Antonio ci dirà le strategie da adottare.  https://www.facebook.com/ProgettoUrBEES
    L’apicultore milanese Mauro Veca
     ci racconterà cosa sta succedendo a Milano, i legami con UrBEES. In particolare ci racconterà il progetto Apepè, dedicato ai  bambini, come  lui dice Apepè è: “la gioia che si prova nei momenti più  felici, è ricevere il regalo più bello della nostra terra, il cibo e il colore dei fiori. Con le api si impara a vincere la paura e si diventa adulti nel rispetto della biodiversità . http://ilmieledielia.wordpress.com/
    Geraldina Strino ci illustrerà  come aderire ad “effetto farfalla”, 
    progetto per favorire la diffusione delle farfalle in ambito urbano. Si tratta di formare oasi di fiori adatti alle farfalle contribuendo così a creare per loro dei corridoio urbani. L’oasi si può segnalare sulla mappa  con l’applicazione Bridge the gap e si potrà monitorare l’avanzamento delle farfalle. Il progetto è coordinato da Gustavo Gandini, docente di genetica della conservazione Facoltà di Medicina Veterinaria di Milano, residente della fondazione Trust  the forest, Gianumberto Accinelli, etnomologo fondatore di EUGEA, spin off dell’Università di Bologna e da Geraldina Strino che segue i progetti per le scuole. http://www.effettofarfalla.net/progetto.php
    L’agronomo Davide Ciccarese racconterà le prodezze delle coccinelle a difesa degli orti
     e si renderà disponibile a rispondere alle domande degli ortisti . Davide porterà il suo ultimo libro Il tuo balcone uscito per De Agostini
    L’incontro si svolge nell’ospitale giardino collettivo Pepe Verde
      un giardino nato dall’asfalto per il forte e determinato volere degli abitanti del quartiere Isola  con il supporto del Comune di Milano. I protagonisti di Pepe Verde ci racconteranno il processo che ha reso possibile il fiorire di questo centralissimo giardino autogestito .http://isolapepeverde.wordpress.com
    Segue momento conviviale con free drinks
  • 26-30 agosto 2014 Summer school Emilio Sereni VI edizione“Il paesaggio agrario: letture e interpretazioni”. Programma: http://www.istitutocervi.it/2014/04/12/summer-school-emilio-sereni/
  • 20-21 settembre 2014 International Meeting I Maestri di paesaggio a Bergamo. Quest’ano saranno presenti i paesaggisti: Stig Andersson, Pablo Georgieff Co.lo.co, Mikyoung kim(USA), Ugo Morelli (IT), Ulf Nordfjell (S), Antonio Perazzi (IT), Best in Show al Chelsea Flower Show 2014. Inoltre Luciano Giubbilei terrà, insieme a Fergus Garrett capo giardiniere di Great Dixter, un talk guidato dal direttore di Gardens Illustrated. un Per informazioni http://www.arketipos.org/programma/international-meeting-al-teatro-sociale/

Fiere e vivai

  • Nel week end del 21 e 22 giugno la Rete degli Orti botanici della Lombardia apre le porte al pubblico organizzando laboratori, visite guidate, mostre ed eventi per scoprire le meraviglie delle piante dei suoi sette Orti botanici in regalo al pubblico partecipante un kit per coltivare sostenibile. Per prenotazioni, informazioni e dettagli dei vari appuntamenti consultare il sito www.reteortibotanicilombardia.it dove sono disponibili i programmi completi delle giornate.
  • 21 e 22 giugno Cancelli Aperti di Pollici Rosa, FIORI D’ORTENSIA, FARFALLE E PROFUMI, dalle 10 alle 19 presso la nostra sede di Via Vergine dei Mei 2 I tronco, Casenuove di Masiano, 51100 Pistoia,C/O Consorzio Ortovivaisti Pistoiesi. Mappa
  • 27 giugno alle 11 presso Ethimo, corso Magenta, Milano presentazione della prossima edizione di Orticolario dedicato alle visioni olfattive
  • 30-31 agosto, Tra pomi e fiori, mostra mercato di florovivaismo, artigianato e pittura botanica, Calvi dell’Umbria. Locandina 
  • 5-7 settembre sulle mura di Lucca Murabilia. Comunicato stampa
  • Dal 26 settembre al 5 ottobre Orticolario uscirà dai confini di Villa Erba e porterà suggestioni e idee creative per il paesaggio urbano anche a Como e in riva a Cernobbio, con la realizzazione di 5 installazioni di giardini. Comunicato stampa
  • 3-5 ottobre VI edizione di Orticolario a Villa Erba, Cernobbio (Como). Programma sul sito http://www.orticolario.it

Incentivi fiscali

  • Incentivi fiscali per i condomini che desiderano trasformare i lastrici solari delle palazzine urbane in giardini pensili. E’ stata dedicata al Verde Pensile la prima Delibera del Comitato per lo sviluppo del verde urbano (a cui è dedicata un’area tematica all’interno del sito del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, http://www.minambiente.it/pagina/comitato-il-verde-pubblico <> ) che individua le coperture a verde pensile come “strutture dell’involucro edilizio atte a produrre risparmio energetico”. Costituito in base a quanto previsto dalla legge 10/2013 sullo sviluppo degli spazi verdi urbani, il comitato composto da saggi ha il compito di indirizzare i regolamenti attuativi. “Al fine di favorire, per quanto possibile, la trasformazione dei lastrici solari in giardini pensili”, quindi, la delibera prevede che tutti coloro che desiderano trasformare il lastrico solare del loro condominio in un giardino sul tetto possano farlo accedendo agli incentivi fiscali previsti.

Installazioni

  • Un kilim di begonie sulla Grand Place. La diciannovesima edizione del celebrato Tappeto di Fiori sulla Grand Place di Bruxelles propone quest’anno un tema particolarmente interessante dal punto di vista estetico, oltre che di grande attualità per tutta Europa.È per celebrare un cinquantennio di immigrazione e integrazione turca a Bruxelles che la capitale d’Europa dedica la prossima edizione del celeberrimo Tappeto di Fiori (dal 14 al 17 agosto 2014) al kilim, uno dei simboli più noti della cultura e dell’artigianato anatolico. Comunicato stampa

Intorno a Milano

Libri

Dalla Libreria della natura giugno 2014

  • RHS THE URBAN GARDENER, JAMES, M.
    Garden designer, lecturer and broadcaster Matt James explores how to design an urban outdoor space, no matter the size or location – from balconies and roof terraces to courtyards, basement areas and front gardens, factoring in areas for relaxation, play and growing your own produce. There are 16 step-by-step projects including creating a ‘living’ green wall, planting under mature trees and making a gravel garden and 13 case studies showing great design in action, with examples from Tom Stuart-Smith, Charlotte Rowe and Christopher Bradley-Hole. Award-winning photographer Marianne Majerus provides the visual inspiration. Pagg. 224, cm 20×25, Euro 30
  • TAILLER ET SOIGNER MES ROSIERS – MASSIFS, ARBUSTES, GRIMPANTS, AA. VV.
    Les bases pour bien tailler : tailler ou pas, la bonne période, l’art de bien couper La taille rosier par rosier : rosiers buissons, rosiers rampants, rosiers-tiges, rosiers grimpants, rosiers anciens, rosiers botaniques, rosiers en pot. Les tailles particulières : vieux rosiers, gourmands, rosiers en haie, taille estivale. Planter et entretenir les rosiers : plantation, soins, maladies. Pagg. 64, cm 17×21, 10 €
  • THE PLANT LOVER’S GUIDE TO SALVIAS WHITTLESEY
    The Plant Lover’s Guides are a collection of full colour hardback books in which expert authors share their enthusiasm for and knowledge of popular garden plants. The series will grow into a handsome reference library that gardeners will treasure. This second book in the series focuses on salvias, which flower prolifically in a wide range of colours over a long period through summer and autumn. Pagg. 220, cm 21×23, Euro 27
  • ARBRES, WILLERY, D.
    Ce nouveau volume de la collection Ulmerium présente la gamme la plus large des plus beaux arbres pour les parcs et les jardins (feuillus et grands conifères) disponibles dans les jardineries et les pépinières spécialisées : – 1 200 espèces et variétés sont présentées par ordre alphabétique. – Des textes informatifs et pratiques pour connaître l’essentiel des origines et des particularités de chaque espèce mais aussi les informations indispensable pour faire le meilleur choix, déterminer le bon emplacement, les précautions de plantation ou des périodes et méthodes de multiplication. – 1 600 photos illustrent parfaitement les caractéristiques essentielles de chaque arbre : forme, silhouette, floraison, détail de feuillage, de l’écorce, ou des fruits lorsqu’ils sont eux aussi décoratifs. L’auteur a cultivé ou côtoyé les arbres décrits, ce qui lui permet d’attester ou non de leur intérêt pour les jardins d’aujourd’hui. Pagg. 320, cm 22×28, Euro 38
  • VITA SACKVILLE-WEST’S SISSINGHURST, SACKVILLE WEST V. & RAVEN S.
    From 1946 to 1957, Vita Sackville-West, the poet, bestselling author of All Passion Spent and maker of Sissinghurst, wrote a weekly column in the Observer describing her life at Sissinghurst, showing her to be one of the most visionary horticulturalists of the twentieth-century. With wonderful additions by Sarah Raven, Vita Sackville-West’s Sissinghurst draws on this extraordinary archive, revealing Vita’s most loved flowers, as well as offering practical advice for gardeners. Often funny and completely accessibly written with colour and originality, it also describes details of the trials and tribulations of crafting a place of beauty and elegance. Sissinghurst has gone on to become one of the most visited and inspirational gardens in the world and this marvellous book, illustrated with drawings and original photographs throughout, shows us how it was created and how gardeners everywhere can use some of the ideas from both Sarah Raven and Vita Sackville-West. Pagg. 400, cm 16×22, Euro 39
  • SOCRATE IN GIARDINO – PASSEGGIATE FILOSOFICHE TRA GLI ALBERIA. BELLA,
    Andrée Bella, da molti anni si occupa di filosofia intesa come modalità di trasformazione di sé e del mondo, cercando di alimentare una pratica ed una ricerca insieme esistenziale e professionale.Pagg. 128, cm 13×20, Euro 14

Londra

  • Tra i giardini in gara al Chelsea Flower Show di Londra il premio Best in Show è stato attribuito al Laurent-Perrier Garden progettato dall’italiano Luciano Giubbilei, che ha realizzato un giardini geometrico, dalla struttura semplice (il minimalismo è la sua cifra stilistica), giocando con struttura, luce e forma, con le tessiture delle piante e i riflessi dell’acqua: un giardino, nell’intenzione del suo creatore, che infonda un senso di pace e tranquillità ma inviti anche alla riflessione sui contrasti.
  •  I cittadini di Londra hanno dato il proprio ok alla realizzazione di un nuovo ponte giardino sul Tamgi, lungo 367 metri che collegherà Soutj bank e Temple. Il progetto, firmato da Studio Heatherwick, Dan Pearson e Arup sarà realizzato entro il 2017. Per info www.gardenbridgetrust.org

Dal Mondo dei giardini

  • A Villa della Pergola tra i fiori dell’amore: A giugno e luglio le fioriture degli Agapanthus, ma anche di Ortensie, Lantane, Oleandri e Buccinatorie. Comunicato stampa

    Foto di Fusaro

  • “In Nome della Rosa”. Grandi Giardini Italiani promuove anche per giugno 2014 la visita di ben 35 giardini del suo circuito, come occasione per conoscere o riscoprire importanti collezioni di rose antiche. Un invito speciale a scoprire le romantiche e straordinarie fioriture di rose all’interno del circuito dei Grandi Giardini Italiani, seguendo il ciclo di fioriture della rosa, differente a seconda delle regioni. L’itinerario dedicato alle rose nei Grandi Giardini Italiani coinvolge tutta l’Italia: va dal Trentino, con i fascinosi Giardini botanici di Castel Trauttmansdorff, al Veneto con il Viale delle Rose del Parco Giardino Sigurtà (VR) alla Toscana con la romantica Villa Gamberaia a Firenze, dall’esplosione di colori del Lazio con Palazzo Patrizi sul lago di Bracciano, il Roseto Vacunae Rosae e i moderni Giardini della Landriana nei pressi di Roma fino a Palazzo Parisio a Malta. Per informazioni Tel. +39 031 756211 Mail: info@grandigiardini.it
  • La Provincia di Lecco ha deciso di ampliare l’apertura della Casa Museo di Villa Monastero a Varenna anche nel mese di Giugno, estendendo l’orario anche ai giorni 5, 12, 19, 26 giugno dalle 12 alle 19. Nel mese di giugno 2014, Villa Monastero sarà aperta per le visite come segue: Giardino Botanico tutti i giorni dalle 9.30 alle 19 Casa Museo Aperture ordinarie (venerdì, sabato, domenica e festivi): 1-2-6-7-8-13-14-15-20-21-22-27-28-29 dalle 9.30 alle 19 Aperture straordinarie (tutti i giovedì): 5-12-19-26 dalle 12 alle 19 Maggiori informazioni sui Giardini di Villa Monastero: Tel +39 0341.295318 Tel +39 0341.295450 Fax +39 0341.295333 Scopri i Giardini di Villa Monastero in anteprima! www.grandigiardini.it/scheda.php?id=176 
  • Arte Sella: Esposizione di Susanna Bauer “Vita di Foglie/Lifeo of Leaves”. La prima personale italiana dell’artista tedesca Susanna Bauer, “Vita di foglie/Life of leaves” raccoglie alcuni dei suoi più significativi lavori: delicate composizioni di foglie in cui antiche tecniche tradizionali, come la tessitura e il lavoro all’uncinetto, sottolineano la fragilità e l’unicità degli elementi naturali. L’evento è realizzato in collaborazione con Quotapoesia. La mostra rimarrà aperta fino al 30 settembre 2014 Orari di apertura: dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 12. martedì e mercoledì, dalle ore 14 alle ore 18 Ingresso gratuito Per maggiori informazioni: tel. 0461 751251 fax 0461 756391 Scopri Arte Sella in anteprima! www.grandigiardini.it/scheda.php?id=151

 Dal mondo delle associazioni

  • Una bella iniziativa della rete degli orti botanici di Lombardia: per finanziare la tutela, la conservazione e la promozione del patrimonio vegetale dei sette orti del network è stato lanciato il progetto “Adotta un seme”, grazie al quale in cambio di 10 euro si può ricevere a casa una bustina di semi. Per info www.reteortibotanicilombardia.it

 Siti web

  • Il vivaio Priola ha inaugurato una pagina facebook all’indirizzo
  • ACMA Centro Italiano di Architettura, tramite il portale paesaggio.it, organizza dei contest fotografici con la finalità di arricchire il dibattito sul paesaggio declinando diversi suoi aspetti attraverso il mezzo fotografico. Visita la pagina: http://paesaggio.it/contest/
  • Leafsnap una app (per Ipad e Iphone)sviluppata dai ricercatori della Columbia University per riconoscere gli alberi; è possibile scattare foto di foglie e avere in risposta alcune alternative di specie arboree con scheda descrittiva
    http://www.leafsnap.com
  • Gardening: un portale dedicato a suggerimento colturali con migliaia di schede su specie vegetali. Disponibile anche il comando “Trova piante”
    http://it.gardening.eu
  • National Gardening Association
    Molto utile lo strumento “Plantfinder” che consente di effettuare ricerche con molti differenti parametri
    http://www.garden.org/plantfinder/

Viaggi

  • Mille Papaveri Rossi organizza “Paesaggio e Architettura in Belgio e Francia del Nord” che si svolgerà dal 28 giugno al 2 luglio 2014. Programma

Nessun commento