Post di gennaio, 2014

gen 21 2014

News in tema di incontri, corsi, concorsi e altro ancora…

Pubblicato da in "News"

Isola del Garda, giardino all’italiana

Il 20 gennaio è mancato un grande del nostro tempo, il maestro Claudio Abbado. Ho letto che aveva insieme a Renzo Piano un progetto per realizzare un grande auditorium all’interno di un vivaio perchè a suo parere “se ti dedichi alla musica e alla natura insieme puoi salvare il mondo”. Mi piace ricordarlo con questa sua bella e profonda affermazione.

Convegni, seminari e workshop

  • Acma organizza un ciclo di incontri sul paesaggio mettendo a confronto diverse esperienza internazionali dal 27 marzo 2014 al 23 ottobre 2014. Programma 
  • L’acqua è il tema del XXIV ciclo di aggiornamento sul  giardino storico che si tiene a Padova dal 23 gennaio 2014 al 29 maggio 2014. Il ciclo di incontri si concluderà con un viaggio di studi dal 15 al 22 giugno nel sud della Germania per scoprire i paesaggi fluviali e i giardini d’acqua. Programma 
  • L’associazione culturale Dynamoscopio con Hub Giambellino organizza un corso di 150 ore della durata di due mesi su “Cucina interculturale e catering del mondo”. Per informazioni info@dencity.info, tel 339/4989070
  • ISAD organizza il master di primo livello DIVENTARE GARDEN DESIGNER, progettare giardini che rispondano con sensibilità ai luoghi e alle esigenze di chi vive lo spazio verde. Coordinatore: Arch. Marco Sessa, Inizio: 10 marzo 2014, Durata: 1.500 ore. Sede ISAD – Istituto Superiore di Architettura e Design, Via Balduccio da Pisa, 16, 20139 Milano, Tel. 02.55210700, isad@isad.it www.isad.it; www.isad-school.com 
  • L’ecobookshop Valcucine di Corso Garibaldi a Milano organizza un ciclo di incontri
    Martedì 21 gennaio 2014, ore 19 LA CATENA DEL CIBO – LA CITTÀ CHE CAMBIA #2
    Mercoledì 22 gennaio 2014, ore 19 POPUP MAKERS MILANO
    Martedì 28 gennaio 2014 2014, ore 19 IO PER TE, IO PER ME: PRENDERSI CURA DI SÈ COME PERSONE E COME GENITORI PER PRENDERSI CURA DEI PROPRI FIGLI
  • L’Università del Cardinal Colombo di Milano organizza un ciclo di incontri dal titolo “Miti e simboli tra occidente e oriente”. Per info www.utecolombo.org, tel 02/6552190 Programma

Concorsi

  • Nell’ambito della III edizione della manifestazione Ninfeamus intitolata “Dire, fare e sbocciare” 25 – 27 aprile 2014 – Lainate (MI), presso Villa Borromeo Visconti Litta si terrà un concorso di allestimenti temporanei rivolto a studenti e professionisti progettisti del verde. Per info info@ninfeamus.it – www.ninfeamus.it ileana.croci@hotmail.it. Bando allestimento
  • Giardini creativi il titolo del concorso indetto da Orticolario in vista della sua prossima edizione in ottobre 2014. Dal 15 novembre 2013 al 31 gennaio 2014, progettisti del paesaggio e dei giardini, architetti, designer, artisti e vivaisti potranno presentare domanda di ammissione per partecipare al concorso e realizzare i loro progetti in occasione della sesta edizione di Orticolario, “Per un giardinaggio evoluto”. Per info www.orticolario.it, Mail info@orticolario.it Tel. +39.031.3347503
  • Nell’ambito di Ortogiardino, il più importante Salone dedicato al giardinaggio e alla floricoltura del Nord Est, in programma alla Fiera di Pordenone dall’1 al 9 marzo 2014, , Pordenone Fiere SpA indice la terza selezione a livello nazionale del Festival dei Giardini, che mette in competizione le migliori idee e realizzazioni in tema di piccoli giardini. Un Festival dei Giardini a Pordenone non può essere che innovativo, per questo le creazioni saranno legate ad un tema che varierà nelle successive edizioni. Per scaricare il bando http://www.ortogiardinopordenone.it/assets/Uploads/2014/PROROGA-Bando-di-selezione-3Festival-dei-Giardini-19.11.2013.pdf

Appelli

Un appello del gruppo Avaz.org a proposito dell’accordo europeo sul clima.

Intorno a Milano

  • A Villa Necchi, via Mozart 14 di Milano due appuntamenti verdi
    “Agru-Mi Un mondo di agrumi”, domenica 16 febbraio dalle 10 alle 18
    Un soffio di primavera weekend 1-2 marzo 2014
  • Mad Green, laboratorio itinerante dedicato a chi vuole mettere alla prova la propria creatività su piccoli quadrati “urbani” di terra come balconi, davanzali, cortili, orti domestici o vecchi spazi abbandonati. Il primo laboratorio Mad Green verrà ospitato nel Giardino Nascosto, un’ex area degradata fra il Naviglio Grande e l’Olona, presa in consegna dall’associazione “Comitato Ponti”. “Questo giardino – racconta Marzia Biraghi, presidente dell’associazione – sorge su un’area comunale che abbiamo chiesto in affidamento e in uso con la delibera dei giardini condivisi. Ci è stato assegnato a giugno e noi abbiamo sviluppato un progetto che si articola su tre anni perché è un terreno molto grande, sono circa 5mila metri quadri”.
    Per informazioni http://notizie.tiscali.it/regioni/lombardia/feeds/14/01/08/t_76_20140108_1004_video_01.html
  • A proposito delle vie d’acqua per Expo 2015 http://www.02blog.it/post/55373/expo-2015-la-via-dacqua-e-le-polemiche 
  • L’Associazione Riaprire i navigli sta predisponendo una nuova pagina del sito www.riaprireinavigli.it, nella quale saranno pubblicati i loghi e inserito il collegamento ai siti internet di tutte le istituzioni e associazioni che intendono esprimere il proprio interesse e sostegno al progetto di riapertura dei Navigli in Milano. Si tratta, come sapete, di un’opera di grande interesse regionale e nazionale, che consentirebbe di mettere in rete, riqualificare e rendere navigabili i 140 chilometri dei Navigli lombardi, dall’Adda al Ticino, con conseguenti ricadute ambientali, culturali ed economiche su Milano e la Lombardia.

Dal mondo dei libri

Dal mondo dei giardini

  • Isola del Garda riapre puntualmente la stagione il 13 aprile, a pochi giorni dalla Pasqua, con un calendario ricco di eventi. Novità 2014 la mostra temporanea “Un’Isola da favola: Ecce Pinocchio”, concerti di musica live e il “Family Day” a Pasquetta. Comunicato stampa

  • sabato 25 gennaio verrà effettuata la visita guidata ai significati esoterico-massonici del Parco di Villa Durazzo Pallavicini a Genova, alle ore 10, previa prenotazione. I posti disponibili sono 25. Per info www.amicivillapallavicini.it con tutte le info per visitare il parco e il nuovo numero telefonico associativo: 329 53321

  • I Giardini di Sissi a Meranoda martedì 1° aprile riapriranno i cancelli per svelare tutta la loro bellezza: un giardino di 12 ettari dedicato a tutte le piante del mondo, 7 km di sentieri, una splendida enciclopedia botanica vivente che si veste di stagione in stagione di profumi e colori sempre nuovi, per far vivere esperienze straordinarie e che regala emozioni tra arte, natura e intrattenimento. Comunicato stampa

Mostre e fiere di giardini

  • Orticolario 2014 si terrà a Villa Erba a Cernobbio, sul Lago di Como, dal 3 al 5 ottobre 2014. Il senso conduttore sarà l’olfatto: Orticolario farà vivere ai visitatori un viaggio nella percezione di aromi e fragranze nell’aria e tra le essenze, nell’evocazione di atmosfere, momenti e ricordi che prenderanno corpo liberando il più antico e primordiale tra i sensi. Il fiore protagonista della nuova edizione sarà invece l’Aster, la “stella” del giardino.

  • Al motto di ‘Zappa che ti passa’ la seconda edizione della Fiera degli orti e dei giardini che si svolgerà il 5 e 6 aprile 2014 : la proposta di Cesena Fiera per agricoltura e giardinaggio hobbistico, con una intensa attività didattica e divulgativa. Comunicato stampa

  • In programma Sabato 24 e Domenica 25 Maggio la nuova edizione della mostra mercato organizzata dall’Associazione Florovivaisti Bresciani tra gli splendidi giardini di Castello Quistini in Franciacorta. Per info: http://www.giardinaria.it

A proposito di orti

  • Presso il Teatro Franco Parenti di Milano è stato realizzato un orto stabile sul terrazzo in collaborazione con la onlus Orti d’azienda. Vedi progetto
    In collaborazione con la medesima associazione è in programma un corso pratico sull’orto che si terrà ogni martedì alle 18 presso il teatro dal 18 febbraio al 18 marzo. Per informazioni http://www.teatrofrancoparenti.it/?p=informazioni-spettacolo&i=826

Un commento presente

gen 21 2014

Giardini romani. Prima parte I giardini di Villa Borghese di Federica Raggio

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Ancora due contributi di Federica Raggio che ci introduce ai giardini di Villa Borghese in veste autunnale e in una seconda parte ai giardini Vaticani

Mi trovo di nuovo a Roma.
È dicembre ma qui siamo ancora in autunno e neppure troppo inoltrato, anzi semplicemente perfetto.
C’è troppa gente in giro per le strade e sento il bisogno di una tregua.
I colori che la natura offre in questa stagione mi danno la certezza che la fuga semi-silvestre sarà decisamente appagante.
In un istante mi rendo per giunta conto che sono a due passi da uno dei parchi più grandi della città e senza pensarci due volte mi oriento nella sua direzione.
Il parco di Villa Borghese in autunno è un luogo che commuove. Soprattutto se ci si avvicina arrivando dal Pincio. Da lassù lo sguardo non sa da che parte girarsi. È strattonato dalla bellezza di Roma da un lato e dalla natura selvaggia del parco dall’altro.
Settantanove ettari di verzure che si distribuiscono in pieno centro città disegnando un cuore, perché questa è la sagoma della sua pianta.
All’inizio del seicento il cardinale Scipione Borghese fece edificare il Casino Nobile, ovvero l’ edificio che attualmente ospita il museo con una delle più prestigiose raccolte di opere d’arte dal XVI al XVIII secolo, con capolavori di artisti quali Raffaello, Tiziano, Caravaggio, Bernini e Canova. Rimaneggiato dal XXVI al XX secolo, lo si scopre addentrandosi tra viali e vialetti. Anche l’occhio più distratto viene continuamente sollecitato da tutte le presenze che si incontrano camminando. Statue, obelischi, tempietti e casini, laghetti e fontane, uccelliere e giardini segreti.
Ho scorrazzato quattro ore posseduta dallo spirito di Pan. Ma ci vogliono infinite stagioni per poter scoprire tutto quello che il parco possiede, sia di ricchezze artistiche che di magia, di cui è indiscutibilmente intriso.
Per saperne di più: http://www.sovraintendenzaroma.it/i_luoghi/ville_e_parchi_storici/ville_dei_nobili/villa_borghese

Ecco una galleria di immagini

Pianta del parco a forma di cuore

Uccelliera

Portico dei leoni

Tempietto di Esculapio

Giardini di Valle Giulia

Un tiglio in versione molto autunnale

Piazza di Siena

Valle dei platani in versione Angkor

Fontana dei cavalli marini

Pini marittimi autunnali e chiome dorate

Parco dei daini

Casino nobile da uno dei giardini dell’Uccelliera

Uccelliera

Giardino all’italiana sul retro del Casino dei Nobili

 

Nessun commento

gen 21 2014

Giardini romani. seconda parte i giardini del Vaticano di Federica Raggio

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

Vista di S.Pietro dal Collegio Etiopico

C’era una volta un Re
seduto sul sofà
che disse alla sua serva
raccontami una storia
e la serva incominciò:
C’era una volta un Re
seduto sul sofà…

La storia comincia nel 1279 quando papa Niccolò III (1277-1280), al secolo Giovanni Gaetano Orsini, riportò la residenza papale dal Laterano al Vaticano, e fece impiantare un frutteto (pomerium), un prato (pratellum) e un vero e proprio Giardino (viridarium).
La storia prosegue, papa dopo papa, con aggiunte, sostituzioni, modifiche, interpretazioni fino ad arrivare ad oggi. Ogni pontefice comincia la propria storia, lascia traccia tangibili o anche solo percettibili delle proprie preferenze, marca il luogo. La sensazione è che i giardini di Città del Vaticano non siano veri e propri giardini; quanto piuttosto una moltitudine di successioni tematiche. Successioni che delimitano percorsi pedonali, carrabili, di servizio. Che definiscono ambiti e pertinenze di una vera e propria, se pur minuscola, città. Ci sono spazi per il traffico veicolare e di preghiere, giardini tematici di fronte ai luoghi di rappresentanza, alcove protette per permettere momenti di pensiero e introspezione all’aria aperta. Ci sono boschi o quel che resta di selve che furono. Si incontrano belvedere e pensatoi. Ogni pontefice elegge il proprio angolo del cuore e lo personalizza a proprio gusto ed epoca.
Ça va sans dire, comunque, che il periodo di maggiore sviluppo architettonico dei Giardini è comunque tra il ‘500 e il ‘600, quando interviene il contributo di artisti e architetti quali Donato Bramante e Pirro Ligorio. Work in progress nei secoli i giardini hanno mantenuto possesso dei due terzi della superficie totale del piccolo Stato.
Uno dei pochissimi residenti stabili è il giardiniere che occupa con la moglie una piccola casina in una posizione da far invidia anche ai più laici. In pura coerenza con le improvvisate che dona il resto della città, fontane, statue, capricci scenografici sorprendono e accompagnano i passi, ahimè, vincolati dalla presenza di una guida, comperata a caro prezzo e a scatola chiusa e nel mio caso unico vero grosso inconveniente della visita. Il tour segue percorsi liberamente scelti dalla presenza di turno. La mia ha purtroppo tralasciato molte porzioni delle più importanti soffermandosi su inutili dettagli che hanno impoverito la visita, oltre che dal punto di vista estetico, anche e soprattutto da quello dei contenuti.
Non ho purtroppo da segnalare indirizzi utili di guide private in alternativa a quelle proposte direttamente dalla biglietteria dei Musei Vaticani, ma forse il caso è meno spietato con chi arriva con meno aspettative.
Forse ci riproverò una seconda volta.
Ecco una galleria di immagini:

Il viale principale di accesso

Fontana e decori musivi alla Casina di Pio IV

Casina di Pio IV

Monumento a San Pietro

Fontana dell’Aquilone accesa da colori autunnali

I giardini all’Italiana prediletti da papa Ratzinger

Torre di San Giovanni e vite infuocata

Il muro che parte dalla Torre di San Giovanni e giochi d’ombre

I Giardini della Palazzina di Leone XIII

Percorsi ottocenteschi nel bosco di quercie

Nessun commento

gen 21 2014

Visti per voi: la mostra di Verona sul paesaggio

Pubblicato da in "Giardini e luoghi"

H. Seghers, Valle del fiume con gruppo di case

Verso Monet – Il Paesaggio dal Seicento al Novecento – Mostra a Verona, fino al 9 febbraio 2014 al Palazzo della Grande Guardia a Verona e dal a Vicenza e dal 22 febbraio al 4 maggio 2014 alla basilica Palladiana di Vicenza
Per informazioni http://www.mostralouvreverona.com/italiano/verona-mostra-verso-monet.html
http://www.comune.vicenza.it/vicenza/eventi/evento.php/91255
Organizzata da Marco Goldin di Linea d’ombra la mostra comprende una novantina di opere davvero notevoli di pittori dal 1600 fino ai primi del ‘900 con Monet provenienti dai più importanti musei USA.
La mostra merita sicuramente di essere visitata e non per l’allestimento e la disposizione delle opere che lascia molto a desiderare (testi molto lunghi e anche piuttosto ermetici accompagnano alcune delle opere che non sempre sono ben disposte: vale per tutte lo splendido salice piangente di Monet che conclude la rassegna che è stato collocato su un muro con una inopportuna tappezzeria fiorita) ma senz’altro per la selezione delle opere, tutte di grande qualità e per la scelta di proporre alcuni paesaggi poco noti di scuola nordica e russa.
La mostra è divisa in cinque sezioni:

• Il Seicento, il vero e il falso della natura – con gli inizi del passaggio dal paesaggio come sfondo al paesaggio come tema.

• Il Settecento, l’età della veduta – con le opere dei grandi vedutisti veneziani che nobilitano il tema pittorico del paesaggio.

• Il paesaggio romantico – con l’inderimento in questo soggetto artistico di elementi psicologici propri dell’arte ottocentesca.

• Realismi

• L’impressionismo e il paesaggio – con l’assolutizzazione del paesaggio come centro di ricerca artistica.

• Monet e la nuova idea di natura – Come arrivo di un grande percorso artistico.
Notevoli alcuni disegni di Rembrandt, delle miniature di paesaggio davvero straordinarie; bellissima la luminosità e il respiro di Lorraine (paesaggio con San Filippo), stupendi di Bellotto “Capricci” con un paesaggio ritagliato nell’arco di trionfo sul bordo della laguna e “Veduta di Verona” con colori caldi e ombre vivide. Interessante la sezione dei pittori scandinavi, meno noti almeno per me. Luce allo stato puro il bellissimo “Paesaggio con fiume e montagne in lontananza di Turner.
Nella stanza degli impressionisti mi ha colpito la scelta dei quadri di Van Gogh, in particolare “Covone sotto il cielo” e le due differenti rappresentazioni degli ulivi nei quadri intitolati “Uliveto”. Dell’ultima stanza dedicata a Monet ho amato in particolare “Prato a Giverny” del 1885 e la Valleè de la Petite Creuze del 1889.

Un commento presente

gen 21 2014

Scoperti per voi: Siti web

Pubblicato da in "News"

http://www.nuok.it
Un piccolo blog personale, nato per raccontare New York agli italiani, raccoglie presto consensi e collaboratori e in pochi mesi diventa un magazine online. La redazione virtuale si allarga a dismisura e nuove città spuntano come funghi qui e là sul mappamondo, anche in Italia. Oggi Nuok è un gruppo di urban reporter che ti prende per mano e ti fa scoprire luoghi sconosciuti, che credevi di conoscere, o che sognavi solamente.

http://www.wheremilan.com/discovermilano/
Un blog tutto dedicato a Milano con brevi articoli che segnalano novità nel campo dell’architettura, del verde, del cibo e segnalazioni di itinerari nella città e nei suoi dintorni. Ci si può iscrivere alla newsletter gratuita

Pinterest weekly è la newsletter settimanale che si può ricevere registrandosi su http://www.pinterest.com e scegliendo i temi di proprio interesse (pin picks)

http://land8.com
Il primo social network per architetti del paesaggio fondato nel 2008 da Andrew Spiering: nella sezione “Profili” la scheda di tutti i membri (circa 12.000), in quella “Gallery” una interessnte rassegna di progetti

http://www.landscapeonline.com/
Si presenta come “il più grande database sul paesaggio in Internet”. Rivolto ai professionisti, specie americani, è interessante per le novità in tutti i materiali e strumenti che sono gli attrezzi del mestiere.

Nessun commento

gen 21 2014

Un vivaio messicano: foto di Isabella Boila

Pubblicato da in "plant design"

La mia amica Isabella Boila mi ha inviato delle belle foto di un nuovissimo vivaio “Vivero Jardin botanico”  Palya Mermejita, Mazunte, Oaxaca con piante tropicali ed erbe aromatiche.

 

 

 

Nessun commento

gen 20 2014

Dal mondo delle riviste

Pubblicato da in "News"

Interferences Varvara Shavrova

Una nuova rubrica per condividere articoli, segnalazioni e news che mi sono sembrati inteteressanti dallo spoglio di alcune riviste di settore che leggo abitualmente.

Gardenia gennaio 2014

  • Una nuova rubrica di cui si sentiva davvero il bisogno dedicata all’esplorazione delle radici delle piante, organo davvero poco indagato e così prezioso e importante. Si intitola “Dimmi che radice hai…” ed è curata da Cristiana Serra-Zanetti. In questa prima parte si esplorano le radici del Buxus sempervirens, di Capperis spinosa, di Thymus x faustonii, Nerium oleander (oleandro), Loropetalum chinense, Camellia sasanqua, Gardenia augusta, Magnolia kobus, e Osmanthus x burkwodii. Fotografie di ogni pianta con il suo apparato radicale e descrizione.
  • Pia Meda ci accompagna nell’esplorazione della serra tropicale del nuovo MUSE, museo dedicato alla scienza progettato a Trento da Renzo Piano. Le serre sono aperte dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18, sabato e domenica e festivi dalle 10 alle 19. Indirizzo corso del lavoro e della scienza 3, Trento, sito web: www.muse.it

Garden Illustrated january 2014

  •  Un articolo intitolato “Hardy exotics” passa in rassegna alcune piante esotiche che sono rustiche e quindi possono essere coltivate anche al nord. Tra le altre vengono illustrate: Thachycarpus wagnerianus, una palma giapponese, Magnolia delavayi, una magnolia arbustiva sempreverde, Tetrapanaz papyrifer ‘Rex’, una pianta boschiva dalle foglie molto architettoniche, Hedychium coccineum ‘Tara’, una grande liliacea che fiorisce in settembre
  • a Londra è stato appena inaugurato un nuovo giardino pubblico firmato dal grande paesaggista inglese Dan Pearson: sopra il tunnel ferroviario a King’s cross.
  • Design trends 2014: alcuni garden designer illustrano sinteticamente le nuove tendenze del giardino e del giardinaggio. Ne emerge: un ritorno al giardinaggio, un uso minore del “hard landscape” a favore delle piante, in particolare quelle più naturali e selvatiche, il diffondersi dei community gardens e in generale del coinvolgimento attivo dei cittadini nella cura degli spazi verdi, anche come strumento di socializzazione
  • Tra i libri una segnalazione in particolare di “Contemporary designers own gardens”, Barbara Baker, Garden Art Press: una ventina tra i più quotati paesaggisti internazionali, tra cui Pearson, Caruncho, Blanc, Tom Stuart-Smith, Geuze di West 8, illustrano i loro giardini

Architettura del paesaggio, n. 29, II semestre 2013

  • La rivista con questo numero cambia completamente pelle: rinnovata nella grafica, più elegante e minimalista e nella struttura editoriale con una nuova suddivisione molto interessante delle sue parti e con nuove rubriche. Il taglio resta monografico e questo numero è dedicato al tema “Archeologie e paesaggi del quotidiano”: la prima parte è costituita da Letture intorno al tema di diversi autori e la seconda ad una rassegna di progetti che sono raggruppati secondo diversi filoni tematici. Interessante la nuova rubrica “Strumenti” che raccoglie informazioni, soluzioni di progetto, elementi costruttivi, aggiornamenti normativi, tutti strumenti utili al professionista
  • Tra i progetti segnalati mi sono sembrati molto interessanti l’esperienza di Metropoliz, fabbrica di sperimentazioni artistiche in via Prenestina a Roma dove ha sede il Museo dell’Altro e dell’Altrove, che si apre anche ad interventi di architettura del paesaggio; Shovel Down, una installazione temporanea dell’artista Varvara Shavrova all’interno del Parco Nazionale di Dartmoor nella regione del Devon in Inghilterra, che crea connessioni tra competenza artistiche e archeologiche proponendo la lettura del paesaggio come stratigrafia di elementi antropici e naturali. Per i suoi progetti vedi http://www.varvarashavrova.com/

Topscape n. 14 2013

  • Un ampio servizio è dedicato ai paesaggi di Expo 2015 con una illustrazione dei progetti paesaggistici: il sistema delle piazze e gli hortus, a cura dello studio Pan associati e dello studio di Franco Zagari
  • Stewardship, ovvero la guida responsabile, un saggio di Richard Weller sugli elementi fondanti la disciplina paesaggistica

Linea d’ombra, n. 30, 1991

L’amica Raffaela Muraro ha ripescato nel suo archivio un vecchio saggio pubblicato sulla rivista e dedicato alle Culture del paesaggio, di Roger, Hunt, Magrelli, Lowenthal. Per leggerlo integralmente: http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2014/01/culture-del-paesaggio-da-lineadombra-1991.pdf

La Repubblica 27 marzo 2013

L’eco-business delle pecore giardiniere. Per leggerlo integralmente: http://www.giardininviaggio.it/wp-content/uploads/2014/01/pecore-giardiniere.jpg

 

 

 

Nessun commento

gen 20 2014

Letti per voi: Verde brillante

Pubblicato da in "plant design"

Stefano Mancuso, Alessandra Viola, Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale. Giunti, 2013, 138 pp. 14 euro

Una lettura davvero appassionante che ci regala un altro sguardo sul mondo delle piante, confermando alcune sensazioni e facendoci scoprire quanto sorprendente sia il mondo naturale. Stefano Mancuso, è professore associato presso la facoltà di Agraria dell’università di Firenze, dirige il Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale (LINV) è membro fondatore della International Society for Plant Signaling & Behaviour; Alessandra Viola è una giornalista scientifica freelance. Il risultato di questo libro a 4 mani è un testo molto agile, di piacevole lettura, ma nel contempo rigoroso e ricco di esempi di ricerche sul campo.
A dispetto degli antichi e consolidati pregiudizi, il mondo vegetale è dotato di straordinarie capacità sia sensitive che intellettive e una incredibile attitudine al problem solving.
A differenza dal mondo umano ed animale i vegetali non possiedono organi singoli ma sono organismi modulari, divisibili e dotati di differenziati e sparsi centri di comando e sono sessili, cioè non si spostano (o quasi!). Inoltre, fatto molto rilevante, sono dotati di una “intelligenza di sciame” che permette loro di agire non come singoli ma come una rete, al pari delle colonie di formiche, degli stormi di uccelli o un banco di pesci. Il primo a suggerire, sulla base di dati certi e quantificati, che i vegetali fossero organismi molto più sofisticati di quanto si pensasse fu Charles Darwin che in particolare nella sua opera “The power of movements of plants” afferma tra le altre cose che “la punta della radice ha il potere di dirigere il movimento delle regioni adiacenti e agisce come il cervello di un animale inferiore…”.
Dopo un capitolo in cui percorre la storia dei pregiudizi nei confronti delle capacità del mondo vegetale, Mancuso illustra i sensi delle piante, le loro strategie di comunicazione e cerca di dimostrare e definire l’intelligenza vegetale.
I sensi delle piante
Nonostante le piante non siano dotate di alcun organo deputato ad esercitare uno dei nostri 5 sensi, li possiedono tutti e ne presentano anche altri, come ad esempio la capacità di calcolare la gravità, i campi magnetici, l’umidità e quella di analizzare diversi gradienti chimici.
La vista
Le piante sono in grado di intercettare la luce, di utilizzarla e di riconoscerne sia la qualità che la quantità; ne è un esempio lampante il fenomeno chiamato “fuga dall’ombra” che porta le piante a modificare la propria posizione in direzione della luce muovendo le foglie per riceverla in modo ottimale. Questa capacità deriva dalla esistenza di numerosi ricettori della luce che sono collocati per lo più sulle foglie. E in autunno la parte aerea di alcune piante “chiude gli occhi” perdendo le foglie, che costituiscono la parte più delicata nel periodo del gelo.
L’olfatto
Tutti gli odori prodotti dalle piante sono dei veri e propri messaggi che vengono comunicati al mondo esterno; ad esempio le angiosperme producono odori specifici per trasmetterli ai loro insetti impollinatori.
Il gusto
Le radici delle piante sono in grado di percepire i minuscoli gradienti chimici del terreno assaggiando in continuazione il suolo alla ricerca di nutrienti appetitosi come nitrati, fosfato e potassio. E non dimentichiamo poi il caso delle piante carnivore…
Il tatto
Un po’ dappertutto nelle piante si trovano piccoli organi chiamati “canali meccano-sensibili” che sono speciali recettori che si attivano quando la pianta tocca qualcosa. Un esempio ben noto è Mimosa pudica che appena sfiorata ritrae le foglie in una sorta di strategia difensiva non ancora del tutto spiegata. Anche le radici, attraverso i loro apici, sono in grado di percepire gli ostacoli, come i sassi nel terreno, e di cambiare il loro percorso girandogli intorno.
L’udito
Le piante utilizzano la terra come vettore per trasmettere i suoni e percepiscono i suoni grazie alla presenza dei canali meccano-sensibili che servono loro anche per il tatto. Un esempio molto interessante è l’esperimento condotto da un viticoltore di Montalcino che, in collaborazione con il LINV, ha provato per oltre 5 anni a coltivare le viti a suon di musica: le viti così allevate sono cresciute meglio, sono arrivate a maturazione prima e prodotto uva più ricca di sapore, colore e polifenoli. La musica ha poi tenuto lontani gli insetti, disorientandoli! Da qui è nata una nuova branca dell’agricoltura biologica, chiamata appunto fonobiologica.
La comunicazione nelle piante
Per trasportare informazioni da una parte all’altra del proprio organismo, le piante si servono di segnali elettrici, idraulici e chimici. Esse possiedono un sistema idraulico per trasportare materiale da un punto all’altro dell’organismo: xilematico dal basso verso l’alto (acqua e sali dalle radici alla chioma) e floematico nel percorso inverso (zuccheri prodotti dalla fotosintesi dalle foglie ai frutti e alle radici).
C’è poi la comunicazione tra piante che avviene attraverso il contatto, delle radici in primo luogo ma anche delle chiome. Ad esempio alcuni alberi – delle famiglie della Fagaceae, Pinaceae e delle Mirtaceae – non gradiscono intrecci di chiome e pattuiscono una spartizione del territorio per non disturbarsi a vicenda.
Sono poi in grado di riconoscere i loro parenti per perseguire l’obiettivo della difesa del proprio patrimonio genetico: questo avviene soprattutto attraverso segnali chimici emessi dalle radici e probabilmente anche dalle foglie.
Un altro aspetto della comunicazione riguarda quella con altri organismi come nel caso delle micorrizie, un tipo di simbiosi nel sottosuolo tra funghi e radici dove lo scambio mutualistico è tra fosforo e zuccheri.
Ma la simbiosi si può produrre anche con i batteri azotofissatori come per le leguminose che ricavano appunto dai batteri forme azotate utilizzabili e in cambio forniscono zuccheri.
Infine c’è la comunicazione fra piante e animali, dove le piante possano distinguere gli insetti predatori da quelli amici; nel primo caso la pianta per difendersi produce sostanze che rendono la foglia aggredita poco appetitosa, nel secondo caso la pianta attira, sempre con una miscela di sostanze chimiche, l’insetto che può uccidere il predatore. Un caso emblematico è quello del mais che nelle antiche varietà era in grado di attirare, tramite la produzione della cariofillina, dei nematodi capaci di combattere la Diabrotica virgifera, un insetto molto dannoso che attacca le radici.
La comunicazione con gli insetti è alla base della impollinazione dove il nettare è il centro di un vero e proprio mercato dove si scambiano prodotti contro servizi e alla base delle strategie di trasporto dei semi quando vengono scelti gli animali come vettori. L’intelligenza vegetale
Se il 99.7% della biomassa sulla terra è composta da vegetali, secondo l’autore significa che il mondo vegetale è dotato di elevate capacità di soluzione di problemi che gli hanno consentito di conquistare maggiore spazio a discapito delle altre specie.

Se intelligenza è capacità di problem solving, le piante sono intelligenti perché devono registrare un gran numero di parametri ambientali (luce, umidità, gradienti chimici, presenza di altre piante o animali, campi elettromagnetici, gravità…) per prendere decisioni che riguardano la ricerca degli alimenti, la competizione, la difesa, i rapporti con le altre piante e gli animali.
Molto interessanti e solo agli albori i potenziali sviluppi applicativi che derivano dalla conoscenza delle doti del mondo vegetale: abbiamo visto la fonobiologia come branca dell’agricoltura biologica, la lotta biologica e la fitorimediazione dove le piante assumono l’importante ruolo di bonifica dei terreni inquinati.

Video consultabili sulla rete

http://www.youtube.com/watch?v=7nZx0JcU2z0 Intervista a Stefano Mancuso
http://www.youtube.com/watch?v=KR-uHupCc30 Piero Angela, Superquark
http://www.youtube.com/watch?v=Wg6fFpT6rKE Voyager Mistero delle piante I
http://www.youtube.com/watch?v=Xyo0hcAumco Voyager Mistero delle piante II
http://www.youtube.com/watch?v=7e8U0gK9ApQ Voyager Mistero delle piante III

 

 

 

Nessun commento

gen 16 2014

Nuove piante intriganti da conoscere

Pubblicato da in "plant design"

Traggo dall’ultimo numero di gennaio della rivista “Garden Illustrated” alcune indicazioni di nuove piante interessanti che mi piace condividere con voi

Trautvetteria carolinensis
Una erbacea perenne che ama l’ombra proveniente dagli USA, attraente dalla primavera all’autunno con fiori profumati tipo margheritine di un bel bianco brillante.

trautvetteria

Nepeta grandiflora ‘Summer magic’
Nepeta dal portamento molto eretto che non richiede sostegno, una buona alternativa alla lavanda da usare come bordo di percorsi e aiuole. I fiori primaverili sono di un bel blu intenso che forma un bel contrasto con il grigio delle foglie. H. 35 cm

Nepeta grandiflora summer magic

Elsholtzia stantonii
Un’erba aromatica cinese che fiorisce con lunghe spighe violette dalla tarda estate fino all’autunno; richiede pieno sole e suolo ben drenato; le foglie, che si arrossano in autunno, hanno profumo di menta

Elsholtzia-stauntonii

Rodgersia pinnata ‘Pershire Bronze’
Ha foglie bronzee molto decorative e molto interessanti i portasemi di un rosso intenso

Rodgersia pinnata

Physostegia virginiana ‘Vivid’
Erbacea perenne nativa del Nord America con fiori rosa porpora tra luglio e ottobre, H 60 cm

Physostegia virginiana

Geranium pratense ‘Plenum caeruleum’
Un geranium dal fiore doppio di colore azzurro intenso che ama il pieno sole

geranium plenum caeruleum

3 commenti presenti